Perché alcune ricerche sulla stampa 3D non portano mai a un prodotto

Perché alcune ricerche sulla stampa 3D non portano mai a un prodotto

Molto spesso vedrai comparire sulle nostre pagine ricerche sorprendenti su nuove forme di stampa 3D, ma potresti chiederti perché non puoi mai acquistare un prodotto con quella tecnologia.

Alcune delle ricerche sono sorprendenti e, dopo averle lette, potresti immediatamente riconoscere i vantaggi sostanziali del suo utilizzo nelle tue operazioni, ovvero se riesci a metterle le mani sopra.

Molto spesso non puoi, almeno per un po ‘, ea volte la risposta è mai.

Perché alcune di queste scoperte apparentemente sorprendenti non possono trasformarsi in prodotti commerciali che potresti effettivamente utilizzare nella vita reale? Si scopre che ci sono una serie di barriere che la tecnologia deve superare prima di apparire su un elenco di prodotti.

Diamo un’occhiata a queste barriere.

Fattibilità finanziaria
Se il nuovo processo funziona, c’è da chiedersi se sia finanziariamente fattibile. Cioè, se fosse utilizzato, il costo del processo è inferiore a quello che potresti addebitare a un cliente per questo? Ciò ha a che fare con l’efficienza del processo, ma anche se il processo è prezioso per l’acquirente. Se l’acquirente può ottenere risultati simili con una soluzione alternativa a un costo inferiore, non stai andando troppo lontano.

A volte questo aspetto viene trascurato dai ricercatori che stanno semplicemente cercando di ottenere un risultato. È possibile che abbiano richiesto l’uso di attrezzature, abilità o materiali molto costosi per ottenere quel risultato e quegli elementi potrebbero non essere presenti o convenienti in una situazione commerciale.

Potenziale dimensione del mercato
Anche se un processo funziona bene ed è finanziariamente fattibile, potrebbe comunque non passare alla commercializzazione perché la dimensione del mercato possibile è troppo piccola. Un imprenditore farebbe questa domanda:

“Se costruissimo questo prodotto perfettamente e lo vendessimo a ogni possibile cliente che potrebbe ragionevolmente usarlo e permetterselo, quanti soldi potrebbero essere generati?”

In alcuni casi, il mercato è così piccolo che non vale letteralmente la pena di procedere; imprenditori e investitori potrebbero indirizzare i loro sforzi e fondi verso altre iniziative più redditizie.

Proprietà
Molte nuove scoperte vengono fatte presso o attraverso le principali istituzioni educative. Come ci si potrebbe aspettare, la proprietà della proprietà intellettuale sarebbe almeno in parte, se non totalmente, detenuta dall’istituzione. Pertanto, affinché un processo possa essere commercializzato, deve essere in qualche modo concesso in licenza a parti che sappiano come farlo.

Quel “trasferimento di tecnologia” è un processo complesso che è molto ben fatto da alcune istituzioni, ma altre sono semplicemente terribili nel farlo. Possono offrire pessimi termini commerciali che pochi imprenditori accetterebbero, e quindi la scoperta orbita silenziosamente in un’università mentre i burocrati aspettano accordi che non si realizzano mai.

Acume negli affari
La commercializzazione è un compito molto difficile e richiede competenze molto specifiche, e quelle abilità non sono tecniche: sono competenze aziendali. Molto spesso gli inventori di tecnologia, sebbene bravissimi nell’inventare tecnologie, sono semplicemente dei pessimi manager aziendali.

In alcuni casi gli inventori detengono il controllo maggioritario di una startup tecnologica e, erroneamente, ritengono di essere le persone giuste per gestire l’attività. Ho visto spesso accademici ritenere che gli aspetti aziendali siano “facili”, semplicemente perché il loro lavoro normale è “duro”. La gestione aziendale, infatti, non è “facile”, è “diversa”. E non sanno come farlo.

Ho visto diverse tecnologie promettenti morire semplicemente perché gli inventori testardi non riescono a cedere il controllo aziendale a manager esperti. Non commettere questo errore!

Conflitti di brevetti
Con le grandi aziende che pubblicano centinaia di brevetti ogni anno, è possibile che ci sia una sovrapposizione con un brevetto già pubblicato da un’altra parte. Dato che i brevetti in questi giorni sono scritti nel modo più vago possibile, una grande azienda potrebbe facilmente minacciare una piccola startup se sente che c’è anche la minima sovrapposizione.

Situazioni come queste dissuadono gli investitori dal finanziare le startup ed è una barriera difficile da superare.

Blocco aziendale
Le grandi società affermate dipendono dai loro modelli di business di lunga data. Ma cosa succede se una startup minaccia di interrompere quel modello di business con una nuova tecnologia? È molto difficile per una grande azienda cambiare marcia alla stessa velocità di un’agile startup, quindi devono agire prima di perdere il controllo.

A volte ciò comporta l’acquisto o la licenza della nuova tecnologia dalla startup e l’incorporazione nei loro prodotti. Ma altre volte comprano semplicemente la tecnologia e la accantonano. Questo è il motivo per cui alcune tecnologie sembrano scomparire del tutto.

Marketing scadente
Infine, anche se un prodotto supera tutto quanto sopra e viene lanciato, può comunque fallire perché non è commercializzato correttamente. Nessuno conosce il prodotto e si verificano poche vendite. Alla fine, l’impresa fallisce.

Questo può sembrare un punto minore, ma in realtà è fondamentale. Ho visto molte startup esporre i loro prodotti alle principali fiere di stampa 3D, solo per scoprire che non hanno la più pallida idea di come rappresentare la loro “salsa segreta” in modo da attirare gli acquirenti. Ho avuto molte lunghe discussioni con le aziende solo per scoprire che hanno qualcosa di straordinario di cui non parlano a nessuno!

La piramide del successo della stampa 3D
Queste barriere fanno parte di quella che chiamerei una piramide: ci sono innumerevoli esperimenti che si verificano costantemente che compongono il fondo della piramide.

Man mano che vengono valutati, alcuni passano al livello successivo e così via fino al livello più alto. Solo una piccolissima percentuale di tutte le idee diventerà prodotti commerciali di successo, poiché devono superare tutte queste barriere.

Ecco perché non vedi tutti questi incredibili risultati della ricerca diventare improvvisamente nuovi prodotti di stampa 3D.

Be the first to comment on "Perché alcune ricerche sulla stampa 3D non portano mai a un prodotto"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi