Studio di HP e 3dbpm Research sulla stampa 3d

HP pubblica uno studio sulle tendenze nella stampa 3D industriale

Uno studio di HP e 3dbpm Research ha dimostrato che la produzione additiva svolge un ruolo significativo nella digitalizzazione della produzione e nell’interruzione di interi settori. L’indagine analizza le tendenze più importanti nella produzione digitale presso i principali produttori di parti industriali in Europa. Il 96% degli intervistati ha affermato di poter portare i prodotti sul mercato più velocemente con l’aiuto della produzione additiva. Tutti gli intervistati concordano su un punto: tutti i partecipanti conoscono i vantaggi dei flussi di lavoro digitali, in particolare la produzione su richiesta di componenti è l’obiettivo.

I produttori tedeschi vedono il maggior potenziale di digitalizzazione nella produzione in serie personalizzata e su richiesta; perché la produzione additiva ti supporta nell’affrontare sfide speciali nella produzione – tra le altre cose, la produzione può essere adattata in modo flessibile alle fluttuazioni della domanda.

Il 60% dei produttori tedeschi di componenti industriali prevede un’elevata crescita della produzione additiva a medio termine, in linea con la tendenza media europea. I produttori tedeschi di componenti industriali considerano la migliore funzionalità dei componenti il ​​vantaggio più importante della produzione additiva (55 percento). Per il 75% delle aziende tedesche di questo settore, la sostenibilità è il motore più importante per la loro trasformazione digitale. Il 40% dei partecipanti al sondaggio dalla Germania prevede di investire quasi un milione di euro nella digitalizzazione nei prossimi cinque anni, un altro 20% prevede di spendere tra 500.000 e un milione di euro.

Trend HP AM nel report EMEA
Il “Rapporto HP AM Trends in EMEA” esamina gli obiettivi e le strategie di investimento delle aziende manifatturiere nei sei principali mercati europei di Benelux, Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia e Spagna. 3dpbm è responsabile della realizzazione dello studio; sono stati intervistati in modo indipendente produttori di parti industriali di diverse dimensioni e diverse specializzazioni. Lo studio esamina i vantaggi che le aziende con processi di produzione digitale e additiva hanno per la produzione di parti industriali e la loro valutazione se il macro trend accelererà ulteriormente nel breve e medio termine.

“La trasformazione digitale della produzione è in pieno svolgimento”, ha affermato Guayente Sanmartin, Global Head & General Manager, HP 3D Printing Multi Jet Fusion Business. “Le aziende leader del futuro saranno quelle che sfrutteranno il potenziale del software , dei dati, dell’intelligenza artificiale e della produzione digitale per reinventare e personalizzare i prodotti e le esperienze dei clienti. Abbiamo fatto grandi passi avanti negli ultimi anni: la nostra tecnologia HP Multi Jet Fusion ha fornito più di 60 milioni di parti stampate in 3D sin dal suo inizio. La necessità di questa tecnologia è cresciuta esponenzialmente negli ultimi 15 mesi”.

“I progressi nella stampa 3D stanno creando opportunità completamente nuove per l’interruzione intersettoriale. Allo stesso tempo, la produzione additiva sta adottando un approccio molto più sostenibile dal punto di vista ambientale rispetto alle tecnologie di produzione tradizionali “, aggiunge Raffi Beglarian, EMEA 3D Printing Market Manager, HP. “Questo è un driver importante per i produttori perché la stampa 3D e la sua natura intrinsecamente flessibile consentono un’economia circolare senza precedenti”.
Trasformazione digitale
Lo studio mostra anche che la produzione additiva è la chiave per digitalizzare i processi di produzione industriale. Quasi tutti gli intervistati concordano su questo. Il 96 percento dei partecipanti ritiene necessario digitalizzare i propri processi di produzione per posizionarsi per il futuro.

La produzione di componenti economici e la fabbricazione di prodotti di alta qualità a velocità più elevate sono di particolare importanza. I produttori britannici e tedeschi di parti industriali intervistati stanno pianificando i maggiori investimenti nella digitalizzazione e nella produzione additiva: il 50% delle aziende britanniche e il 40% delle aziende tedesche hanno dichiarato di pianificare investimenti per oltre un milione di euro nei prossimi cinque anni.

Ulteriori risultati mostrano: l’83 percento delle aziende intervistate utilizza la produzione additiva per la produzione di componenti e strumenti per la fabbricazione di prodotti commerciali. Circa la metà (52%) produce già prodotti finiti completi, che è l’ultima frontiera della produzione additiva.

“La nostra produttività continuerà ad aumentare negli anni a venire. In passato, abbiamo beneficiato dei miglioramenti nella tecnologia HP Multi Jet Fusion, come gli aggiornamenti del firmware che accelerano il processo di produzione, nonché dell’introduzione della nuova serie HP Multi Jet Fusion 5210. Ciò riduce il tempo di stampa del 25% e quindi aumenta notevolmente la produttività “, spiega Markus May, cofondatore e amministratore delegato di 3Faktur, uno dei produttori di componenti industriali intervistati in Germania. “In futuro, otterremo incrementi di produttività attraverso un più alto grado di automazione e attraverso prodotti che aiutano a razionalizzare il processo produttivo e ad aumentare la riproducibilità”.
Questo rapporto si basa sui risultati del Digital Manufacturing Trend Report di HP pubblicato nell’ottobre 2020 e fornisce un’analisi più completa dei principali fattori trainanti, strategie di investimento e tendenze specifiche per paese in Europa.

Be the first to comment on "Studio di HP e 3dbpm Research sulla stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi