Ricoh 3d e Impossible Object

Ricoh 3D offrirà parti composite stampate in 3D attraverso la partnership con Impossible Objects

La tecnologia di stampa 3D basata su compositi di Impossible Objects sarà messa a disposizione dei clienti in tutta Europa tramite una nuova partnership con Ricoh 3D .

Da oggi, la collaborazione vedrà parti composite stampate in 3D robuste e leggere realizzate in fibra di carbonio, PEEK e fibra di carbonio PA12 offerte per la prima volta tramite l’ufficio di servizi di produzione additiva europea (AM) di Ricoh 3D in quello che Ricoh 3D è Additive Manufacturing & Molding Engineering Manager Mark Dickin ha descritto come “un’area di enorme crescita nella produzione additiva nei prossimi anni”.

Dickin ha dichiarato: “Il processo CBAM di Impossible Objects non è altro che una rivoluzione nel modo in cui vengono prodotti i compositi, quindi siamo orgogliosi di lavorare con l’azienda per essere in prima linea nel movimento europeo”.

Introdotta per la prima volta nel 2017 , si dice che la tecnologia proprietaria CBAM (produzione additiva basata su compositi) di Impossible Objects produca parti fino a dieci volte più velocemente della tradizionale stampa 3D basata su estrusione. Combinando polimeri ad alte prestazioni come nylon e PEEK con fogli di fibra di carbonio e fibra di vetro, il processo CBAM può creare parti fini o piatte resistenti e resilienti, che in precedenza erano impossibili da produrre con le tecnologie FDM e FFF a causa della formazione di fibre corte e tagliate e laminazione tra gli strati. L’azienda con sede nell’Illinois ha lanciato la sua ultima macchina, il sistema CBAM-2 , nel 2019, dopo il successo del suo Model Onesistema che è stato adottato dai principali clienti tra cui Ford Motor Company, Jabil e la United States Air Force. Da allora la società ha stabilito partnership con società di materiali tra cui BASF e TIGER Coatings . Nel frattempo, Ricoh è stata coinvolta nel settore AM da molto tempo attraverso la propria offerta di hardware AM , servizi e programmi di formazione, e solo il mese scorso ha annunciato il lancio di un nuovo servizio di ottimizzazione del design che si basa sulla progettazione generativa e sull’analisi degli elementi finiti (FEA ) utensili.

“Il nostro processo CBAM rappresenta un significativo balzo in avanti nella stampa 3D, con velocità più elevate, migliori proprietà dei materiali e una più ampia selezione di materiali”, ha affermato Robert Swartz, presidente e fondatore di Impossible Objects. “Le aziende Fortune 100, le agenzie governative e altri ancora hanno già messo a frutto tutto ciò, dalle parti di automobili e aeromobili all’abbigliamento sportivo. Collaborando con il team di Ricoh 3D che riconosce il potenziale di trasformazione della produzione additiva, insieme porteremo questi vantaggi competitivi a più organizzazioni in tutta Europa “.

Be the first to comment on "Ricoh 3d e Impossible Object"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi