US Navy HackTheMachine 2021

HackTheMachine 2021 di Navy presenta la sfida della stampa 3D

La US Navy ospiterà il suo concorso annuale “HackTheMachine” dal 23 al 26 marzo: questa volta, con un focus sulla stampa 3D.

HackTheMachine è un programma di sensibilizzazione della Marina progettato per far lavorare membri del pubblico a fianco della Marina per risolvere i problemi tecnologici di quest’ultima. Il concorso annuale assume la forma di un “hackathon”, con una serie di sfide e “giochi” che ogni squadra deve completare nel corso di 3-4 giorni.

“La comunità dell’aviazione militare attrae talenti attraverso i Blue Angels”, ha detto il tenente Cmdr. Arthur Anderson, del comando marittimo dei sistemi navali. “Bene, HACKtheMACHINE è il nostro Blue Angels per i geek. Vogliamo attirare l’attenzione di persone di talento che potrebbero non aver pensato di prestare servizio in Marina, sia come marinaio che come civile “.

La “pista” più famosa del programma è la sua sfida alla sicurezza informatica, in cui il “gioco” finale ogni anno è “irrompere” in una nave da guerra o in un banco di prova della Marina. Ma quest’anno, la sua terza traccia riguarda la stampa 3D. L’obiettivo esatto della traccia “Heavy Metal” non è spiegato sul sito web di HackTheMachine, solo che sarà una sfida di stampa 3D metallica “correlata alla pandemia di Covid 19”. Ai partecipanti verrà chiesto di creare un pacchetto dati e di inviare un prototipo stampato da testare.

Il programma ha eseguito la sua prima traccia relativa alla stampa 3D all’HackTheMachine 2019 di Brooklynn, dove la terza traccia ha sfidato i partecipanti a progettare parti che potrebbero essere stampate in remoto in mare per riparare le navi. Durante la conferenza, il partecipante Kade Heckel ha scoperto una minaccia alla sicurezza in una delle stampanti 3D in uso. La terza traccia del 2018 si è occupata delle app , mentre il 2017 ha chiesto ai partecipanti di utilizzare strumenti VR e AR per una situazione di soccorso in caso di catastrofe. Nel 2020 non c’era la terza traccia. A causa di COVID-19, la Marina ha ospitato un HackTheMachine virtuale , con solo la famosa sfida di attacco alla sicurezza informatica disponibile.

Il passaggio di HackTheMachine a concentrarsi sulla stampa 3D non è particolarmente sorprendente. La Marina ha messo la sua prima stampante su una nave nel 2014 e ha caricato molte più stampanti sulle barche da quando le operazioni per la prontezza della flotta e la logistica del 2018 hanno posto l’ accento sulla produzione additiva. Negli ultimi sei mesi, gli ingegneri della Marina hanno utilizzato la stampa 3D per realizzare prototipi di supporti per antenna per aerei della Marina, hanno collaborato con Xerox sulla loro stampante ElemX Metal 3D e hanno lavorato su una serie di antenne e array stampati in 3D per la loro tecnologia radar.

Mentre HackTheMachine è meglio conosciuto per la sua sfida alla sicurezza informatica (dove i partecipanti “hackerano” le navi della Marina), la competizione di quest’anno presenta una pista incentrata sulla stampa 3D metallica (Immagine tramite NAVSEA).

In definitiva, la Marina spera che la sua iterazione marzo 2021 di HackTheMachine li aiuterà a reclutare e risolvere i loro problemi urgenti.

“Sebbene l’obiettivo della competizione sia che i team mettano in mostra il proprio talento, l’obiettivo finale è quello di sfruttare i dati e le tecniche delle sfide per costruire una roadmap con la quale la Marina possa espandere le sue pratiche di sicurezza informatica”, afferma Anderson.

Be the first to comment on "US Navy HackTheMachine 2021"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi