Voxelab lancia le stampanti 3D Aquila D1
 
Voxelab, una sussidiaria del produttore cinese di produzione additiva Flashforge, ha rilasciato un’altra versione della stampante 3D FDM desktop Aquila, questa volta con un estrusore aggiornato e guide ferroviarie.

 

La linea Voxelab Aquila è concepita come un concorrente diretto delle popolari stampanti 3D economiche della famiglia Ender-3 offerte da Creality. La prima versione di Aquila è stata rilasciata nell’estate del 2021, è stata subito seguita da C2 e X2 con piccole variazioni sul tema dello schermo e del sensore di filamento, ed entro la fine dell’anno è apparsa in vendita una variante chiamata Aquila S2 , dotato di un estrusore ad alimentazione diretta al posto del Bowden, più un hot end su 300°C invece di 250°C e stadio flessibile con rivestimento adesivo in poliestereimmide al posto del vetro al carburo di silicio.

 

L’azienda offre ora la variante D1 con un estrusore riprogettato di recente e una cinematica ottimizzata. Anche in questo caso si tratta di un sistema con alimentazione diretta, la temperatura massima dell’hot end rimane la stessa – 300 ° C. Le modifiche riguardano l’installazione di un flusso d’aria regolabile e di un meccanismo di alimentazione del filamento più potente che sviluppa una forza fino a 70 N. Allo stesso tempo, è stata installata una doppia trasmissione sincronizzata lungo l’asse Z e le guide a rulli lungo la X e gli assi Y sono stati sostituiti con guide ferroviarie. Questa combinazione di miglioramenti ha portato la velocità massima di stesa consigliata da 60 a 100 mm/s.

 

La calibrazione viene eseguita automaticamente in venticinque punti con compensazione automatica delle irregolarità nel processo di stampa 3D. Invece di uno schermo da 4,3 pollici con un encoder, ora viene utilizzato un display touch screen delle stesse dimensioni. Per il resto, non ci sono grandi cambiamenti: il sistema si basa ancora su una scheda a 32 bit, la dimensione dell’area di costruzione è leggermente aumentata da 220x220x250 mm a 235x235x250 mm, il tavolo flessibile rivestito in polieterimmide si riscalda fino a un massimo di 110°C e c’è un sensore di filamento.

 

E infine, un’offerta difficile da rifiutare: Voxelab promette di piantare un albero per conto dei clienti per ogni stampante 3D venduta. Gli acquirenti, a loro volta, potranno osservare la crescita della flora nominale. Se sia possibile ricostituire in questo modo le foreste siberiane e dell’Estremo Oriente devastate per il bene del mercato cinese, Voxelab non specifica. Sul sito del movimento pubblico Tree-Nation , attraverso il quale si prevede di attuare questa iniziativa, non c’è un solo progetto attivo in Russia.


diametro dell’ugello
0,4 mm


precisione di stampa
±0,2 mm


spessore dello strato
0,1 mm – 0,4 mm


volume di stampa
235*235*250 mm


velocità di stampa
10-180 mm/s


Temperatura massima dell’estrusore
300℃


Temperatura massima della piattaforma
110℃


Compatibilità del filamento
1.75-PLA/PETG/TPU 95A/ABS/ HIPS /ASA


 Software Slicing
VoxelMaker, Cura, Simplify


connettività
USB /scheda SD


livellamento ausiliario
25-Livellamento automatico del punto 25-Livellamento automatico del punto


Rumore
50dB


Riprendere la stampa dopo un’interruzione di corrente
E


Piattaforma flessibile
E

 

La società sta attualmente accettando preordini per un prezzo di vendita di $ 399, con consegne previste all’inizio del prossimo anno.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi