Il produttore australiano di stampanti 3D in metallo Titomic e il fornitore di produzione su richiesta Romar Engineering hanno guadagnato un totale combinato di (AUD) $ 8,1 milioni per finanziare i rispettivi progetti aeronautici imminenti. 

Mentre Titomic intende impiegare il suo capitale per portare sul mercato una nuova linea di componenti aerospaziali, Romar Engineering prevede allo stesso modo di utilizzare la sua quota per produrre parti di controllo del movimento per future missioni spaziali. Il finanziamento è stato assegnato nell’ambito della più ampia “Iniziativa manifatturiera moderna” dello stato australiano, attraverso la quale mira ad aiutare le aziende autoctone a cogliere le opportunità della catena di approvvigionamento. 

“Queste sovvenzioni contribuiranno a rafforzare la reputazione dell’Australia nella crescente industria spaziale civile globale e si baseranno sull’importante lavoro condotto dalla nostra Agenzia spaziale australiana”, ha affermato Christian Porter, ministro australiano per l’industria, la scienza e la tecnologia. “Dai satelliti ai componenti dei sensori, i produttori australiani stanno attingendo alla nostra esperienza AM esistente per lanciarsi in nuovi entusiasmanti mercati”. 

“QUESTO FINANZIAMENTO MIRA A CREARE MAGGIORI OPPORTUNITÀ PER FAR CRESCERE LA NOSTRA INDUSTRIA SPAZIALE LOCALE, SBLOCCARE ULTERIORI INVESTIMENTI E FORNIRE I POSTI DI LAVORO QUALIFICATI DI CUI ABBIAMO BISOGNO ORA E PER IL FUTURO”.

Annunciata nell’ottobre 2020, la Modern Manufacturing Initiative (MMI) del governo australiano è progettata per promuovere la competitività e la sostenibilità del settore manifatturiero del paese. Nell’ambito del primo round di finanziamento dell’MMI per l’integrazione e la traduzione, sono stati assegnati quasi 14 milioni di dollari per aiutare a promuovere quattro aziende australiane, ognuna delle quali cerca di rivolgersi all’industria aerospaziale globale. 

Come uno di quelli selezionati per il supporto, Titomic è destinato a guadagnare $ 2,3 milioni per la produzione in serie e la commercializzazione delle parti satellitari che sta sviluppando. L’azienda intende anche ottenere lo stesso con le parti del veicolo spaziale in titanio che ha nascosto, che sta costruendo per rivolgersi al settore spaziale australiano oltre ai mercati esteri. 

Sebbene la società non abbia confermato pubblicamente che stamperà in 3D i componenti in questione, gran parte della sua attività ruota attorno alla sua tecnologia additiva Titomic Kinetic Fusion. Inoltre, dato che in passato l’azienda ha ricevuto un ordine da Airbus e ha prodotto componenti per razzi insieme a Gilmour Space Technologies , non è un gran salto suggerire che ora stia stampando in 3D le proprie parti aerospaziali. 

Altrove, l’MMI ha anche visto EffusionTech e Q-CTRL ricevere $ 1,2 milioni e $ 2,5 milioni per finanziare progetti simili relativi all’aerospazio. Utilizzando questo finanziamento, il primo mira a produrre motori a razzo a propellente liquido a basso costo, durevoli e ad alte prestazioni, mentre il secondo si sta proponendo di espandere la sua produzione di payload spaziali di telerilevamento. 

Come quarto e ultimo destinatario del primo round di investimento MMI, Romar Engineering ha ricevuto il maggior finanziamento di tutti quelli sostenuti finora, guadagnando $ 5,8 milioni. Sfruttando la maggior parte del suo nuovo capitale, l’azienda mira a produrre e distribuire i suoi sistemi di controllo dei fluidi e del movimento, progettati per essere utilizzati nelle future missioni spaziali. 

Con il resto della sovvenzione, secondo quanto riferito , l’azienda intende assumere diciotto nuovi membri del personale per lavorare nella sua divisione Advanced Manufacturing, che è nota per ospitare diverse stampanti 3D, tra cui un sistema DMG MORI LASERTEC 65 che si dice sia l’unico del suo genere installato in Australia e uno dei soli tre utilizzati in ambienti commerciali. 

Per quanto riguarda il restante budget di 1,286 miliardi di dollari dell’MMI, il governo australiano annuncerà nel prossimo futuro ulteriori vincitori del premio medico e dei “minerali critici”. Le aree che saranno prese di mira includono i settori alimentare e delle bevande, dell’energia pulita e della difesa, che riceveranno un totale di 200 milioni di dollari anziché i 140 milioni inizialmente previsti, a causa della forza delle domande presentate. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi