Virgin Orbit e stampa 3d

Come Virgin Orbit utilizza la stampa 3D per ampliare i confini dei razzi di classe orbitali

La produzione additiva sta diventando un modo sempre più comune per produrre parti nell’industria spaziale. Consente al progettista di creare geometrie più complesse di quelle possibili con la lavorazione tradizionale e, oltre a ciò, consente una velocità di produzione più rapida e riduce i costi. In Virgin Orbit , sono attualmente implementate diverse tecniche di produzione additiva per sviluppare e testare nuovi componenti.

In questa presentazione, mostrata per la prima volta durante la conferenza TCT @ Formnext Connect , Dayle Alexander, Propulsion Development Engineer e Oluseun Taiwo, Engineer, Propulsion Advanced Development / Additive Manufacturing presso Virgin Orbit discutono dell’utilizzo della fusione a letto di polvere metallica per costruire dettagli intricati e canali di raffreddamento nelle camere di spinta e negli iniettori, lavorando anche con un processo ibrido di deposizione diretta di energia per i rivestimenti strutturali esterni e il rivestimento delle camere di combustione.

In merito all’attività additiva dell’azienda, Taiwo, ha dichiarato: “La produzione additiva ci consente effettivamente di aumentare le prestazioni dei componenti dal punto di vista della propulsione e strutturalmente sul nostro veicolo, riducendo i costi, i tempi di consegna, la complessità e il conteggio dei componenti”.

Be the first to comment on "Virgin Orbit e stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi