UEC-SATURN Hybrid Additive Stamping la tecnologia di stampaggio additivo ivrido di PJSC

LA TECNOLOGIA DI STAMPAGGIO ADDITIVO IBRIDO DI PJSC “UEC-SATURN” È RICONOSCIUTA COME UNO DEI MIGLIORI PROGETTI DI RICERCA
LA TECNOLOGIA DI STAMPAGGIO ADDITIVO IBRIDO SVILUPPATA PRESSO PJSC UEC-SATURN (PARTE DELLA UNITED ENGINE CORPORATION DELLA STATE CORPORATION ROSTEC) È STATA RICONOSCIUTA COME UNO DEI MIGLIORI PROGETTI DI RICERCA IN BASE AI RISULTATI DEL CONCORSO DI JSC UEC “INNOVATION STORM” – 2020. LA PRODUZIONE CON IL METODO ADDITIVO DI UN GREZZO DA UNA LEGA DI TITANIO SINTETIZZATA PUÒ MIGLIORARE SIGNIFICATIVAMENTE LA PRODUCIBILITÀ E L’ATTRATTIVA ECONOMICA DEL PROCESSO DI STAMPAGGIO DELLE LAME.

Nel circuito di JSC “UEC” per la fabbricazione di parti a profilo complesso, come pale di motori a turbina a gas, da leghe di titanio è ampiamente utilizzato lo stampaggio isotermico. Per eseguire lo stampaggio delle lame, è necessaria la sagomatura preliminare (sagomatura) del grezzo originale. Un gruppo di specialisti dell’azienda UEC di Rybinsk ha formulato un’idea tecnica di utilizzare la tecnologia additiva per modellare semilavorati sagomati da una lega di titanio: fusione selettiva a fascio di elettroni di una composizione di polvere metallica con successivo stampaggio. Il processo è stato chiamato “Hybrid Additive Stamping”, secondo il servizio stampa dell’azienda.

La prova pratica del metodo è stata eseguita sulla base di un processo di stampaggio seriale per le palette di guida del motore SaM146 in lega di titanio VT6 con un margine per la lavorazione adimensionale del profilo della piuma. Il programma è finalizzato allo sviluppo della tecnologia per la produzione di pezzi di alta precisione con geometria stabile, il più vicino possibile al modello di progetto, con il volume, la rugosità e la struttura del materiale richiesti. L’introduzione della tecnologia per la produzione di semilavorati sagomati con il metodo della lega selettiva a fascio di elettroni è consigliabile quando si sviluppano nuovi prodotti come aggiunta alla modellazione virtuale nel programma QForm 3D.

Secondo il capo fabbro di PJSC UEC-Saturn Nikita Rassudov, “l’introduzione della tecnologia per la produzione di semilavorati sagomati con il metodo della fusione selettiva del fascio di elettroni può ridurre significativamente i tempi e i costi per ottenere le prime parti adatte nella fase di lavoro di sviluppo. L’esecuzione di test su vasta scala insieme alla modellazione digitale del processo di stampaggio consente al 100% di confermare la qualità dei futuri grezzi di lame prima della produzione di costose apparecchiature di stampaggio per un ciclo completo di lavorazione a pressione.

“La tecnologia degli additivi per la fusione a fascio di elettroni presenta una serie di vantaggi rispetto ad altre tecnologie additive ad alta disponibilità. Questo processo viene eseguito sottovuoto ad alto potere radiante e alte temperature dell’area di lavoro (fino a 1000 ° C), che consente di sintetizzare parti con sollecitazioni interne minime, assenza di pori, alta qualità e stabilità della microstruttura. Inoltre, questa tecnologia ha un’elevata produttività, un costo minimo e la più alta qualità della composizione di polvere metallica utilizzata ottenuta dalla tecnologia di spruzzatura centrifuga “, afferma Denis Fedoseev, vice capo ingegnere dell’impianto pilota per le tecnologie additive presso UEC-Saturn PJSC.

PJSC “UEC-Saturn” possiede competenze uniche nel campo della ricerca e dei test sui materiali e dispone di una flotta avanzata di apparecchiature additive per soddisfare le esigenze di produzione di parti utilizzando tecnologie additive. L’azienda implementa tecnologie additive nella produzione di parti per camere di combustione, elementi di tubazioni esterne per motori aeronautici, marini e motori a turbina a gas. Le parti e le unità di assemblaggio di banchi prova, attrezzature e strumenti speciali occupano una quota significativa del volume totale della produzione additiva.

Negli anni è stata svolta un’enorme quantità di lavoro per garantire lo sviluppo e l’implementazione della tecnologia di fusione a fascio di elettroni nella catena del valore di PJSC UEC-Saturn. La tecnologia è dotata di un materiale (composizione metallo-polvere) di produzione nazionale VT6, sviluppato da PJSC “UEC-Saturn” nell’ambito del programma di sostituzione delle importazioni. Nel 2019, il materiale sintetizzato ha superato la qualifica generale (certificazione) presso FSUE VIAM ed è stato incluso nell’elenco restrittivo dei materiali consigliati per l’uso nella costruzione di motori aeronautici. La produzione in serie di composizioni in polvere di metallo secondo l’assegnazione tecnica e le specifiche tecniche di PJSC “UEC-Saturn” è stata controllata da importanti imprese nazionali come SMK, Composite, ecc.

Be the first to comment on "UEC-SATURN Hybrid Additive Stamping la tecnologia di stampaggio additivo ivrido di PJSC"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi