RIZE : la sicurezza è la scienza dei materiali

Ciò che fa davvero la differenza per la sicurezza nella stampa 3D è la scienza dei materiali, afferma il CEO di RIZE.

Nella prima parte della nostra recente conversazione, Andy Kalambi ha condiviso approfondimenti sulla prospettiva RIZE sulla sicurezza e uno sguardo al 2021 . Ci siamo ricollegati per approfondire questo argomento, poiché voleva chiarire qualcosa di importante:

“L’annuncio di 2XC non riguarda una stampante, nemmeno GREENGUARD. Non è questa la storia, secondo me. La vera storia è che la scienza dei materiali fa la differenza “.

Scienza dei materiali di stampa 3D
Questa semplice affermazione è qualcosa su cui dobbiamo riflettere di più: la scienza dei materiali fa la differenza .

Quando si tratta di stampa 3D, c’è una trinità necessaria per il successo:

Potremmo sostenere che la prima ondata di stampa 3D, quando la suite tecnologica è stata inizialmente sviluppata negli anni ’80, era imperniata principalmente sull’hardware. Più recentemente, il software e i materiali sono stati maggiormente al centro dell’attenzione. Senza un software potente e mirato, anche l’hardware più preciso non può essere all’altezza del suo potenziale. Una stampante 3D è intelligente solo quanto il suo software dice che sia, essenzialmente.

I materiali, però, sono un’altra storia. Finora, quando si tratta di una stampa 3D più potente e professionale, l’attenzione si è concentrata principalmente sull’introduzione di materiali familiari dalla produzione tradizionale. Cioè, materiali di livello tecnico come PEEK e PEKK, o più metalli come il rame e più leghe di alluminio.

Ma non è solo la scienza dei materiali, ovviamente, a capire come far sì che i materiali noti si adattino alla stampa in 3D. È anche nello sviluppo di materiali completamente nuovi con qualità che li fanno spuntare più scatole nella produzione effettiva: funzionalità, aspetto, tatto e – forse il meno propagandato o meno compreso – sicurezza.

Studi crescenti hanno dimostrato che la stampa 3D può rilasciare composti organici volatili (COV). La riduzione di queste emissioni è una parte fondamentale della sicurezza della stampa 3D. Molte aziende lo fanno per le loro stampanti incorporando filtri HEPA, involucri e altri modi per contenere o filtrare le emissioni di particelle.

Ma RIZE affronta la questione in modo diverso: non avendo emissioni .

Questo non vuol dire che RIZE sia l’unica azienda nel settore della stampa 3D a prestare un’attenzione significativa alla scienza dei materiali e al legame con la sicurezza, non in alcun modo. Ma l’azienda è tra quelle che fanno da apripista nel porre le basi che dovrebbero essere viste come una strada da percorrere per il settore nel suo complesso.

“Nel settore della stampa 3D, è stato apprezzato, ma non credo sia stato sfruttato appieno”, ha detto Kalambi a proposito della scienza dei materiali. “Lo dico perché quello che abbiamo fatto con RIZIUM è progettare il materiale per uno scopo. Non abbiamo preso un materiale che era già lì e abbiamo cercato di adattare lo scopo al materiale, che è stato il modo tradizionale di produzione. Spesso inizi con l’acciaio per utensili e dici: “Cosa posso fare con l’acciaio per utensili?” È lo stesso con l’ABS o il nylon: “Adatterò il mio scopo al nylon”. Quello che abbiamo fatto con RIZIUM era adatto allo scopo delle emissioni, con durata, nessun assorbimento di umidità, con resistenza attraverso i compositi. Abbiamo progettato il materiale allo scopo, quindi lo abbiamo introdotto nella stampante. “

La trinità qui per lo sviluppo dei materiali di RIZE è:

Forza
Durevolezza
Sicurezza (ri emissioni)
Questi obiettivi specifici rientrano nei due messaggi generali che Kalambi sta portando avanti per l’azienda, che definisce come:

Colore sicuro e conveniente
Stampa 3D a colori allo stesso prezzo, gli utenti stampano in 3D parti normali FFF
Produzione sicura ovunque
“Vogliamo che le nostre stampanti e altre stampanti siano sicure da usare ovunque”
L’attenzione al colore è importante, poiché Kalambi ha osservato che “la maggior parte dei materiali stampati in 3D non gestisce il colore così bene”. RIZIUM interagisce con il colore in modo abbastanza approfondito: “è un colorante che reagisce e cambia le proprietà del materiale all’interno”.

“Abbiamo una tecnologia a livello di voxel, che impregna il polimero con l’inchiostro. Questo cambia la proprietà del materiale per vedere il colore, ed è un nuovo materiale, un materiale migliore “, ha detto.

Il colore è essenzialmente all’interno della stampa; non è un lavoro di verniciatura a livello di superficie. Ciò garantisce che il colore rimanga fedele e non si sbiadisca facilmente, non si scheggierà durante la manipolazione.

“Dietro tutto questo c’è la scienza dei materiali”, ha sottolineato Kalambi, in particolare per lo sviluppo della stampante 3D 2XC , che è stata sviluppata con Sindoh sulla base del design FFF desktop esistente dell’azienda. “Prendiamo una stampante [FFF] che è stata sul mercato e mettiamo tutto questo alla prova. Questo materiale può raggiungere questo scopo che abbiamo, che era sicurezza, durata e forza? Stavamo lavorando con il fiato sospeso. La nostra precedente stampante era stata progettata pensando a tutto questo. Questa stampante, abbiamo dovuto fare un po ‘di ingegneria. Ma non abbiamo fatto nulla che non potesse essere fatto su un’altra stampante. Questo è il test, qualcosa che potrebbe resistere ai severissimi requisiti UL GREENGUARD. “

E, come sappiamo, il RIZE 2XC è stato certificato GREENGUARD . Secondo Kalambi, osservando che questa stampante 3D è stata sviluppata da una tecnologia già presente sul mercato, è facile fare il salto al suo punto: la certificazione di sicurezza è possibile per le stampanti 3D sul mercato.

“La RIZIUM Alliance mostra che, con la scienza dei materiali, possiamo risolvere un problema che questo settore ha dovuto affrontare negli ultimi 30 anni. Questo è il motivo per cui queste stampanti non sono sicure in un ambiente di consumo in cui le persone sono sedute più vicine a loro “, ha detto.

Scienza dei materiali per la sicurezza della stampa 3D
La grande speranza di Kalambi è che RIZE non rimanga a lungo l’unica azienda che offre prodotti di stampa 3D certificati GREENGUARD. È bello poter pubblicizzare una simile affermazione, ma è ancora più bello essere quello che dà il via a una raffica di affermazioni. Si spera che le stampanti ei materiali 3D certificati UL possano diventare più al centro dell’attenzione in questo settore e quindi più di una norma.

“Quanto velocemente posso stamparlo, che dimensioni posso stamparlo; questi argomenti sono i più importanti nelle menti delle persone. Poi i materiali, nel voler sostituire o aumentare ciò che stai facendo in sottrazione con la produzione additiva “, ha detto Kalambi. “L’opportunità a lungo termine è sostituirla con una migliore scienza dei materiali”.

I materiali di stampa 3D attualmente disponibili hanno tutti alcuni vincoli, dalle emissioni tossiche all’assorbimento di umidità. Poi ci sono considerazioni sulle capacità del colore.

“Tutte queste cose sono guidate dalla scienza dei materiali”, ha continuato Kalambi. “Voglio portare l’attenzione sull’argomento.”

RIZE è decisamente “un’azienda guidata dalla scienza dei materiali”, come ama dire il suo CEO. Concentrarsi su ciò che la scienza dei materiali può offrire in termini di sicurezza e qualità è il prossimo passo avanti per una produzione additiva industriale con prestazioni migliori e sicura per l’uomo. Il fatto che la stampante 3D 2XC, basata su un design FFF esistente, possa essere all’altezza delle rigorose linee guida stabilite nelle certificazioni UL GREENGUARD è una grande testimonianza di questa idea.

“La stampa 3D è una sintesi delle tecnologie di ingegneria meccanica – laser, calore, sinterizzazione – con la scienza dei materiali. Quando si mettono insieme le due cose, questa è tutta la potenza della produzione additiva. Questo è stato il mio apprendimento negli ultimi anni nella stampa 3D. È necessario prestare la stessa attenzione, se non di più, alla scienza dei materiali quanto alla tecnologia di stampa 3D di base. Ecco dove stiamo andando “, ha detto Kalambi.

Be the first to comment on "RIZE : la sicurezza è la scienza dei materiali"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi