Redwire si fonde con Spac e si quota così in borsa

REDWIRE DIVENTERÀ PUBBLICA SUL NYSE TRAMITE LA FUSIONE SPAC DA $ 615 MILIONI

Lo specialista di sistemi spaziali mission-critical Redwire è destinato a diventare pubblico al NYSE tramite una fusione con Genesis Park Acquisition Corp (NYSE: GNPK) della Special Purpose Acquisition Company (SPAC ).

Si prevede che l’accordo sarà completato durante il secondo trimestre del 2021, valutando la neonata società a circa $ 615 milioni, dotandola di $ 170 milioni di capitale liquido. A seguito delle acquisizioni di Redwire di Adcole Space , Deep Space Systems (DSS) e Made In Space (MIS) lo scorso anno, la fusione potrebbe fornirle il sostegno necessario per continuare ad espandere il suo già consistente portafoglio aerospaziale.

All’indomani dell’annuncio di Redwire, le azioni della SPAC sono aumentate di oltre il 5% da $ 10,18 a $ 10,75, ma da allora si sono stabilizzate intorno a $ 10,35.

“Siamo entusiasti di entrare in questa combinazione aziendale con Genesis Park”, ha affermato Peter Cannito, Presidente e CEO di Redwire. “Con la loro vasta esperienza nel settore aerospaziale, operativo e finanziario e solide relazioni industriali, siamo fiduciosi che Genesis Park sia il partner giusto per promuovere la crescita di Redwire nel mercato pubblico”.

Da quando è stata fondata dalla società di private equity AE Industrial Partners (AEI) nel giugno dello scorso anno, Redwire ha intrapreso una sorta di follia di acquisizioni aerospaziali. L’azienda ha inizialmente acquisito Adcole Space, DSS e MIS in rapida successione, prima di acquistare lo sviluppatore di payload LoadPath nel dicembre 2020 e di unirli in quella che ha definito una “piattaforma tecnologica spaziale di nuova generazione”.

La messa in comune di queste risorse ha fornito a Redwire sostanziali capacità di assistenza, assemblaggio e produzione in orbita e le ha permesso di attingere a un’economia spaziale che sostiene potrebbe valere 2 trilioni di dollari entro il 2040. L’azienda ha già implementato le tecnologie MIS per fare ricerca e sviluppo. progredisce grazie alla stampa 3D di nuovi blisk di turbine in orbita e ha generato entrate significative grazie alle basi di clienti consolidate delle sue aziende ombrello.

Infatti, in vista della sua imminente fusione con Genesis Park, Redwire prevede un fatturato totale di $ 163 milioni per il 2021, con un tasso di crescita composto annuo del 72% che lo vedrebbe raggiungere $ 1,4 miliardi entro il 2025. Dato che la società ne ha già condotti diversi fusioni, ora si considera un “candidato principale per il miglioramento dei margini” mentre continua a espandere la propria attività.

“Redwire si è affermata come un consolidatore first mover e un acquirer di scelta, e crediamo che la sua posizione sarà ulteriormente migliorata come società per azioni”, ha affermato Paul Hobby, CEO e Direttore di Genesis Park. “Siamo molto entusiasti del potenziale di crescita di Redwire e non vediamo l’ora di collaborare con Peter e il suo team, poiché aiutano a inaugurare questa nuova era di esplorazione spaziale”.

Secondo i termini della fusione, Redwire e Genesis Park dovrebbero unirsi entro la fine del secondo trimestre del 2021, in una società che mantiene il moniker ‘Redwire’ mentre viene quotata al NYSE. Cannito rimarrà anche CEO della nuova società, ma il consiglio sarà rinnovato per includere membri dei sostenitori seriali AEI, oltre a Genesis Park.

Sulla base di un calcolo che stima il suo EBITDA entro il 2023 a 64 milioni di dollari e lo moltiplica per 9,6, il Redwire rivisto ha ricevuto una valutazione iniziale di 615 milioni di dollari. Supponendo che non ci siano riscatti da parte degli azionisti di Genesis Park, la transazione dovrebbe quindi generare $ 170 milioni di fondi, per aiutare ad alimentare la crescita futura della nuova azienda.

Parte della fusione è anche supportata da un investimento privato in azioni pubbliche (PIPE), che vedrà Senvest Management e Crescent Park Management acquistare azioni a $ 10,00 per azione (o al di sotto del tasso di mercato). In tal modo, gli investitori mirano efficacemente a rafforzare l’accordo contro qualsiasi volatilità del mercato, oltre a fornire $ 100 milioni del totale dei finanziamenti.

Nel complesso, la transazione, che rimane soggetta all’approvazione degli azionisti di Genesis Park, vedrà gli stakeholder di Redwire mantenere il controllo del 55% della società risultante dalla fusione. Secondo Kirk Konert, un partner di AEI, l’accordo fornisce essenzialmente a Redwire un mezzo per cercare nuove opportunità di crescita e costruire sulla sua suite di servizi aerospaziali.

“In qualità di leader innovativo delle infrastrutture spaziali, Redwire è destinata a dare il via a una nuova era di viaggi spaziali, esplorazione e commercio”, ha affermato Konert. “Con questa transazione, Redwire avrà ancora maggiori opportunità di guidare la crescita e il valore fornendo soluzioni su misura e reattive per la sua base di clienti in crescita nei settori pubblico e privato”.

Dopo la conclusione della sua fusione con Trine, Desktop Metal è ora disponibile sul NYSE. Foto tramite Desktop Metal.
Redwire è l’ultima di diverse aziende legate alla stampa 3D ad essere quotata in borsa tramite una fusione SPAC. Foto tramite Desktop Metal.
Alcune delle più grandi aziende di stampa 3D hanno scelto di diventare pubbliche tramite fusioni SPAC piuttosto che IPO negli ultimi sei mesi e hanno generato finanziamenti sostanziali nel processo. Desktop Metal apparentemente ha stabilito questa tendenza nel dicembre 2020, quando è diventato pubblico al NYSE tramite una fusione inversa con Trine Acquisition, formando una società combinata da $ 2,5 miliardi e raccogliendo $ 575 milioni di finanziamenti.

Allo stesso modo, Markforged ha accettato di fondersi con la società di assegni in bianco “ one ” nel febbraio 2021, in un accordo che valuta la società combinata a circa $ 2,1 miliardi. L’accordo vedrà Markforged quotarsi al NYSE entro la fine dell’estate e raccogliere 425 milioni di dollari per l’espansione del suo portafoglio di prodotti e materiali.

Il produttore di stampanti 3D VELO3D , nel frattempo, ha confermato le voci secondo cui anch’esso sarà reso pubblico tramite una fusione SPAC , come parte di un accordo con l’acquisizione di JAWS Spitfire. La transazione, che probabilmente andrà a buon fine durante la seconda metà del 2021, valuterà l’entità combinata a $ 1,6 miliardi mentre raccoglierà $ 500 milioni per finanziare la continua crescita di VELO3D.

Be the first to comment on "Redwire si fonde con Spac e si quota così in borsa"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi