LA REALTÀ AUMENTATA INCONTRA LA SINTERIZZAZIONE LASER
All’Università delle Arti di Zurigo, la realtà aumentata e la stampa 3D vengono studiate come possibili materiali didattici del futuro. Sintratec ha fornito una replica stampata in 3D di un ritrovamento archeologico per il progetto innovativo.

 
UNA CARTELLA DI LAVORO COINVOLGENTE
Jonas Christen è ricercatore associato nel gruppo Knowledge Visualization presso l’Università delle Arti di Zurigo (ZHdK). Nell’ambito di un progetto di ricerca, il suo team sta sviluppando materiali didattici immersivi basati sulla realtà aumentata (AR). In un esperimento pilota, gli studenti delle scuole secondarie dovrebbero acquisire una comprensione più profonda dei metodi di lavoro in archeologia. Ma questo non viene fatto solo digitalmente: “Un’applicazione AR pura comporta il rischio che gli studenti siano distratti dal fascino per il mezzo e assorbano poche informazioni”, afferma Christen. Questo è il motivo per cui la tecnologia AR è combinata con una cartella di lavoro analogica.



Jonas Christen (ZHdK) e il suo team di ricerca hanno sviluppato una cartella di lavoro immersiva basata sulla tecnologia AR.
 
VIVI L’ARCHEOLOGIA DA VICINO
 
Nel libretto, gli studenti imparano a conoscere il processo di lavoro digitale dell’archeologia moderna.
“Nel libretto seguiamo l’oggetto archeologico dalla scoperta attraverso lo scavo, la documentazione e la ricostruzione fino all’elaborazione del suo possibile utilizzo”, spiega Christen. Con gli occhiali per la realtà aumentata, gli studenti possono sperimentare le rispettive fasi di lavoro in tre dimensioni e animate sulla superficie del libretto per acquisire una migliore percezione delle procedure degli archeologi. Oltre al vecchio medium della carta e al nuovo medium dell’AR, il materiale didattico è integrato da un terzo: la stampa 3D.
 
IL DISTRIBUTORE A CATENA DI UETLIBERG
Questo progetto riguarda nello specifico un oggetto in bronzo composto da più catene e anelli – un cosiddetto distributore di catene – che era probabilmente usato come ornamento per i cavalli. Il ritrovamento risale all’anno 400 aC. Chr. Ed è stato scoperto nel 2014 sull’Uetliberg vicino a Zurigo. Con una parte così complessa, la stampa 3D si è presto rivelata l’unico metodo di produzione praticabile per creare una replica il più realistica possibile. “La replica stampata in 3D serve agli scolari come oggetto visivo per rendere tangibili le dimensioni del ritrovamento, ma può anche fornire agli archeologi nuove intuizioni sui possibili usi”, afferma Christen.



 
Quasi una sorta di scavo: dopo la stampa, la replica è stata depolverizzata nel Sintratec S2.
 
UNA REPLICA SINTERIZZATA AL LASER
Il distributore a catena è stato finalmente stampato con materiale stabile PA12 sul sistema Sintratec S2 . La sinterizzazione laser selettiva (SLS) si è rivelata il processo ideale per Jonas Christen: “La tecnologia Sintratec ci consente di visualizzare gli aspetti estremamente fini dell’oggetto in grande dettaglio”, sottolinea. “La precisione, la robustezza e la sensazione della stampa SLS sono stati fattori decisivi per noi.” La catena SLS è stata in grado di ispirare gli studenti nella prima prova sul campo e quindi di contribuire con successo al trasferimento delle conoscenze. È proprio questa eccitante combinazione di realtà aumentata e parti stampate in 3D che potrebbe sicuramente trovare la sua strada nelle future aule.
 
“La tecnologia Sintratec ci consente di visualizzare
gli aspetti estremamente raffinati degli oggetti archeologici in grande dettaglio .”
Jonas Christen
Research Associate
Knowledge Visualization, ZHdK

kvis.zhdk.ch
 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi