Velo3D ospita la grande cerimonia di apertura dell’European Technology Center di Augusta 

 La struttura include un sistema Sapphire appena installato, nonché uno showroom di applicazioni reali sviluppate con la tecnologia di stampa 3D in metallo di Velo3D. 

I delegati includevano media, partner e clienti, inclusa la tecnologia Schoeller-Bleckmann Oilfield (SBO), che era stata annunciata come utente di Velo3D Sapphire System a novembre . Il dottor Wolfgang Huebschle della città di Augusta era presente anche per supportare l’espansione di Velo3D nel mercato europeo. Augsburg, secondo il CEO di Velo3D Benny Buller, è stata selezionata per la sua vasta attività nel settore aerospaziale. Con questa struttura, l’azienda si è posizionata vicino a Fraunhofer, DLR (centro aerospaziale tedesco) e Premium AEROTEC, tra gli altri. 

Alla cerimonia, i visitatori sono stati informati dei settori a cui Velo si rivolge con il suo trasferimento in Europa – aerospaziale, energia, petrolio e gas – nonché l’introduzione dell’offerta “Golden Print File” dell’azienda, che consentirà ai produttori di inviare un file a uno qualsiasi dei partner di produzione a contratto di Velo e farlo produrre additivamente con la stessa qualità.


Velo3D ha annunciato il suo ingresso in Europa alla fine dello scorso anno, con l’apertura di questo centro dimostrativo per aiutare a convertire i potenziali clienti in utenti del suo portafoglio Sapphire di sistemi di stampa 3D in metallo. L’azienda sta creando un piccolo team in Europa – 14 ad oggi, rispetto a quello dell’anno scorso – e inizialmente punta solo a quattro paesi: Germania, Italia, Francia e Regno Unito. Prevede di rispecchiare l’approccio alla vendita di macchine adottato finora negli Stati Uniti, con circa la metà installata presso gli OEM e il resto distribuito all’interno di produttori a contratto. 

Il processo di identificazione del cliente/partenariato in Europa è in corso, con la gerarchia Velo3D attualmente impegnata in attività che presentano il marchio Velo sul mercato e istruiscono i potenziali clienti sulle capacità della sua tecnologia.  

“Quello che vediamo è che il successo e i risultati che abbiamo negli Stati Uniti non si traducono in fiducia nell’Europa”, ha detto Buller a TCT durante la cerimonia di inaugurazione. “Quindi, in larga misura, i clienti europei non lo sanno, non ne sono consapevoli, ciò che vedono non lo stanno necessariamente credendo, quindi dobbiamo ripetere questo esercizio. Non è una differenza nei clienti , è una differenza nella nostra fase nel mercato”.

Schoeller-Bleckmann Oilfield, il primo cliente europeo dell’azienda, fa parte della sua rete di produzione a contratto in Europa, consentendo a Velo di accedere a quelle aziende che sono interessate alla sua tecnologia di stampa 3D in metallo ma non desiderano essere integrate verticalmente. Una macchina Sapphire è stata installata presso SBO in Austria all’inizio del 2022, con l’azienda che stampa parti in Inconel 718 e accetta ordini da clienti nei mercati aerospaziale e oil & gas. Anche altri stanno facendo domande. 

Rivista TCT
Ugello a razzo monopezzo alto un metro stampato in Inconel 718 con tecnologia Velo3D.
“L’interesse sta crescendo”, ha affermato Dirk Rathsack, Europe Managing Director di Velo3D. “Quando un’azienda entra in un nuovo mercato, devi fare molte basi. Devi spiegare molto a te stesso, chi sei, cosa stai facendo e perché pensi di poter aiutare i clienti con la loro applicazione. E il nostro l’esperienza è che quando hai la possibilità di sederti con un cliente e spiegare cosa fai e come pensi di poter aiutare, c’è molto interesse. Le persone regolarmente, se non quasi sempre, dicono: “è fantastico. Se tu puoi fare quello che mi hai appena detto che sei in grado di fare che cambierà il gioco.’ Ora suona alla grande, e lo è, ma adottare una tecnologia, dall’alto interesse all’uso della tecnologia e delle parti di stampa, è un viaggio. Quindi, parliamo con i clienti e la domanda che abbiamo è ” hai problemi che vuoi risolvere per la tua produzione, vuoi portare questa tecnologia in produzione?’ e se la risposta è sì, allora lavoriamo con loro per arrivarci”.

Velo3D caratterizza il lavoro che è disposto a fare con gli altri come “applicazioni che non possono essere realizzate da nessun altro fornitore tecnologico”, con l’unico avvertimento che si tratta di un’applicazione di produzione. Questo ha aiutato l’azienda a “portare avanti il ​​nostro business” negli Stati Uniti, e ora il piano è di fare lo stesso in Europa. Quel piano potrebbe coinvolgere alcuni dei suoi nuovi vicini ad Augusta. Fraunhofer, ad esempio, ha una struttura adiacente al Velo European Technology Centre, mentre DLR ha una sede proprio dietro l’angolo. Stabilire partnership con organizzazioni come questa, ritiene Velo, si allineerebbe con il suo focus sulle applicazioni, fornendo anche una spinta al suo marchio in un nuovo mercato. 

“In Europa, affrontiamo una base di clienti molto esperta e quello che troviamo è che più il cliente è informato, più lavoro è per noi disinsegnargli tutto ciò che sanno perché, fondamentalmente, dobbiamo insegnare loro che c’è di più di quello che sanno”, ha detto Buller. “Più il cliente è competente, più è difficile. Questa è una delle grandi sfide e uno dei grandi compiti della nostra attività qui, mostrare alle persone come può aiutarli e, francamente, concentrarci su quelle persone che lo apprezzano e possono creare valore per la loro attività. E quelli che non lo fanno, digli che forse l’anno prossimo o tra tre anni cambierai idea o le tue esigenze cambieranno”.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi