Saint-Gobain Weber Beamix ha annunciato che avrebbe acquistato la partecipazione detenuta dalla società di costruzioni BAM nella fabbrica di stampa 3D di cemento di Eindhoven, che in precedenza era un’iniziativa congiunta. Ciò significa che Saint-Gobain è ora l’unico proprietario della fabbrica che ha stampato diversi ponti e case nella zona di Eindhoven.

Un sito completamente al coperto, la fabbrica utilizza bracci robotici per produrre parti di case, casseforme ed elementi di ponti e altri progetti di costruzione su larga scala. Finora la fabbrica ha prodotto un ponte per biciclette , un ponte pedonale e il primo di una serie di abitazioni .

Le case sono state create da un consorzio composto dalla Eindhoven  University of Technology , dalla società di costruzioni  Van Wijnen , dal gigante del cemento  Saint-Gobain Weber Beamix , dall’investitore immobiliare  Vesteda , dalla città di Eindhoven  e dallo  studio di ingegneria  Witteveen + Bos . Inizialmente, la fabbrica stessa era un’iniziativa della grande società di costruzioni BAM .

BAM è un’impresa di costruzioni olandese con un fatturato di oltre 8 miliardi di dollari all’anno. Ferita da COVID, l’azienda sta tagliando i costi e riducendo la sua esposizione internazionale. Sembra che la società sia uscita dalla fabbrica di cemento per problemi di riduzione dei costi simili. Sono sicuro che questo sarà un centesimo e una follia per l’azienda e posso solo descrivere questa mossa come priva di lungimiranza. Saint Gobain , nel frattempo, è un’azienda di cemento da 41 miliardi di dollari, 356 anni e ne rideranno per decenni.

 

Saint Gobain afferma che questa è una mossa strategica che aumenterà la sua attività di sviluppo e produzione nel calcestruzzo per la stampa 3D. L’azienda afferma anche che questa è una soluzione sostenibile che aiuterà a industrializzare la digitalizzazione delle costruzioni. Considerando che è grato a BAM per aver avviato l’industrializzazione della stampa 3D in calcestruzzo e averla resa accettabile nel settore, Saint Gobain sottolinea l’indipendenza che ciò darà loro. Credono inoltre che accelererà l’adozione della stampa 3D concreta.

Dal punto di vista di BAM, questa è una delle mosse più stupide che abbia mai visto nel mondo degli affari. Per spiegare l’importanza di questo, dovresti notare che sono uno scettico della costruzione additiva. La maggior parte dei comunicati stampa degli edifici stampati in 3D che abbiamo visto sono stati pieni di bugie come i film di Peckinpah sono stati crivellati di proiettili. La maggior parte delle affermazioni fatte da “abbiamo stampato una casa in 24 ore” sono, in poche parole, false. Inoltre, come Michael sottolinea qui , le affermazioni delle case stampate in 3D che risolvono la crisi degli alloggi sono ottimistiche o esagerate. Senza cambiamenti fondamentali nel modo in cui sono progettate le case, il vero valore delle case stampate in 3D non emergerà.

[Immagine: Royal BAM Group]
E anche allora, c’è solo così tanto di una casa totale che puoi stampare in 3D. La maggior parte dei progetti di costruzione additiva tenta di stampare in 3D all’aria aperta. Questo è pericoloso, sciocco e un segno che sono un esercito di sciocchi. Cambiamenti di temperatura e umidità, pioggia, umidità, insetti e detriti interferiscono con la costruzione e possono indebolire strutture, legami e pareti. La stampa 3D in una tenda può essere migliore, ma la stampa 3D in una fabbrica e il trasporto di segmenti ti offre molto più controllo e significa che puoi stampare in 3D strutture più sicure. 

E questo è esattamente ciò che stava facendo la combinazione Saint Gobain-BAM. Considerando che penso che il valore immediato delle case di stampa 3D sia limitato, il valore di casseforme per la stampa, parti di ponti, elementi di tunnel e simili è considerevole. Automatizzando un processo che di solito richiede molto legno e lavoratori, puoi realizzare componenti che riducono i costi del progetto di costruzione e aumentano l’innovazione.

È quindi possibile combinare questo con la costruzione di cucine e bagni modulari e spedire sia questi che i pezzi di cemento alle case. Ciò significa che la maggior parte del lavoro di costruzione personalizzato può essere automatizzato e ridotto i costi. In questo modo, la stampa 3D automatizzata per la costruzione può offrire valore oggi per case, progetti di tunnel, stadi, ponti e altro ancora. Ancora una volta, non credo abbia senso ora stampare l’intera casa sul posto, ma ha senso stampare componenti costosi in modo che siano meno costosi e altrettanto funzionali.

BAM è stata una delle poche aziende a fare il lavoro pesante necessario per portare la stampa 3D alla costruzione e ora hanno gettato la spugna. Nello schema delle cose, questo progetto non può essere costato loro un sacco di soldi. Con oltre 1.000 ponti, tunnel e chiuse nei Paesi Bassi che necessitano di sostituzione in questo decennio , hanno avuto un’opportunità unica. Molte infrastrutture olandesi sono state realizzate negli anni ’50 e ’60e ora deve essere sostituito. Anche questi ponti e altre strutture sono molto simili per requisiti, campate e costi. Ciò darebbe a BAM un’opportunità unica di saltare le casseforme e farlo in modo più economico tramite la stampa 3D. Portando più componenti stampati in 3D in loco, le interruzioni del traffico potrebbero anche essere ulteriormente ridotte. Sarebbero stati quindi in grado di sfruttare questa esperienza per automatizzare principalmente la costruzione di componenti di ponti standardizzati di grandi dimensioni e implementare un processo di costruzione basato sulla produzione più economico in tutto il mondo.

Ora, Saint Gobain ha questa opportunità tutta per sé e, logicamente, avanzerà nella realizzazione di casseforme e parti, portando via il lavoro svolto in precedenza da BAM e dai suoi concorrenti. Per una crisi di liquidità a breve termine, BAM ha regalato una fetta a lungo termine del suo mercato. Allo stesso tempo, Saint Gobain ha ora uno strumento per proporsi a città innovative e autorità provinciali per posizionare lì edifici stampati in 3D. Ora, Saint Gobain può spostarsi verso casseforme e componenti, allontanandosi dal suo business del cemento delle materie prime e verso parti di valore più elevato. Tanto vale spalmarti di latticello, farina, pangrattato, olio bollente e chiedere cortesemente alla volpe di entrare nel pollaio.

Saint Gobain può inoltre pubblicizzare i vantaggi ambientali della stampa 3D e il ridotto utilizzo di materiale come parte di un’iniziativa ecologica dell’azienda. Il cemento e il calcestruzzo sono alcune delle maggiori industrie mondiali produttrici di CO2. Saint Gobain può deviare questo, tuttavia, mostrando la sua nuova abilità di costruzione digitale come un modo in cui sta aiutando a innovare soluzioni ai cambiamenti climatici. Non hanno mai bisogno di fare soldi con questo perché abbia senso per loro. Tutto sommato, una brillante mossa a lungo termine di Saint Gobain e pura follia da parte di BAM.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi