Il produttore tedesco di macchine utensili TRUMPF ha fornito una rara panoramica dei suoi risultati fiscali, pubblicando proiezioni di vendita per gli esercizi finanziari 2020/21 e 2021/22. 

In un breve assaggio dei suoi dati finanziari per l’anno fiscale 2020/21, l’azienda privata ha rivelato che prevede di aver generato € 3,3 miliardi dagli ordini di prodotti, ma per l’esercizio 2021/22 prevede che questa cifra potrebbe ora salire ancora più in alto a 3,9 miliardi di euro, anche grazie al crescente interesse della clientela cinese, in particolare di quella che opera nel mercato dell’auto sostenibile. 

“Abbiamo iniziato il nuovo anno fiscale con vendite stabili e ordini in entrata molto buoni”, ha spiegato Nicola Leibinger-Kammüller, presidente della direzione del gruppo TRUMPF. “Sono il risultato, tra l’altro, dei forti impulsi economici provenienti dalla Cina, che provengono dalle applicazioni elettroniche e dalla domanda dei nostri laser per l’elettromobilità”.I dati finanziari 2020/21 di TRUMPF

Anche se TRUMPF non è quotata in borsa, quindi non è obbligata a pubblicare i suoi dati finanziari per intero, pubblica periodicamente i dati principali per dare all’industria un’indicazione delle sue prestazioni. All’interno dei suoi numeri provvisori FY 2020/21, la società ha rivelato che prevede di aver generato un fatturato di 3,5 miliardi di euro, che li collocherebbe esattamente in linea con quelli raggiunti nell’anno precedente. 

Data la struttura di rendicontazione finanziaria dell’azienda, il suo anno fiscale 2019/20 andrà dal 1 luglio 2019 al 30 giugno 2020, il che significa che ha eguagliato i suoi numeri da un anno quasi senza pandemia, mentre la fascia più alta dei 3,9 euro di TRUMPF anche le proiezioni di miliardi di ordini per il 2021/22, se convertite, rappresenterebbero una crescita significativa rispetto ai 3,7 miliardi di euro generati nell’esercizio 2018/19 interamente pre-COVID. 

Finanziari (€) 
FY 2018/19
FY 2019/20
Varianza (%) 
FY 2019/20
FY 2020/21
Varianza (%) 
Fatturato delle vendite
3,8 miliardi di euro
3,5 miliardi
-8
3,5 miliardi
3,5 miliardi

Ordinazione
3,7 miliardi
3,3 miliardi di euro
-11
3,3 miliardi di euro
3,9 miliardi di euro 
+18%
Il mercato più grande 
721 m (Germania) 
610m (Germania) 
-15
610m (Germania) 
580m (Germania) 
-5
 

Geograficamente, la Germania è rimasta il mercato più redditizio dell’azienda, con vendite che ammontano a 580 milioni di euro di ordini. Tuttavia, il boom della domanda dei laser di TRUMPF all’interno del settore dell’elettromobilità cinese, ha visto il suo fatturato nel paese raggiungere i 525 milioni di euro, precedendo gli Stati Uniti, dove ha raccolto circa 485 milioni di euro. 

Negli ultimi 12 mesi, l’azienda ha anche annunciato che il suo numero di dipendenti è salito a 14.800, con una forza lavoro tedesca che rappresenta 7.600 di questi e 4.400 ha sede presso il quartier generale di Ditzingen, anche se non ha detto se il suo team sta operando ancora a pieno regime, dopo che il 27% di loro è diventato part-time lo scorso anno.Crescita basata sulla stampa 3D? 

Sebbene TRUMPF non abbia fornito una ripartizione dei suoi principali fattori di fatturato per l’anno fiscale 2020/21, è possibile che l’azienda sia stata premiata finanziariamente per la sua collaborazione di stampa 3D automobilistica con Porsche nel luglio dello scorso anno. Lavorando con MAHLE , l’azienda ha stampato in 3D pistoni per una supercar 911 , che sono stati costruiti per essere ultraleggeri e alla fine hanno aggiunto 30 CV al suo motore. 

Naturalmente, l’azienda commercializza anche un’ampia suite di laser, utensili da taglio e macchine, comprese le stampanti 3D TruPrint 1000 , 2000 e 5000 di lunga durata, che hanno generato entrate ciascuna. In passato, la TruPrint 2000 ha trovato potenziali applicazioni di stampa 3D in metallo amorfo e si dice che Heraeus AMLOY stia lavorando alla standardizzazione di queste applicazioni per l’officina . 

Proseguendo ulteriormente questo approccio basato sulla compatibilità, nel marzo 2021 TRUMPF ha presentato la Truprint 3000 , progettata per gestire tutti i materiali saldabili: acciai, leghe di nichel, titanio e alluminio allo stesso modo. All’epoca, l’amministratore delegato dell’azienda Klaus Parey ha affermato che la macchina era stata costruita per aiutare coloro che operano in “più settori… a passare alla produzione di massa”, quindi potrebbe anche essere dietro il previsto boom di ordini di TRUMPF. 

Altrove, l’azienda ha anche apportato aggiornamenti significativi ai suoi sistemi esistenti al fine di potenziarne la funzionalità, le potenziali applicazioni e, in definitiva, il loro appeal di vendita, come la sua app Easy Order basata su AI per semplificare la stampa dei pezzi di ricambio e la funzione “Multiplate” per il TruPrint 1000, che consente ai clienti di produrre fino a 400 protesi dentarie contemporaneamente. 

Marcella Montelatic, il nuovo ad di Vendite e Servizi di TRUMPF Machine Tools. Foto tramite TRUMPF.
La prospettiva provvisoria di TRUMPF 

Sebbene TRUMPF non abbia pubblicato una prospettiva finanziaria in quanto tale, la sua leadership ha subito cambiamenti significativi negli ultimi tre mesi, che potrebbero avere un impatto sulla direzione futura dell’azienda. Nell’aprile 2021, ad esempio, Marcella Montelatici è stata nominata amministratore delegato delle vendite e dei servizi nella divisione macchine utensili dell’azienda, seguita da Stephan Mayer che è stato nominato amministratore delegato delle macchine utensili. 

Al momento della sua nomina, Montelatici ha affermato che durante il suo mandato avrebbe rispettato le priorità dei clienti, aiutandoli a “trovare la soluzione giusta, che si tratti di un sistema completamente automatizzato, di un aggiornamento digitale o di una classica macchina autonoma”. Da parte sua, Leibinger-Kammüller ha insinuato che ora sarà più facile rivolgersi a questi clienti dopo la ripresa osservata nei principali mercati europei di TRUMPF, ovviamente COVID permettendo. 

“C’è un’inconfondibile ripresa dell’economia in Europa, che stiamo registrando nel settore delle macchine utensili”, ha concluso Leibinger-Kammüller. “Tuttavia, rimane l’incertezza su come si svilupperà la stabilità delle catene di approvvigionamento globali e su come si svilupperà la gestione della pandemia di coronavirus”. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi