Una replica a dimensioni naturali dello scheletro del T-rex Trix al museo giapponese di Nagasaki dal modello originale in Olanda

Replica “Trix” del T-Rex stampata in 3D per essere esposta al Museo giapponese dei dinosauri

La scansione e la stampa 3D sono state utilizzate molte volte in passato per conoscere meglio l’ eterogeneo gruppo di rettili che chiamiamo dinosauri che popolavano la terra milioni di anni fa.

Nel 2013, uno scheletro di Tyrannosaurus rex in ottime condizioni e privo solo della gamba sinistra, dei piedi scheletrici e delle ossa del braccio, è stato trovato in uno scavo nel Montana tramite il Dutch Naturalis Biodiversity Center, un museo di storia naturale , un centro di ricerca accademica e un’istituzione del patrimonio. . Al fine di ricreare queste ossa mancanti per uno scheletro di visualizzazione completo, sono state utilizzate la scansione e la stampa 3D per rendere “Trix” intero e pronto per la visualizzazione nei Paesi Bassi. Ora, una ricostruzione stampata in 3D di Trix sarà presto diretta in Giappone.

Negli ultimi anni, il museo di Leida ha lavorato per acquisire scansioni 3D di ogni singolo osso nello scheletro di Trix e, fortunatamente, avevano molto su cui lavorare.

Anne Schulp, professoressa di paleontologia dei vertebrati ed esperta di dinosauri presso Naturalis, ha dichiarato : “Poiché il fossile è stato conservato in uno spesso strato di sabbia, le ossa non sono state distorte, quindi abbiamo uno scheletro perfettamente adattato, che può essere visto particolarmente bene in le vertebre della coda. “

Fino all’anno scorso non era stata fatta alcuna copia di Trix, ma Naturalis ha recentemente concluso la sua conclusione di un accordo con il Museo giapponese dei dinosauri di Nagasaki, una delle città gemellate con Leida, per creare una replica di dimensioni dello scheletro del T-rex.

Il modellatore 3D e anatomista Naturalis Pasha van Bijlert ha utilizzato le scansioni 3D per creare una ricostruzione 3D digitale di Trix, ossa mancanti e tutto, e il design alto 41 piedi è stato stampato sulle stampanti 3D Extreme 1500 di Naturalis, in PLA, in 2020. Successivamente, i dipendenti di Naturalis hanno collaborato con la Leiden School for Instrument Makers (LIS) per impostare le stampe in un kit in modo che lo scheletro da 660 libbre sia più facile da montare. Quindi, invece di centinaia di parti più piccole, la replica del T-rex è composta da 50 parti stampate in 3D più grandi.
.

Come prova a secco, la replica stampata in 3D di Trix è stata assemblata ed esposta per la prima volta nell’atrio di Naturalis alla fine del 2020. Sfortunatamente, a causa della pandemia COVID-19, il museo è stato chiuso per quasi tutto il periodo di costruzione, quindi quasi nessun visitatore devo vedere il processo. Inoltre, Naturalis dovrà ora assistere nel processo di costruzione del Museo dei dinosauri tramite riunioni online, invece che di persona.

Il leader del progetto Hanneke Jacobs ha dichiarato : “Avevamo intenzione di viaggiare in Giappone insieme alla replica e contribuire a metterla insieme lì, ma le restrizioni di viaggio dovute al coronavirus rendono il viaggio impossibile.

“Abbiamo costruito la replica nel nostro atrio perché volevamo condividere il processo con il maggior numero possibile di visitatori, quindi è un po ‘triste dover chiudere”.

Sono state apportate alcune modifiche interessanti allo scheletro del T-rex stampato in 3D che lo distinguono dallo scheletro originale. Innanzitutto, 3D Trix è in una posizione di attacco, con la testa sollevata più in alto in aria; non sarebbe stato consigliabile farlo con il vero scheletro.

“Uno dei motivi per cui la testa della nostra vera Trix è così vicina al suolo è perché volevamo mostrare il suo meraviglioso teschio”, ha spiegato Van Bijlert. “Inoltre, il cranio è molto pesante e prezioso, quindi non è qualcosa che vuoi posizionare a cinque metri dal suolo.”

3D Trix ha anche le ginocchia posizionate più vicine tra loro, il che è più preciso, e presenta anche una colonna vertebrale più fedele alla vita … grazie, ancora una volta, alla stampa 3D.

“Il vero Trix è montato in modo che ogni osso possa essere rimosso individualmente dal telaio per la ricerca. Ciò significa che le vertebre della schiena, del collo e della coda sono più distanti rispetto a quando l’animale era vivo “, ha detto Van Bijlert. “Nella nuova ricostruzione, sono stato in grado di cambiare questo perché le ossa possono rimanere tutte al loro posto.”

Mentre lo scheletro Trix originale rimarrà in Olanda, la replica stampata in 3D verrà spedita a Nagasaki la prossima settimana. Il nuovo Museo dei dinosauri non aprirà fino all’ottobre del 2021, quindi i dipendenti avranno tutto il tempo per impostare Trix 3D su un telaio di metallo, che passerà effettivamente attraverso le ossa di plastica per dare ai visitatori un aspetto migliore.

“Naturalmente, non praticiamo fori nelle ossa che hanno più di 66 milioni di anni. Ma puoi farlo con la stampa “, ha detto Jacobs.

Be the first to comment on "Una replica a dimensioni naturali dello scheletro del T-rex Trix al museo giapponese di Nagasaki dal modello originale in Olanda"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi