Il Centro per la scienza e l’ingegneria dei biosistemi ( BSSE ) dell’Indian Institute of Science (IISc) di Bengaluru ha collaborato con una startup Prayasta per creare una stampante 3D all’avanguardia in grado di stampare in 3D silicone per impianti medici.

Prayasta ha sviluppato internamente questa stampante 3D con sovvenzioni di supporto da varie agenzie governative, tra cui Nidhi Prayas (Dipartimento di scienza e tecnologia del governo indiano), Biotech Ignition Grant (Biotechnology Industry Research Assistance Council), Design Clinic Scheme (MSME Center of Excellence Indian Institute of Science Bangalore), Tide 2.0 Meity Startup Hub (Ministero dell’elettronica e della tecnologia dell’informazione), Elevate Call 2 Startup Karnataka (Dipartimento di elettronica, IT, BT, S&T).

La stampante 3D convenzionale non può utilizzare silicone per impianti per realizzare protesi mediche in silicone perché le stampanti 3D tradizionali utilizzano un filamento o un materiale in polvere. La forma naturale del silicone “per impianti” è un liquido (ad alta viscosità) e non può essere convertito in un filamento o in una polvere. Pertanto, le stampanti 3D convenzionali non possono utilizzare silicone “di qualità implantare”.

La stampante 3D sviluppata da Prayasta è stata chiamata Silimac P250, la prima stampante 3D al mondo a realizzare protesi in silicone di grado medico. La startup ha anche sviluppato la sua tecnologia chiave: iEAM.


Il Center for BioSystem Science and Engineering (BSSE) dell’Indian Institute of Science (IISc) di Bengaluru ha collaborato con una startup Prayasta per creare una stampante 3D all’avanguardia in grado di stampare in 3D silicone per impianti medici. 

Silimac P250 può essere utilizzato per impianti e protesi personalizzati per tutti i tessuti molli, inclusi seno, naso, mento, orecchio, labbro, trachea, tubo del cibo, polpaccio, pettorali ecc. È una macchina di livello industriale che funziona in modo affidabile e ininterrotto per lungo tempo ore di produzione. Può contenere fino a 14.000 ml di silicone in una singola ricarica ed è pronto per la produzione su scala.

Silimac P250 ha una sterilizzazione UV integrata per la camera di stampa e un sistema di supporto privo di contaminazioni. Gli impianti realizzati da Silimac P250 si basano su una metodologia di progettazione Novel Internal Architecture (NIA), che rende gli impianti a prova di rottura con un rischio ridotto di spostamenti post-impianto. Gli impianti realizzati da questa stampante 3D sono personalizzati e bilanciati in base al peso.

Forme e dimensioni personalizzate con aspetti perfettamente simmetrici portano a maggiore sicurezza e meno ansia negli ambienti personali, professionali e sociali. Inoltre, Silimac P250 può essere installato direttamente negli ospedali che forniscono strutture per realizzare protesi al silicone personalizzate all’interno dell’ospedale.

Shilpi Sen, CEO e co-fondatore di Prayasta, ha affermato che presto inizieranno i test sugli animali seguiti da quelli sull’uomo di Silimac P250.

Prayasta ha anche ricevuto i Technology Startup Awards 2022 dal Department of Science and Technology (DST), Government of India, in occasione del National Technology Day 2022 per lo sviluppo di tecnologia indigena con potenziale di commercializzazione.

Silimac P250 è una stampante 3D sviluppata per elastomeri “di qualità implantare” (e, in particolare silicone) per la realizzazione di impianti e protesi di tessuti molli personalizzati.


È una macchina di livello industriale realizzata per lavorare in modo affidabile e ininterrotto per lunghe ore di produzione. Silimac P250 può contenere fino a 14.000 ml di silicone in una singola ricarica ed è veramente pronto per la scala di produzione.


Il suo design meticoloso mantiene la sterilità dell’ambiente di stampa e del materiale producendo prodotti della migliore qualità adatti per applicazioni mediche e impianti a lungo termine.

 
 
Guardalo in azione!
 

 
 
Caratteristiche
 
 

Scalabile
14.000 ml di materiale in una singola ricarica lo rendono una vera macchina pronta per la produzione

Camera bianca pronta
Sterilizzazione UV integrata per camera di stampa e sistema di supporto privo di contaminazioni

3 volte più veloce
Polimerizzazione in tempo reale mediante laser IR e riscaldatori con conseguente stampa più veloce

Preciso
Alta risoluzione, completamente automatizzato e conforme agli standard dell’industria 4.0

Versatile
Compatibile con tutti i materiali elastomerici, bicomponenti o similari
 
 
Perché abbiamo bisogno di una nuova tecnica per la stampa di silicone “di qualità implantare”?
Si presume spesso che si possa inserire silicone “di qualità implantare” in una qualsiasi delle stampanti 3D esistenti e stamparlo. Tuttavia, questo non è corretto. La chimica di un materiale gioca un ruolo fondamentale nel decidere se una particolare tecnica di stampa 3D può essere utilizzata per stamparlo o meno. Ecco alcuni punti importanti per cui un silicone “di qualità implantare” non può essere utilizzato direttamente con stampanti 3D convenzionali e perché abbiamo deciso di sviluppare iEAM, una tecnica dedicata per il silicone “di qualità implantare” e altri elastomeri.

1Le stampanti 3D convenzionali (FDM, PBF ecc.) utilizzano un filamento o una forma in polvere di un materiale. La forma naturale del silicone “per impianti” è un liquido (ad alta viscosità) e non può essere convertito in un filamento o in polvere. Pertanto, le stampanti 3D convenzionali non possono utilizzare silicone “di qualità implantare”.
2Il silicone “per impianti” ha due componenti: un polimero di base e un reticolante. Quando entrambi vengono miscelati insieme, si avvia istantaneamente una reazione di reticolazione e la miscela si trasforma in una forma indurita dopo un certo intervallo di tempo. Questo è anche l’UNICO tempo concesso per stamparlo prima che sia polimerizzato in modo permanente. I materiali stampabili 3D convenzionali non affrontano questa sfida come materiale a componente singolo.
3Altre tecniche di stampa 3D (SLA, DLP ecc.) utilizzano metodi basati sulla luce UV (o altri) per polimerizzare i materiali liquidi e quindi sfruttano la natura fotopolimerizzabile dei materiali. I siliconi “di grado implantare” non sono fotopolimerizzabili e non possono nemmeno essere stampati con queste tecniche.
4Una stampante basata su siringa può stampare SOLO piccole quantità di silicone “per impianto” per strutture minuscole poiché deve stampare tutto il materiale prima che si indurisca all’interno della siringa. Se viene utilizzato un silicone con velocità di polimerizzazione più lenta, anche gli strati stampati rimarranno non polimerizzati. Il peso degli strati appena stampati deformerà gli strati precedenti (non polimerizzati) e le strutture collasseranno sotto il loro stesso peso.
 
 
Specifiche
 
 
 
Tecnologia di stampa
Produzione additiva di elastomeri di grado implantare (iEAM)


Piattaforma di costruzione
250 x 250 x 250 mm


Risoluzione di stampa
50 micron


Materiale
NuSil® MED-4830, grado impianto LSR | NuSil® MED-4820, grado impianto LSR | Silopren* LSR 2650


Temperatura del letto
150 °C


Schermo
Schermo tattile da 10,1″.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi