Stampa 3D nei bagni sospesi: mantenere le promesse del bioprinting a galleggiamento

I ricercatori hanno interrotto e potenziato la bioprinting con le tecniche del bagno sospeso

Ricercatori statunitensi e britannici hanno lavorato insieme su tecniche di bioprinting complesse e uniche, delineando le loro scoperte nel recente pubblicato ” Stampa 3D nei bagni sospesi: mantenere le promesse della bioprinting a galla “. Concentrandosi sull’uso della sospensione nella stampa 3D basata sull’estrusione, i ricercatori hanno sviluppato una strategia per creare parti “ricche d’acqua” e autoportanti; tuttavia, uno dei loro obiettivi principali è quello di interrompere l’attuale status quo del bioprinting.

Mentre la bioprinting continua a progredire a un ritmo impressionante con molti risultati incredibili, i ricercatori sottolineano che ci sono ancora domande in merito alla capacità di fabbricare tessuti veramente funzionali, portando all’apice del successo negli organi di stampa 3D per trapianti praticabili. Poiché la stampa 3D mette a dura prova le cellule durante i processi di produzione, la tecnologia è vista come “un candidato interessante” per portare l’ingegneria dei tessuti e degli organi al livello successivo. Qui, tuttavia, gli autori sospettano che sia necessario un maggiore cambiamento nel bioprinting per raggiungere l’obiettivo della stampa 3D di organi interamente funzionali.

Oggi i ricercatori di tutto il mondo tendono a essere coinvolti nella stampa 3D che comporta l’estrusione di filamenti, creando parti e prototipi autoportanti (i dispositivi medici sono un buon esempio), mentre altri, tuttavia, sono fortemente coinvolti nella fabbricazione legata alla biomimetica , concentrandosi sull’ingegneria dei tessuti, di solito con l’uso di bioink:

“Tali strutture sono più permissive alla maturazione dei tessuti rispetto alla stampa dei costrutti ricchi di polimeri precedentemente menzionati. Tuttavia, i bioink sono meno adatti per l’uso come materiali di fabbricazione, a causa delle loro innate proprietà meccaniche deboli, e quindi sono generalmente evitati per strutture di stampa di dimensioni superiori a diversi millimetri o che richiedono un’elevata fedeltà strutturale “, spiegano i ricercatori.

Poiché la stampa 3D nei supporti di sospensione è diventata più praticabile come piattaforma, anche l’idea di usarla come una combinazione dei due viali, utilizzando la stampa 3D basata sull’estrusione che deposita i materiali in un bagno. Poiché gli oggetti sono sospesi nella sicurezza del liquido, le possibilità di collasso sono minori. Le microstrutture inoltre recuperano rapidamente la loro forma, tornando allo stato solido. È possibile la stampa 3D di materiali morbidi, compresi quelli con un elevato contenuto di acqua, il che significa che molti più materiali diventano disponibili per l’uso.

I potenziali vantaggi della stampa 3D con supporti in sospensione includono:
Prevenzione del collasso delle strutture
Estrusione continua migliorata
Rapida deposizione di materiale
Eliminazione di materiali e cellule disidratati
Disponibilità di stampa omnidirezionale
Stampa in posizioni arbitrarie
I supporti di sospensione possono essere conservati anche dopo il processo di stampa:

“L’inclusione di cellule in un mezzo di sospensione evoca l’idea del mezzo che funge da piattaforma per posizionare le cellule nello spazio 3D, oltre a fornire una matrice di massa che soddisfa alcune delle funzioni di un ECM nativo. Il notevole vantaggio che i mezzi di sospensione vengono sfruttati in questo modo è legato all’opportunità di fabbricare strutture di tessuto 3D più grandi in un tempo più breve, aumentando la produttività del bioprinting 3D. “

Il bioprinting potrebbe ricevere un vero impulso anche dal momento che i mezzi di sospensione possono fungere da sistema di supporto per bioinchiostri a bassa viscosità, aiutando a raggiungere una maggiore vitalità e sostenibilità delle cellule, nonché fabbricando forme che non necessitano di “materiale di ponteggio persistente”.

“Prevediamo lo sfruttamento dei mezzi di sospensione per raddoppiare come matrice di massa fornendo una tecnologia abilitante per l’ingegnerizzazione di tessuti funzionali di grandi dimensioni. Inoltre, riteniamo che ci sia il potenziale per incorporare organoidi e stampare i canali vascolari circostanti all’interno del mezzo di sospensione “, hanno concluso i ricercatori. “Il lavoro svolto dal gruppo di ricerca Lutolf in Svizzera ha dimostrato che stadi separati nella formazione di organoidi richiedono ambienti meccanici diversi. L’opportunità di alterare le proprietà meccaniche del mezzo di sospensione nel tempo, ad esempio mediante l’aggiunta di sostanze chimiche reticolanti o la diluizione di un mezzo di microparticelle, può essere permissiva per imitare il carattere dinamico del microambiente organoide.

“Analogamente all’aumento della ricerca nel campo della biofabbricazione nell’ambito dell’introduzione delle varie piattaforme di stampa 3D, riteniamo che i supporti di sospensione possano fornire la piattaforma tecnologica richiesta che supporterà il livello successivo della ricerca sulla bioprinting 3D”.

Be the first to comment on "Stampa 3D nei bagni sospesi: mantenere le promesse del bioprinting a galleggiamento"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi