Tsunami Medical di Modena espande la propeia flotta di stampanti 3d metal

Tsunami Medical espande la flotta di stampa 3D metal di Additive GE per la produzione di impianti spinali

Tsunami Medical , un fornitore pionieristico di impianti spinali, ha iniziato a utilizzare una serie di quattro sistemi AM laser GE Additive Concept, due DMLM e due Mlab, presso il suo stabilimento di Modena, in Italia .

Fondata nel 1997 a Modena, nella “Valle Biomedica” italiana, Tsunami Medical ha iniziato a utilizzare l’AM già nel 2010 con macchine SLM (Selective Laser Melting) per progettare e produrre impianti medici. Come parte di una strategia lungimirante per adottare l’AM nei suoi processi di innovazione e produzione, Tsunami ha acquistato le sue prime due macchine Direct Metal Laser Melting (DMLM) nel 2015 e da allora ha aperto la strada alle innovazioni guidate dall’AM nelle gabbie spinali e impiantare.

Gli impianti spinali, in questo caso le gabbie in combinazione con le viti, sostengono fondamentalmente il restauro di spine danneggiate alleviando la pressione o fornendo una guida correttiva per la colonna vertebrale nei pazienti colpiti da stenosi spinale o altre malattie degenerative. Le gabbie spinali, tipicamente realizzate in plastica PEEK o titanio, forniscono una soluzione minimamente invasiva per ripristinare la mobilità e la forza nella colonna vertebrale e migliorare i risultati dei pazienti per coloro che soffrono di lesioni o malattie degenerative. Tsunami Medical è specializzato in questi impianti spinali, così come altri strumenti e strumenti per supportare i chirurghi nell’erogazione di interventi chirurgici spinali di successo.

Gli impianti spinali di fabbricazione tradizionale hanno i loro svantaggi. Gli impianti in titanio (gabbia e viti) hanno un’elasticità molto inferiore rispetto all’osso, quindi la loro rigidità influisce negativamente sulla struttura ossea e sul restauro. Gli impianti PEEK, che sono altamente biocompatibili, hanno elasticità e proprietà simili all’osso e, essendo di plastica, non causano alcun problema nei processi di imaging medico. Tuttavia, gli impianti PEEK non si integrano bene nella struttura ossea e tendono a spostarsi dalle posizioni previste negli impianti spinali.

Applicando il processo LaserCUSING di Concept Laser alle sue applicazioni di impianto spinale, Tsunami Medical è stata in grado di affrontare i limiti del titanio e del PEEK. Per fare ciò, l’azienda stampa 3D geometrie complesse in titanio, caratterizzate da reticoli, pori o strutture simili a ragnatele per ridurre la densità e fornire un’elasticità simile al PEEK. Inoltre, possono essere personalizzati in base all’anatomia del singolo paziente. Poiché non è richiesto alcun rivestimento aggiuntivo o importante post-elaborazione, questo può essere fatto in una fase di produzione. L’azienda ha sviluppato un sistema innovativo, il Giglio Interspinous Fusion System, che sviluppa impianti pronti per l’uso direttamente dalle macchine AM.

Stefano Caselli, CEO e fondatore di Tsunami Medical, ha spiegato l’importanza dell’AM nello sviluppo di tali sistemi innovativi:

“[C] ollaborazione e apprendimento condiviso con i professionisti medici e sanitari di tutto il mondo sono inestimabili. Le loro idee e il continuo entusiasmo per l’additivo metallico ci stimolano e aiutano a influenzare e plasmare la nostra strategia di innovazione in futuro. DMLM ci aiuta a raggiungere l’accuratezza, la complessità e l’integrazione funzionale a cui aspiriamo. Offre inoltre un’ottima qualità della superficie che riduce o talvolta elimina la necessità di una post-elaborazione tipica, che a sua volta favorisce l’aumento della produttività. L’impianto esce dalla macchina con un ciclo di stampa ottimizzato di 20 unità, senza necessità di strutture di supporto. È già completamente assemblato e, fatta eccezione per la lucidatura finale, non necessita di post-elaborazione. Nessun’altra macchina oggi sarebbe stata in grado di darci questo tipo di prestazioni. “

L’azienda ha anche innovato sviluppando nuovi distanziatori intervertebrali autoespandenti, “lobster spacers” (a sinistra in basso), che utilizza un meccanismo a ingranaggi e viti per regolare le ali apribili, e sviluppando una protesi a disco (a destra in basso), che include due gusci collegati da una doppia molla, come un unico componente stampato.

Entrambe le innovazioni sono state abilitate dalle stampanti 3D in metallo LaserCUSING di Concept Laser, che hanno fornito l’accuratezza, la qualità della superficie, la complessità, la produzione in un’unica fase e l’integrazione funzionale necessarie che solo DMLM può fornire. Non solo gli impianti possono essere personalizzati per ogni singolo paziente , ma anche le loro strutture possono essere ottimizzate e progettate per fornire prestazioni più vicine a quelle dell’osso reale. LaserCUSING consente inoltre l’integrazione di assiemi funzionali su piccola scala ad alta precisione come un singolo componente e per la produzione su richiesta di parti che richiedono pochissima post-elaborazione.

Tsunami Medical ha prodotto più di 50.000 componenti per i clienti di tutto il mondo che utilizzano AM. Ora ha aggiunto due sistemi Concept Laser Mlab ai suoi sistemi DMLM esistenti, espandendo la sua flotta a quattro sistemi AM.

Be the first to comment on "Tsunami Medical di Modena espande la propeia flotta di stampanti 3d metal"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi