Stratasys annuncia SAF : una nuova tecnologia di stampa 3D basata su polvere

Il principale produttore di stampanti 3D Stratasys ha annunciato il lancio della sua nuova tecnologia di stampa 3D a base di polvere.

La tecnica si basa su un processo di sinterizzazione ad alta velocità sviluppato originariamente da Xaar, un fornitore di testine di stampa a getto d’inchiostro. Denominata Selective Absorption Fusion (SAF), la tecnologia alimenterà l’imminente piattaforma di produzione della serie H dell’azienda. Secondo Stratasys, il processo è progettato per applicazioni di utensili e produzione di parti per uso finale ad alto volume, il che significa che è caratterizzato da capacità di produttività elevata e qualità delle parti eccezionali.

Omer Krieger, vicepresidente esecutivo della strategia di prodotto e sviluppo aziendale presso Stratasys, afferma: “La stampa 3D sta trasformando sempre più la produzione nei settori di tutto il mondo poiché le aziende cercano di muoversi con maggiore agilità ed efficienza, motivo per cui abbiamo messo al centro le parti di produzione della nostra strategia aziendale. “

Con oltre un decennio di ricerca e sviluppo alle spalle, la stampa 3D SAF prevede il getto selettivo di un fluido ad alto assorbimento (HAF) sensibile agli infrarossi, un legante, su un letto di polvere polimerica. Questo viene fatto facendo passare testine di stampa piezoelettriche industriali su tutta la larghezza dell’area di stampa ed è compatibile con una varietà di polveri polimeriche come poliammidi ed elastomeri.

Il sistema quindi fa passare una lampada a infrarossi sull’intero arco del letto di polvere, che fonde le aree infuse con HAF e fonde le particelle di polvere insieme per formare strati solidi. Poiché SAF esegue questi passaggi nella stessa direzione attraverso il letto di polvere, tutte le parti in una costruzione sperimentano la stessa energia termica, con conseguente qualità delle parti costanti indipendentemente dal posizionamento del letto. Le proprietà termiche della lampada IR sono anche strettamente controllate in modo da evitare problemi di deformazione, che possono essere un problema con i polimeri in ambienti ad alta temperatura.

Infine, SAF si avvale anche di quello che Stratasys chiama un sistema di gestione delle polveri Big Wave, una tecnologia proprietaria che garantisce una distribuzione ottimale e uniforme della polvere sul letto. Il sistema Big Wave è dotato di un rullo controrotante per far ricircolare rapidamente qualsiasi polvere che potrebbe essere traboccata, riducendo al minimo l’esposizione prematura del materiale all’energia termica e riducendo l’invecchiamento della polvere. Di conseguenza, ogni costruzione richiede meno polvere fresca e i costi operativi sono ridotti.

Stratasys stima che le applicazioni di produzione mostrino il maggior potenziale di crescita del mercato nel settore della produzione additiva, raggiungendo i 25 miliardi di dollari entro il 2025. La società di ricerche di mercato CONTEXT stima inoltre che i ricavi delle stampanti 3D a base di polvere di polimero vedranno una crescita composta del 21% all’anno dal 2020 al 2024. Con il lancio della prossima Serie H, l’azienda si sta posizionando per servire produttori di utensili e componenti per uso finale in una moltitudine di settori.

Krieger spiega: “La tecnologia SAF rappresenta un’innovazione significativa che apre nuove opportunità per affrontare applicazioni in settori quali l’automotive, i beni di consumo, l’elettronica e le apparecchiature industriali. Di conseguenza, consentiremo lo spostamento di molte applicazioni dalla produzione tradizionale e consentiremo anche la creazione di prodotti che possono essere prodotti solo in modo additivo “.

Stratasys certamente non delude quando si tratta dell’enorme numero di lanci di stampanti 3D. All’inizio di questo mese, la società ha lanciato la sua ultima stampante 3D PolyJet multimateriale specifica per applicazioni dentali. J5 DentaJet può depositare fino a cinque diverse resine biocompatibili contemporaneamente, incluso un materiale di supporto.

Proprio il mese scorso, la società ha anche lanciato la stampante 3D J850 Pro, un sistema PolyJet multimateriale per applicazioni di prototipazione di livello ingegneristico. L’ultima entrata nell’ammiraglia della serie J8 è rivolta principalmente a ingegneri e designer che cercano prototipi funzionali monocromatici a un prezzo accessibile. Inoltre, Stratasys ha recentemente immerso i suoi piedi nella stampa 3D industriale a base di resina con l’acquisizione dei produttori di stampanti 3D SLA Origin e RPS.

Be the first to comment on "Stratasys annuncia SAF : una nuova tecnologia di stampa 3D basata su polvere"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi