Covestro e GeBioM: solette stampate in 3D in TPU

Il produttore di materiali Covestro e il fornitore di servizi ortopedici GeBioM mbH con sede a Münster stanno espandendo la loro collaborazione nel campo delle scarpe ortopediche. Oltre alla produzione di forme e scarpe di prova, ora supportano anche calzolai ortopedici nella produzione di solette individuali utilizzando la stampa 3D. Un nuovo poliuretano termoplastico (TPU) del tipo Addigy FPU 79A di Covestro viene utilizzato sotto forma di filamenti. Insieme al partner di stampa danese Create it REAL, le aziende stanno offrendo una soluzione nuova e sostenibile per la produzione digitale di solette per scarpe.

“La nostra nuova plastica TPU e una stampante sviluppata appositamente per questa applicazione consentono di stampare strutture molto morbide. Materiale e stampante sono stati abbinati l’uno all’altro nel corso dello sviluppo per ottenere un risultato perfetto “, spiega Lukas Breuers, esperto di stampa 3D di Covestro. “Con l’aiuto della soluzione software automatizzata, le strutture morbide e dure possono essere combinate in una soletta per scarpe, ottenendo un livello di personalizzazione che in precedenza era difficilmente possibile”. Il TPU soddisfa anche i requisiti per i dispositivi medici in materia di citotossicità e sensibilizzazione cutanea secondo le norme DIN EN ISO 10993-5 e 10993-10.

Oltre alla funzionalità, lo sviluppo del materiale si è concentrato anche sull’impronta ecologica, come sottolinea Marcel Domenghino, amministratore delegato di GeBioM: “Per noi era importante che la nuova soluzione consentisse anche una migliore sostenibilità. Attualmente anche la produzione di plantari genera grandi quantità di rifiuti. Anche gli inserti stessi sono rifiuti pericolosi dopo l’uso. Con la stampa 3D, ora consentiamo ai nostri clienti di produrre senza sprechi utilizzando solo il materiale necessario per l’inserto “.

Punta al materiale riciclabile
Covestro sta attualmente lavorando a un TPU riciclabile per questa applicazione e, insieme a GeBioM e ai partner nella catena del valore, sta sviluppando modi per riprendere i plantari usati per riciclarli. Le bobine su cui è avvolto il filamento vengono già riutilizzate . Lo sviluppo fa parte di un programma strategico globale con cui l’azienda intende allinearsi pienamente all’economia circolare. Gli elementi costitutivi del programma sono tecnologie di riciclaggio innovative e un maggiore utilizzo di materie prime alternative come biomassa, CO2 e rifiuti di plastica, nonché energie rinnovabili.

Covestro è impegnata da anni nello sviluppo di soluzioni di materiali innovativi per la produzione additiva di prodotti e offre con il marchio Addigy un programma versatile , tra le altre cose, per gli inserti di scarpe ortopediche. Solo di recente, con l’acquisizione della divisione Resine e materiali funzionali del gruppo olandese DSM, la società ha anche rafforzato in modo significativo il proprio portafoglio per la stampa 3D.

Be the first to comment on "Covestro e GeBioM: solette stampate in 3D in TPU"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi