Si pensa che la stampa 3D sia un’attività relativamente sicura, ma lo è davvero?

Si scopre che ci sono più tipi di pericoli che appaiono su vari stili di stampanti 3D e in alcuni casi gli operatori non sono consapevoli della loro esistenza.

Che siano installate in fabbrica o in una camera da letto, le stampanti 3D possono essere pericolose. Il grado di pericolo varia considerevolmente in base al dispositivo, poiché i produttori di solito cercano di ridurre le condizioni pericolose attraverso la progettazione delle loro apparecchiature.

Questa pubblicazione si sforza di promuovere un uso sicuro della tecnologia, e quindi è il momento di fare un elenco dei principali rischi che si potrebbero incontrare quando si utilizza una stampante 3D.

Diamo un’occhiata alle principali categorie di pericolo per le stampanti 3D.

Nanoparticelle
Le nanoparticelle sono particelle estremamente minuscole di materiale di stampa 3D che vengono emesse durante il funzionamento. Per le stampanti 3D FFF, il filamento viene riscaldato durante l’estrusione. Quel calore tende a rilasciare una piccola porzione del materiale del filamento nell’atmosfera.

La dimensione delle particelle è così incredibilmente piccola che sono in grado di disperdersi nell’aria e fluire liberamente nell’aria, dove potrebbero essere inalate e depositarsi nei polmoni di una persona.

Il livello di pericolo varia notevolmente e dipende da diversi fattori. In genere, livelli di calore più elevati tendono a rilasciare più nanoparticelle. Ci sono anche alcuni materiali che emettono molte più nanoparticelle a una data temperatura rispetto ad altri (sto guardando te, ABS.)

Soluzione : racchiudere l’attrezzatura se non lo è già e assicurarsi che ci sia un filtro dell’aria adatto per pulire le nanoparticelle. In caso contrario, assicurarsi che vi sia un’adeguata ventilazione per l’area di lavoro.

COV
Simile alle nanoparticelle, molti materiali di stampa 3D rilasciano VOC o composti organici volatili. Si tratta di un paniere di sostanze chimiche che variano a seconda del materiale specifico coinvolto e potrebbero esserci dozzine di tipi emessi da un singolo materiale. Sfortunatamente, alcuni di loro potrebbero essere tossici e potresti respirarli nei polmoni.

Soluzione : racchiudere l’attrezzatura se non lo è già e assicurarsi che ci sia un filtro dell’aria adatto per pulire le nanoparticelle. In caso contrario, assicurarsi che vi sia un’adeguata ventilazione per l’area di lavoro.

Calore
Molti processi di stampa 3D coinvolgono il calore. Il più comunemente visto è nei sistemi FFF, dove un filamento viene riscaldato a temperature estreme. Questo viene fatto nell’estremità calda, dove la punta dell’ugello può raggiungere fino a 300°C, a seconda della situazione.

Se ti è capitato di infilare la mano nella macchina a quel punto potresti scottarti. Un ugello caldo non è visibilmente diverso da un ugello freddo e potresti essere sorpreso se esegui la manutenzione della macchina.

Oltre alle apparecchiature FFF, molti altri processi di stampa 3D coinvolgono il calore. Al termine di una stampa, potresti trovare il piano di stampa rimovibile troppo caldo per essere toccato o persino la stampa stessa.

Soluzione : non toccare l’attrezzatura finché non è sicura!

Incidenti meccanici
Le stampanti 3D sono dispositivi intrinsecamente meccanici. I loro sistemi di movimento coinvolgono motori passo-passo, cinghie e pulegge. Quando questi sono in funzione è importante non infilare le dita in punti in cui potrebbero impigliarsi.

Questo potrebbe sembrare ovvio, ma con molte stampanti 3D desktop che hanno un formato a portale aperto, è incredibilmente facile infilare le dita nella macchina quando è in funzione, ad esempio, per togliere un pezzo di plastica dal letto.

Se sei sfortunato, il tuo dito è intrappolato in una cintura e non è divertente. Se sei intelligente, aspetti fino al termine della stampa.

Soluzione : non toccare l’attrezzatura finché non è sicura!

Tossicità
Quasi tutte le resine per stampanti 3D sono tossiche in un modo o nell’altro, ed è per questo che i produttori consigliano di utilizzare guanti in nitrile quando si maneggiano stampanti 3D in resina e i loro materiali.

Se la tua pelle viene esposta alla resina tossica, all’inizio non può succedere molto. Tuttavia, le esposizioni ripetute potrebbero gradualmente creare una resistenza nel tuo corpo e potrebbero verificarsi reazioni gravi alle esposizioni successive.

Soluzione : indossare sempre guanti in nitrile quando si maneggiano stampanti 3D in resina e stampe in resina. Sviluppa un flusso di lavoro “pulito” per ridurre al minimo le gocce e l’esposizione alla resina durante il funzionamento della stampante e soprattutto durante la post-elaborazione.

Fuoco
Il calore di una stampante 3D può in alcuni casi generare un incendio. Ciò può accadere per una serie di motivi, ma potrebbe includere situazioni insolite come la caduta di materiale infiammabile in una macchina a portale aperta o un guasto del firmware che riscalda all’infinito l’hot end finché non si scioglie e accende un incendio.

Questa sfortunata situazione può essere aggravata dalla presenza di materiali infiammabili nelle vicinanze, come l’IPA per la pulizia di stampe, custodie di cartone o persino carta comune.

Soluzione : controllare sempre la macchina o essere nelle vicinanze durante le operazioni; non lasciare mai una macchina in funzione da sola. Installa rilevatori di fumo e tieni un estintore nelle vicinanze.

esplosioni
Le stampanti 3D possono esplodere? Non esattamente, ma alcuni materiali di stampa 3D possono davvero esplodere.

Le stampanti 3D industriali utilizzano polveri fini e alcune polveri metalliche sono in realtà esplosive. Il titanio, un materiale metallico molto popolare per la stampa 3D, può esplodere se riscaldato a sufficienza. Questo scenario ha provocato molte volte incendi di strutture in cui si è verificata una scarsa manipolazione della polvere.

Soluzione : seguire assolutamente tutti i flussi di lavoro e le procedure quando si tratta di polveri metalliche.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi