LE CAPACITÀ DI INGEGNERIA DIGITALE DI REDWIRE SIMULANO L’ARCHITETTURA SPAZIALE IBRIDA PER LA PIANIFICAZIONE AVANZATA DELLE MISSIONI
 
Lo specialista di sistemi spaziali mission-critical Redwire ha dimostrato con successo le capacità del suo Hybrid Architecture Laboratory Operational Environment (HALOE) per migliorare la difesa nazionale degli Stati Uniti.

La simulazione ha dimostrato il potenziale di HALOE nel facilitare la progettazione di missioni spaziali ingegnerizzate digitalmente, rapida e configurabile, che potrebbe essere utilizzata per la pianificazione avanzata delle missioni a supporto delle Joint All-Domain Operations (JADO). La dimostrazione è scaturita da un contratto assegnato dall’US Air Force Research Laboratory (AFRL) nell’ottobre 2020 e mette in evidenza il potenziale degli ambienti di ingegneria digitale all’interno dei settori spaziali.

“La dimostrazione di successo della capacità di HALOE di assimilare e armonizzare le risorse attuali e di prossima distribuzione su più domini in un unico ambiente digitale è un’importante pietra miliare nel raggiungimento di JADO”, ha affermato Stanley Kennedy Jr., Chief Architect di Redwire. “La realizzazione della visione finale di HALOE consentirà ai decisori chiave di valutare le capacità attuali e future per l’integrazione nelle architetture esistenti o nelle architetture previste per il futuro.

“QUESTA CAPACITÀ DI INGEGNERIA DIGITALE PER LO SPAZIO UNICA NEL SUO GENERE HA IL POTENZIALE PER AUMENTARE LA VELOCITÀ E RIDURRE I COSTI DELLE FUTURE IMPLEMENTAZIONI DELL’ARCHITETTURA”.

Redwire è stata fondata dalla società di private equity AE Industrial Partners nel giugno dello scorso anno e poco dopo ha effettuato una serie di acquisizioni , tra cui fornitori di componenti per veicoli spaziali e fornitori di servizi di ingegneria Adcole Space e Deep Space Systems , insieme allo specialista di produzione fuori dal mondo Made In Space .

A dicembre, l’azienda ha continuato la sua corsa all’acquisizione con l’aggiunta dello sviluppatore di payload Loadpath , la cui tecnologia ha supportato oltre 20 voli spaziali per artisti del calibro della NASA e del Dipartimento della Difesa (DoD).

L’unione di queste società ha fornito a Redwire notevoli capacità di assistenza, assemblaggio e produzione in orbita. Finora, l’azienda ha sfruttato le tecnologie di produzione additiva di Made In Space per stampare in 3D nuovi blisk di turbine in ceramica in orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). 

Ad aprile, Redwire ha annunciato il suo piano per diventare pubblico sul NYSE tramite una fusione di Special Purpose Acquisition Company ( SPAC ) con Genesis Acquisition Corp , in un accordo che valuta la società a circa $ 615 milioni. Con la fusione che potenzialmente fornisce all’azienda 170 milioni di dollari in capitale liquido, la fusione potrebbe fornire il sostegno necessario a Redwire per continuare ad espandere il suo già consistente portafoglio aerospaziale. 

HALOE è basato sul framework Modular Open System Architecture (MOSA) della suite di software ACORN Digital Engineering di Redwire. ACORN è stato sviluppato per fornire un ambiente di ingegneria digitale end-to-end scalabile, rapidamente riconfigurabile e a circuito chiuso per lo sviluppo di sistemi spaziali. 

Dotato delle stesse capacità di ottimizzazione del design multidisciplinare e delle interfacce agnostiche di ACORN, HALOE consente di integrare sistemi disparati all’interno di un ambiente di simulazione per riconfigurare rapidamente i sistemi spaziali. L’architettura basata su cloud di HALOE consente ai team di lavorare insieme in remoto all’interno di ambienti virtuali di ingegneria digitale, indipendentemente dalla loro posizione. Ciò facilita la configurazione di più costellazioni di satelliti, stazioni di terra e risorse disparate all’interno di un’unica simulazione. 

La simulazione dimostrata come parte del contratto AFRL è sincronizzata nel tempo, supportando le fasi temporali definite dall’utente per garantire che tutte le risorse rimangano in sintonia per la valutazione rispetto agli obiettivi specifici della missione. Secondo Redwire, l’architettura avanzata potrebbe in definitiva migliorare la fedeltà delle simulazioni del sistema spaziale riducendo i costi di sviluppo. 

In sostanza, la dimostrazione di successo ha evidenziato il potenziale per HALOE di rafforzare la difesa nazionale degli Stati Uniti e la sicurezza spaziale, aprendo la strada a implementazioni di architetture future più rapide ed economiche ea una pianificazione delle missioni più avanzata.

“Le tecnologie di ingegneria digitale basate su MOSA come ACORN e HALOE sono la chiave per consentire il futuro di JADO”, ha affermato Maureen O’Brien, Vicepresidente senior di Redwire Mission Solutions. “In Redwire, siamo in prima linea nell’ingegneria digitale per JADO e HALOE è uno dei primi importanti trampolini di lancio verso l’implementazione della futura architettura dello spazio di sicurezza nazionale”.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi