Il nuovo rivenditore Ugogo mira a offrire soluzioni di produzione additiva di nuova generazione nel mercato statunitense
Ugogo mira a offrire prodotti che l’azienda ritiene siano sottorappresentati negli Stati Uniti. 

Frank Marangell e Steven Rizzo, due persone con quasi tre decenni di esperienza combinata nella produzione additiva, si sono uniti per creare un’organizzazione di rivenditori competitiva.

Il modello di business di questa nuova organizzazione è dedicato alla vendita di prodotti di produzione additiva. Mentre molti rivenditori tendono a concentrarsi sul software di progettazione,  Ugogo si concentrerà sulle tecnologie di produzione additiva per la produzione. 

“Le tecnologie di stampa 3D stanno avanzando rapidamente, ma i clienti non sono in grado di acquistare la prossima generazione di soluzioni di produzione additiva perché molte di queste grandi aziende non sono ben rappresentate nel mercato statunitense. Ugogo è qui per cambiarlo”, ha affermato Marangell, CEO di Ugogo.

Il team di Ugogo ritiene che l’azienda sarà una scelta fresca e innovativa nel mercato AM e competerà con lo status quo. Oltre alle vendite di sistemi, Ugogo afferma che sarà un’organizzazione orientata al cliente che offrirà servizi semplificati e acquisti unici per stampanti 3D e materiali di consumo.


Oltre alla vendita di sistemi e prodotti, Ugogo ha un team di supporto tecnico dedicato per aiutare le attività dei suoi clienti a funzionare senza intoppi. 

“Mentre il nostro settore continua a consolidarsi, c’è una disconnessione tra l’applicazione di un cliente ei sistemi AM disponibili. È il dilemma di inserire un piolo quadrato in un foro rotondo. In Ugogo possiamo selezionare manualmente tecnologie e prodotti avanzati che forniscono soluzioni precise ai clienti per aumentare la loro produttività”, ha affermato Rizzo.

I mercati su cui si concentrerà il nuovo rivenditore includono quello aerospaziale, automobilistico, dentale, medico, industriale e manifatturiero. Ugogo fornirà ai propri clienti le innovazioni di stampa 3D che l’azienda ritiene manchino nel settore.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi