Solukon SFP 770

Solukon lancia il sistema di post-elaborazione per la stampa 3D polimerica: ecco tutto ciò che devi sapere
“Il disimballaggio di una build box da 150 litri può essere effettuato in meno di 10 minuti.”

La transizione di Formnext di quest’anno a una piattaforma completamente digitale non ha impedito allo specialista tedesco di soluzioni di post-elaborazione Solukon di continuare la sua tendenza ormai annuale di debuttare i suoi ultimi prodotti alla fiera di Francoforte.

Tuttavia, quest’anno segna un significativo cambiamento di ritmo per la società vincitrice del TCT Award in quanto presenta il suo primo pezzo di hardware rivolto specificamente al mercato della produzione di additivi polimerici.

Presentato oggi per la prima volta, SFP 770 è una soluzione completamente nuova che combina la rimozione della polvere in eccesso e un ciclo di pulizia in un unico sistema. Secondo Solukon, questo processo completamente automatizzato consente di disimballare e finire una grande scatola di costruzione da 150 litri di parti in polimero, senza residui, in pochi minuti.

TCT ha parlato con Andreas Hartmann, CTO e co-fondatore di Solukon per saperne di più.

TCT: Solukon sta passando ai polimeri per la prima volta: quanto è diversa la tecnologia dalle tue precedenti soluzioni incentrate sui metalli?
AH: Mentre ci stiamo concentrando sulla rimozione della polvere residua da strutture metalliche altamente complicate, il nostro nuovo processo polimerico prevede molte più fasi di post-elaborazione che dovevano essere risolte. Il processo include il disimballaggio automatico della scatola di costruzione completa, il trasferimento interno delle parti non imballate e la pulizia accurata della superficie delle parti. E questo è completamente programmabile per adattarlo a una vasta gamma di dimensioni e geometrie delle parti che possono apparire all’interno di un lavoro di stampa.

TCT: Ci puoi parlare della necessità di questa soluzione e del vuoto che intendi colmare nel mercato degli additivi?
AH: Anche in questo caso lo sviluppo è stato lanciato e spinto da un cliente di lunga data. Il suo obiettivo a lungo termine è l’officina economica senza polvere. L’idea è che tutti i processi vengano eseguiti senza contatto con la polvere. Ci aspettiamo che questo sia un prerequisito obbligatorio quando si pensa alla futura produzione di massa.

TCT: In un teaser pubblicato il mese scorso hai detto che l’SFP 770 è un passo fondamentale verso una “officina altamente efficiente e priva di polvere” automatizzata: come ci si arriva?
AH: L’operatore carica una build box stampata completa direttamente dalla stampante. Dopo il raffreddamento, il sistema lo disimballerà a causa del nuovo processo in pochi minuti. Dopo il disimballaggio, le parti vengono automaticamente inoltrate a un processo di finitura. Qui, la polvere residua dalla superficie della parte viene rimossa mediante granigliatura e aria ionizzata. Quando la macchina viene riaperta, l’operatore terrà in mano i pezzi finiti. Tutti i processi manuali sporchi a contatto con la polvere vengono gestiti in modo efficiente e automatico all’interno della macchina. Ciò accelererà il post-processo e manterrà l’ambiente pulito.

TCT: Puoi parlarci del tipo di tecnologie di produzione additiva di polimeri per cui è progettato? Hai lavorato con gli OEM di stampanti 3D polimeriche per sviluppare il prodotto?
AH: La macchina è progettata per SLS e MJF, in particolare per i sistemi EOS P7. Abbiamo già realizzato soluzioni periferiche per questa macchina, ma l’innovazione è stata sviluppata esclusivamente da noi.

TCT: Abbiamo visto le soluzioni di post-elaborazione del metallo di Solukon installate con una serie di clienti industriali, inclusi fornitori di servizi come Siemens Materials Solutions e Protolabs – in quali settori / clienti vedete la domanda per questa nuova soluzione polimerica?
AH: Vediamo il futuro per questo le soluzioni complete presso i grandi fornitori di servizi, ma anche presso le aziende che hanno un occhio di riguardo ai problemi di contaminazione da polvere. Abbiamo deciso di fornire l’unità di disimballaggio anche come sistema unico senza unità di pulizia per i clienti che già utilizzano un sistema di pulizia a graniglia o simile. Il disimballaggio aiuterà l’operatore a risparmiare la maggior parte del tempo di post-elaborazione ed evitare operazioni manuali nella torta in polvere. Il disimballaggio di una build box da 150 litri può essere effettuato in meno di 10 minuti. Ci aspettiamo che questo lo renda interessante per la maggior parte degli utenti AM.

TCT: Poiché la produzione additiva è sempre più esplorata per la produzione di produzione, in che modo questa nuova soluzione contribuirà a facilitare la transizione per i prodotti polimerici?
AH: Con queste soluzioni automatizzate i dipendenti avranno molto più tempo per altre attività importanti. Se si prevede di aumentare la produzione, non è necessario aggiungere alcun conteggio aggiuntivo. Gli sforzi di post-elaborazione sono notevolmente accelerati attraverso l’automazione. Il sistema consente di disimballare una build box contemporaneamente durante il processo di pulizia. Con il controllo OPC / UA, la macchina è pronta per un’ulteriore automazione, come il caricamento automatizzato, sperando di poter offrire il passaggio successivo alla produzione.

TCT: Questa settimana presenterai il prodotto a Formnext Connect: quando sarà disponibile sul mercato l’SFP 770?
AH: Il sistema sta già funzionando con successo presso la nostra sede clienti nel sud della Germania. La macchina sarà disponibile a metà del 2020.

Be the first to comment on "Solukon SFP 770"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi