Man mano che l’umanità diventa consapevole del suo impatto sull’ambiente, ha anche cercato modi per invertire alcuni dei danni causati alla fauna e alla flora, specialmente nelle città. Il nostro modo di vivere, di consumo e di costruzione ha causato gravi danni alla natura. In effetti, secondo uno studio del Weizmann Institute of Science , siamo a un punto di flesso in cui la massa di tutti i materiali artificiali è uguale alla biomassa del pianeta e dovrebbe raddoppiare entro il 2040. Ma non necessariamente tutto ciò che costruiamo dovrebbe avere un impatto negativo. Il progetto “The Tidal Stool” ne è un esempio, parte di un progetto di rivitalizzazione globale nel villaggio di Kuk Po a Shau Tau Kok a Hong Kong, che riunisce due diverse ecologie, l’ambiente antropocentrico e naturale.

 Le linee costiere di Hong Kong sono state ridefinite per decenni. Molti grandi processi di recupero del territorio hanno riformulato le condizioni costiere della città e distrutto gli habitat animali esistenti. Tuttavia, ce ne sono ancora molti che rimangono intatti. Il litorale del villaggio di Kuk Po, Shau Tau Kok, è uno di questi habitat rimanenti ed è eccezionalmente pittoresco. Secondo la descrizione del progetto, “Per molti di noi, il litorale ha un’attrazione magica. È uno spazio interstiziale che invita ad abitare e contemplare. Offre viste sulla costa e sul paesaggio e ci avvicina alle forze naturali che ci circondano.”

 
Tra l’alta e la bassa marea si trova la zona di marea. A Hong Kong, quest’area oscilla di circa 900 mm. Gli animali e le piante che vivono lì affrontano condizioni diverse durante il giorno. Sono sommersi con l’alta marea ed esposti all’aria durante la bassa marea. Ogni dodici ore, questa ecologia cambia sulla costa.     

 
L’idea del progetto è quella di unire due diverse ecologie – l’antropocentrica e l’ambiente naturale –, invece di separarle attraverso un intervento artificiale. Entrambi sono i beneficiari del suo approccio progettuale funzionale. 

 
Con i suoi spazi intricati e le sue crepe, lo sgabello offre molti nascondigli dai predatori per le creature e migliora l’ecologia della costa. Durante l’alta marea, questi sono parzialmente sommersi dall’acqua; durante la bassa marea, invita residenti e visitatori a fare una pausa e godersi la spiaggia.

 

Prototipi digitali con indicatore di complessità. Immagine © Laboratorio di fabbricazione robotica, HKU
Tre idee principali hanno ispirato il design dello sgabello. Da un lato, fa riferimento ai classici sgabelli in ceramica, che hanno una ricca storia in Cina. Esistono da almeno 1.000 anni e sono stati utilizzati principalmente nei giardini paesaggistici e realizzati con vari materiali come pietra, legno, gres smaltato e porcellana. In secondo luogo, lo sgabello si ispira alle radici di mangrovie, che sono tipiche di questo luogo e crescono lungo la costa, sostenendo ecosistemi marini e costieri sostenibili. Infine, i colori della terra marrone scuro dello sgabello sono un cenno alle rocce su questo specifico litorale, consentendogli di integrarsi con l’habitat naturale circostante.

 
Il progetto è stato coordinato da Christian J. Lange e Weijen Wang e il team comprendeva Chen Zhaowei, Yin Fangyi e Chan Ching Yin, finanziato dal Country Conservation Office e stampato nel laboratorio di fabbricazione robotica dell’Università di Hong Kong. In totale, il team ha prodotto 30 sgabelli unici con diverse altezze per diversi utenti e vari gradi di complessità della superficie. L’obiettivo di produrre questa molteplicità di soluzioni era capire quale geometria avrebbe le migliori prestazioni per l’ambiente naturale. Tutti sono stati prodotti utilizzando un robot industriale standard e realizzati utilizzando una miscela unica di terracotta, molto adatta agli habitat naturali grazie al suo livello di pH. Pertanto, se si deteriorano nel tempo, ritornano alla natura senza alcun danno.

Eduardo Souza di archdaily.com

Immagine per gentile concessione di Alyssa Williams Ng

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi