La prima batteria al litio a stato solido prodotta dalla startup di stampa 3D Sakuu
 
La startup della Bay Area Sakuu Corporation ha raggiunto il primo passo per mantenere la sua promessa di stampare batterie a stato solido (SSB) in 3D. La società ha annunciato di aver prodotto un SSB al litio da 3 Ah che “uguaglia o migliora le attuali batterie agli ioni di litio”.

Sakuu ha sviluppato un esclusivo processo di getto di legante multimateriale in grado di combinare materiali come ceramica e metalli per una varietà di applicazioni. La prima applicazione dimostrativa sarà la produzione di SSB al litio, che la startup suggerisce possano essere prodotti su larga scala utilizzando la sua tecnologia multi-materiale multi-metodo (4M).

 

Le batterie di prima generazione presentate dall’azienda sono composte da 30 celle, che combinano il litio con un separatore ceramico proprietario. La startup afferma di utilizzare materiali catodici standard, ma potrebbe presentare catodi a tensione ancora più elevata in futuro con il potenziale per il 25% in più di energia.

Nella nostra recente intervista con l’azienda, ci è stato detto che “la piattaforma sarà in grado di stampare batterie a stato solido. Noi, siamo stati in grado di stampare le batterie in passato. Al momento non stiamo pubblicizzando il fatto che siamo nel mercato per stampare batterie. Siamo concentrati sul completamento della piattaforma che può farlo. Stiamo lavorando in parallelo con tutta la chimica della batteria e tutto il resto”.
In tal caso, la batteria SSB di prima generazione non è stata stampata in 3D utilizzando la sua piattaforma 4M. Nel comunicato stampa della società, osserva: “Sakuú ha sviluppato la sua tecnologia di batteria SSB di prima generazione insieme alla sua piattaforma di produzione additiva di punta, il cui lancio commerciale è previsto entro la fine di quest’anno”.

La batteria a stato solido di prima generazione di Sakuu. Immagine per gentile concessione di Sakuu.
Tuttavia, il rilascio di una batteria è la prova che Sakuu è sulla buona strada per mantenere le sue promesse. Fornirà batterie ai partner “strategici” alla fine del terzo trimestre del 2021 e ai partner “ad accesso anticipato” nel quarto trimestre. La produzione in volumi è prevista per l’inizio del 2022, come ha affermato il CEO e fondatore di Sakuu Robert Bagheri:

“Abbiamo sviluppato questa prima generazione di SSB per dimostrare la fattibilità della nostra tecnologia delle batterie in previsione della piattaforma AM avanzata Sakuú 1000. Nell’ultimo anno, abbiamo migliorato la nostra capacità energetica della batteria di un fattore 100 e la nostra efficienza energetica volumetrica di oltre 12 volte e stiamo pianificando di iniziare la produzione in volume delle batterie all’inizio del 2022 per soddisfare le esigenze dei nostri partner strategici”.
Gli SSB stampati in 3D potrebbero avere un forte potenziale per una varietà di settori, grazie alla capacità di presentare una maggiore densità di energia in spazi più piccoli con geometrie uniche. Si potrebbero immaginare batterie integrate direttamente nei prodotti che servono, in particolare una volta che Sakuu ha introdotto la stampa 3D polimerica nella sua piattaforma.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi