La stampa 3D sta giocando un ruolo sempre più importante nella produzione industriale. Ciò significa che alcuni prodotti possono essere realizzati in modo rapido, efficiente ed economico. Tuttavia, alcune piccole e medie imprese (PMI) sono spesso preoccupate per i grandi investimenti in questa tecnologia. L’Application Center for Additive Manufacturing (AAF) presso l’Università tecnica di Kaiserslautern (TUK) fornisce consulenza e supporto in questi casi. Solo di recente qui è stato messo in funzione un sistema di saldatura a deposizione laser, in cui è possibile lavorare e combinare diversi materiali metallici e non metallici.

L’Application Center for Additive Manufacturing (AAF) è stato fondato circa un anno fa. A novembre 2020, il Ministero dell’Economia, dei Trasporti, dell’Agricoltura e della Viticoltura della Renania-Palatinato ha dato il via libera e ha approvato 2,65 milioni di euro provenienti da fondi statali e dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). Nuovo al centro è un sistema di saldatura a deposizione laser ad alta velocità che è stato recentemente messo in funzione. Con questa tecnologia, il materiale in polvere viene fuso in aria dal laser e quindi applicato strato dopo strato sulla superficie del componente.

“Il sistema è caratterizzato dal fatto che può produrre grandi numeri in breve tempo”, afferma Sebastian Greco, ricercatore presso l’AAF. La macchina ha anche la possibilità di lavorare a 5 assi, il che significa che possono essere create anche strutture molto complesse.

Da un lato il sistema è interessante per la ricerca, in quanto offre la possibilità di combinare tra loro materiali diversi . In questo modo, ad esempio, possono essere prodotti materiali a cui possono essere conferite nuove proprietà in modo mirato, come i materiali rinforzati come i compositi a matrice metallica. Oltre a metalli e plastica, in questo processo possono essere utilizzati anche acciaio inossidabile, titanio e alluminio.

Al centro, invece, il trasferimento tecnologico gioca un ruolo importante: qui ricevono supporto le aziende interessate alla stampa 3D. “Ogni progetto inizia con una fase di preparazione in cui utilizziamo uno studio di fattibilità per analizzare se un componente è economicamente e tecnicamente redditizio per la produzione additiva”, spiega Sebastian Greco. “Solo allora avviene l’effettivo sviluppo, produzione e garanzia della qualità dei prototipi”.

Jan Aurich, capo del centro e professore di tecnologia di produzione presso TUK, aggiunge: “L’investimento ci consente di intensificare il trasferimento tecnologico nel campo della stampa 3D e di supportare in particolare le piccole e medie imprese nel loro cammino verso la produzione del futuro. La produzione additiva con la sua elevata flessibilità consente già di accorciare le filiere e produrre localmente. Con il nuovo processo accelerato, questo è possibile non solo per la produzione individuale e piccole quantità, ma anche per la produzione industriale in serie. “

Durante i workshop, il centro offre regolarmente alle aziende interessate una panoramica di questa tecnologia 3D e offre anche supporto. Solo a fine ottobre l’AAF ha preso parte ad una serie di eventi organizzati dalla Camera dei Mestieri (HWK) del Palatinato, in cui ha presentato i possibili utilizzi della tecnologia. Questo workshop è stato creato attraverso la messa in rete dell’HWK con il dipartimento Tecnologia e innovazione (RTI) del TUK e l’Open Digitization Alliance Palatinate. Sotto il motto “Soluzioni individuali e materiali diversi”, diversi mestieri sono venuti al TUK per ottenere informazioni sullo stato attuale della produzione additiva.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi