Stampa 3d a Future for Stereolithography, Inkjet e Beyond seminario di roadmapping presso il National Institute of Standards and Technology (NIST) di Boulder, in Colorado

NIST E RADTECH RICHIEDONO COLLABORATORI PER LA SUA TABELLA DI MARCIA PER IL FUTURO DELLA STAMPA 3D FOTOPOLIMERICA

Dal 29 al 30 ottobre 2019, esperti di produzione additiva sono invitati a un seminario di roadmapping presso il National Institute of Standards and Technology (NIST) di Boulder, in Colorado. Lanciato in collaborazione con RadTech senza scopo di lucro per la chimica del fotopolimero UV + EB , il workshop mira ad affrontare il futuro della stampa 3D di fotopolimeri: le sue sfide e ciò che è necessario per far avanzare SLA, getto d’inchiostro e altre tecnologie correlate.

Al centro di alcune delle più consolidate modalità di stampa 3D, i fotopolimeri sono ampiamente applicati nei settori della gioielleria, dentale, automobilistico e dentale, tra gli altri. NIST e RadTech credono tuttavia che l’applicazione commerciale di questi materiali stia a malapena a graffiare la superficie delle loro reali capacità.

In Roadmapping a Future for Stereolitithography, Inkjet e Beyond , gli host raccoglieranno i pensieri e le opinioni delle parti interessate del settore per pianificare un percorso in avanti per questa sezione della sfera della stampa 3D . Tra i relatori all’evento saranno presenti rappresentanti di 3D Systems, Carbon, Formlabs, Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL), Ford Motor Company e altro.

Ho incontrato i ricercatori del NIST e i membri del comitato del workshop sul fotopolimero per scoprire di più sugli obiettivi previsti della loro tabella di marcia e sulle aree inesplorate dello SLA.

Il Dr. Mike J. Idacavage è membro del comitato organizzatore di Roadmapping a Future for Stereolitithography, Inkjet e Beyond . Con decenni di esperienza nel settore della polimerizzazione UV, il Dr. Idacavage ha anche avuto un ruolo fondamentale nel coordinamento della BIG IDEAS di RadTech per la tecnologia UV + EB tenutasi a marzo 2019. “In un certo senso”, spiega, “la conferenza BIG IDEAS aiutato a piantare i semi per questo seminario. Una cosa che mancava ai molti eccellenti colloqui di settore e accademici presso BIG IDEAS è stata una discussione sulla definizione di standard e sulla focalizzazione sui bisogni critici per la produzione additiva. ”L’ingegnere di ricerca sui materiali della NIST, il dott. Callie Higgins, si è avvicinato per la prima volta al dott. Idacavage con l’idea di il laboratorio, e da allora è stato coinvolto nel suo sviluppo.

Nel corso dell’evento, il dott. Idacavage ritiene che uno dei punti focali generali sarà la necessità di fotopolimeri più sostenibili, “insieme a”, aggiunge, “un inizio nello sviluppo di metodi di prova uniformi sia per i materiali che per gli oggetti stampati”. ritiene inoltre che vi saranno raccomandazioni in materia di regolamentazione, salute e sicurezza sul campo. “Su un focus più tecnico”, afferma il Dr. Idacavage, “i sistemi di materiali ibridi guadagneranno interesse in quanto ciò amplifica notevolmente le prestazioni di una parte stampata AM per applicazioni commerciali”.

In qualità di coordinatore del workshop Roadmapping a Future for Stereolitithography, Inkjet e Beyond , il dott. Higgins cerca di colmare una lacuna di conoscenza fondamentale nel comportamento dei fotopolimeri. “Nel mio lavoro di dottorato”, spiega, “mi sono reso conto che c’è un enorme divario: mancano pezzi di comprensione fondamentale che sono necessari affinché questo processo sia una tecnologia veramente utile, e con questo workshop abbiamo un’opportunità unica di trovare e affrontare questi pezzi mancanti “. Fondamentalmente, aggiunge il dott. Higgins,” la stereolitografia è una parola d’ordine, e rimarrà solo una parola d’ordine invece di una tecnologia di produzione tradizionale se non capiamo e decodifichiamo l’eterogeneità chimica e meccanica intrinseca in queste strutture stampate “.

La capacità di controllare la chimica dei materiali durante una stampa è una delle attrazioni uniche di SLA come metodo. Il dott. Higgins aggiunge: “Questo processo, in teoria, potrebbe consentire di progettare completamente le proprietà del materiale dal blocco di base di un singolo voxel”. È anche una delle caratteristiche che rende SLA una possibilità così attraente per i generalmente trascurati area dell’ingegneria dei tessuti. Questa è un’altra area che dovrebbe essere esplorata come parte del prossimo seminario. “Le cellule rispondono a segnali meccanici e chimici di livello inferiore al micron”, spiega il dott. Higgins, quindi, se la caratterizzazione non è esatta, le cellule non si svilupperanno nel tessuto prescritto desiderato. La selezione del materiale è un altro vantaggio di SLA nella bioprinting. Limitato solo dalla lunghezza d’onda della luce e dalla chimica usata, entrambe le quali possono essere cambiate, il Dr. Higgins spiega:

“CON SLA, LA VARIETÀ DI MATERIALI FOTOPOLIMERICI È ESSENZIALMENTE ILLIMITATA.”

Partecipa a Roadmapping a Future for Stereolitithography, Inkjet e Beyond

Nell’organizzazione del seminario, il dott. Higgins è affiancato dal dott. Jason Killgor e, leader del progetto Scanning Probe Microscopy (SPM) per materiali e processi avanzati nel gruppo di affidabilità su scala nanometrica del NIST. Parlando in generale dei motivi alla base dell’argomento scelto per l’evento, il dott. Killgore afferma che “NIST è stata intenzionata a non scegliere vincitori o vinti in specifiche tecnologie di produzione additiva”.

“Piuttosto”, aggiunge, “abbiamo cercato di allocare gli sforzi per risolvere le sfide di misurazione e standard critici per una vasta gamma di metodi di metalli e polimeri”.

Come agenzia governativa rivolta al settore, parte del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, NIST è posizionata in modo univoco per aiutare a sostenere lo sviluppo di tecnologie promettenti. Il Dr. Killgore aggiunge: “Photopolymer AM è una strada davvero entusiasmante per NIST perché combina competenza tecnica in materiali, ottica e altro ancora.”

Il primo giorno del prossimo seminario, NIST e RadTech ospiteranno discussioni sugli argomenti della caratterizzazione e degli standard dei materiali. A seguito di questi seminari, ci saranno diverse sessioni di approfondimento che daranno ai partecipanti l’opportunità di discutere le domande pertinenti per l’industria, vale a dire:

  • Dov’è il campo in termini di tecnologia?
  • Esistono barriere di misurazione per raggiungere tali obiettivi tecnologici?
  • Esistono barriere standard per raggiungere tali obiettivi tecnologici? E,
  • Quale singolo progresso produrrebbe il cambiamento più tangibile e positivo per l’industria AM basata sulla luce?

Dopo le discussioni, il giorno due ai partecipanti sarà data l’opportunità di visitare i laboratori di fotopolimeri presso il NIST e altre strutture vicine, tra cui Health Systems di 3D Systems a Littleton, CO.

Per coloro che desiderano partecipare al workshop Roadmapping a Future for Stereolithography, Inkjet e Beyond dal 29 al 30 ottobre 2019, è possibile pre-registrare la propria presenza qui.

Be the first to comment on "Stampa 3d a Future for Stereolithography, Inkjet e Beyond seminario di roadmapping presso il National Institute of Standards and Technology (NIST) di Boulder, in Colorado"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi