L’AM Hub danese ottiene 5,4 milioni di euro da investire nella stampa 3D in Danimarca

Germania, Svezia e Stati Uniti hanno ottenuto un vantaggio iniziale nella stampa 3D perché le prime tecnologie sono state commercializzate e hanno trovato applicazioni industriali iniziali in quei paesi. I Paesi Bassi sono diventati in seguito un punto focale dell’ondata di stampa 3D consumer. Successivamente, le aziende cinesi e il finanziamento VC statunitense hanno portato i loro paesi in primo piano. Ma, nella terra dei Lego e dei panini aperti, c’era poca o nessuna attività di stampa 3D. Privo della stretta concentrazione della stampa 3D pro-3D di Singapore e della generosità delle persone entusiaste negli Emirati Arabi Uniti, l’AM Hub danese ha dovuto accontentarsi.

Attraverso i vertici e uno stretto raggruppamento di risorse, l’ hub AM danese ha compiuto notevoli progressi e ci ha impressionato per la sua efficacia e grinta. Ora possono aspettarsi una crescita maggiore perché 5,4 milioni di euro dalla fondazione dell’Industria danese saranno stanziati per promuovere l’AM nel paese, in particolare per le piccole e medie imprese.

 

I soldi andranno a:

Nuovi modi di progettare per la stampa 3D per creare beni più efficienti dal punto di vista energetico
Creazione di modelli circolari per filamenti di stampanti 3D basati su vari flussi di rifiuti
Tentare di ridurre le emissioni di CO2 stabilendo “catene del valore più digitali, distribuite e on-demand”.
“Sin dall’età del bronzo, produciamo con stampi o metodi di fresatura. L’additivo è un nuovo metodo di produzione con un enorme potenziale per ridurre materiale, trasporto e rifiuti. Una delle insidie, tuttavia, è il grande consumo di energia per parte, motivo per cui dobbiamo mettere in gioco la tecnologia in paesi come la Danimarca con una grande porzione di energia rinnovabile “, ha affermato Frank Rosengreen Lorenzen, CEO di AM Hub danese. “Un’iniziativa chiave che svilupperemo con i nostri membri è trovare un modo per calcolare le emissioni di CO2 cambiando, ad esempio, dalla produzione formativa a quella additiva e trasformandola in un software che possa aiutare a navigare come produrre nel modo più sostenibile. Invitiamo esperti, grandi produttori e fornitori di tecnologia a unirsi a noi in questa importante iniziativa .

Il gruppo ha inoltre affermato:

“L’AM Hub danese riunisce un team di esperti impegnato e una rete in crescita di partner e investitori tutti uniti nella missione di trasformare la produzione. Non riuscire a fare una tale trasformazione renderà gli obiettivi climatici irraggiungibili. Si prevede che entro il 2050 la domanda globale di materiali industriali come acciaio, cemento, alluminio e plastica aumenterà da due a quattro volte.

“Dobbiamo iniziare a dare la priorità a come possiamo produrre con materiali sostenibili e con energia rinnovabile e l’AM può svolgere un ruolo importante insieme alle fonti energetiche rinnovabili danesi”.

Tutto sommato, questo è un modo molto interessante per guardare al problema del riscaldamento globale. I danesi osservano come l’energia verde danese stia invitando i data center di Microsoft e Google ad aprirsi in Danimarca. Poi lo sfruttano in Danimarca diventando il posto migliore per la produzione. È una bella tesi che il miglior luogo di produzione dovrebbe essere il più sostenibile. Sarebbe un cambiamento epocale poiché gran parte della produzione è effettivamente motivata ad essere sempre meno sostenibile, ad esempio spostarsi in un sito verde lontano dalla città per ridurre i costi.

Alla luce del cambiamento climatico e dell’elettrificazione, sarebbe vero che i luoghi più sostenibili sono quelli che utilizzano la minor quantità di combustibili fossili e che forse dovrebbero essere prioritari. Questo è un argomento molto convincente per le aziende danesi che producono prodotti danesi per i danesi. Per quante miglia di distanza questa tesi regge dipende dai metodi di trasporto e dal carbonio rilasciato attraverso di essi. Tuttavia, adoro l’idea che le nazioni competano per essere i luoghi più verdi in cui produrre.

Gli “orecchini in acciaio più sostenibili” saranno un fattore decisivo per le aziende manifatturiere o, addirittura, i consumatori? Mi piacerebbe che il Danish AM Hub promuovesse questo pensiero e un marchio di produzione veramente ecologico. Per ora, questa organizzazione, che finora è riuscita a riunire collettivamente e responsabilizzare una piccola comunità di aziende di stampa 3D con l’industria, ha ottenuto risultati ben al di sopra del suo peso. Spero davvero che più nazioni e città guardino a come l’hub AM danese sta unificando e distribuendo le risorse di una comunità di aziende per promuovere la stampa 3D lì.

 

 

Be the first to comment on "L’AM Hub danese ottiene 5,4 milioni di euro da investire nella stampa 3D in Danimarca"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi