Stratasys ha stretto una partnership con la start-up francese med-tech Bone 3D che consentirà alle istituzioni sanitarie in Francia di accedere direttamente alle apparecchiature di stampa 3D Stratasys.

L’hardware e i servizi di stampa 3D di Bone 3D possono ora essere subappaltati dagli operatori sanitari per soddisfare le loro esigenze di produzione in loco. Secondo l’accordo, Bone 3D investirà e fornirà la tecnologia di stampa 3D FDM e PolyJet di Stratasys in base ai requisiti dei singoli ospedali e istituzioni mediche che fanno parte della sua rete “Hospifactory”.

Tra i sistemi di stampa 3D su cui investirà ci sono la macchina J750 Digital Anatomy per modelli anatomici; la piattaforma J5 MediJet full color e multimateriale; e diverse macchine FDM della serie F per parti resistenti e durevoli come componenti di manutenzione, sviluppo di dispositivi medici e pezzi di ricambio.

“All’inizio della pandemia di COVID-19, il mondo ha assistito in prima persona all’importanza della stampa 3D poiché ha fornito un mezzo rapido e diretto per produrre DPI vitali per equipaggiare operatori sanitari in prima linea, parti di ventilatori e altre apparecchiature mediche critiche”, ha commentato Bone Fondatore e CEO di 3D Jérémy Adam. “Tuttavia, oltre a ciò, la versatilità della stampa 3D ha visto un’enorme richiesta da parte di ospedali e istituzioni mediche di un mezzo per creare parti di manutenzione, parti di riabilitazione e dispositivi medici. La nostra iniziativa Hospifactory assicurerà che alcune delle tecnologie di stampa 3D più avanzate del mercato siano rese accessibili esattamente dove e quando sono necessarie da chirurghi e medici attraverso la rete ospedaliera francese.

Da quando è stata fondata tre anni fa, Bone 3D ha sviluppato una stretta relazione con Stratasys per servire i suoi oltre 250 clienti. L’anno scorso, la società ha implementato 60 stampanti 3D Stratasys FDM nell’AP-HP di Parigi per supportare gli sforzi in prima linea contro il COVID-19, con l’implementazione, il funzionamento e il supporto della flotta gestita da Bone 3D. L’assistenza sanitaria è uno dei principali mercati verticali di Stratasys, ad esempio il lancio di prodotti specifici per il settore medico come il J5 MediJet e l’adozione delle sue tecnologie da parte di aziende del calibro di Bordeaux University Hospital , Seattle Children’s Hospital , VA Health Care System e CPI’s National Healthcare Centro di fotonica .

“Continuiamo a vedere una forte domanda di stampa 3D nel settore sanitario per un set di applicazioni in rapida espansione”, ha aggiunto Eric Erickson, Direttore della sanità, EMEA, Stratasys. “La capacità di produrre parti localmente, su richiesta è un punto di svolta per gli ospedali e le istituzioni mediche, dando loro il potere di stampare in 3D le parti critiche di cui hanno bisogno, quando ne hanno bisogno. L’iniziativa Hospifactory aumenterà significativamente l’accessibilità della nostra tecnologia di stampa 3D a una rete geografica molto più ampia di ospedali”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi