I RICAVI DI VOXELJET NEL SECONDO TRIMESTRE SONO AUMENTATI DEL 35% POICHÉ I “GRANDI ORDINI DI STAMPA 3D” GUIDANO LA CRESCITA
 
Il produttore di stampanti 3D Binder jet voxeljet (VJET) ha annunciato che le sue entrate sono aumentate del 35,4% nel secondo trimestre del 2022 a causa di una ripresa della domanda per le sue stampanti 3D proprietarie. 

Come rivelato nei dati finanziari del secondo trimestre 2022, l’azienda ha generato 6,7 milioni di euro di entrate nel trimestre, 1,8 milioni di euro in più rispetto a quanto gestito nel secondo trimestre 2021 e un aumento di 1,6 milioni di euro rispetto al periodo pre-COVID del secondo trimestre 2019. Mentre il sistema di voxeljet reddito è sceso nel primo trimestre , questa tendenza si è invertita negli ultimi mesi, culminando in una ripresa che il CEO Dr. Ingo Ederer attribuisce alla conquista di “importanti ordini di stampa 3D”.

Dopo la pubblicazione dei risultati, il prezzo delle azioni voxeljet è aumentato dell’8,5% nel trading pre-mercato, riflettendo la soddisfazione degli investitori per la sua forte performance dei ricavi del secondo trimestre. 

“Siamo molto soddisfatti dei risultati del trimestre”, ha affermato Ederer. “Con il numero attualmente firmato di ordini per stampanti 3D, abbiamo già raggiunto il nostro obiettivo per il 2022. Ora stiamo lavorando duramente per effettuare consegne e installazioni in tempo per poter registrare entrate per questi ordini”.

 
risultati finanziari di voxeljet per il secondo trimestre 2022 

Sebbene voxeljet commercializzi servizi di produzione su richiesta in Cina, Germania, India, Stati Uniti e Regno Unito, tende a generare la maggior parte delle sue entrate attraverso la vendita delle sue stampanti 3D a getto di legante e di sinterizzazione ad alta velocità (HSS). Questo andamento era cambiato nel primo trimestre, con i servizi che hanno sovraperformato i sistemi dell’azienda, ma le cose sono tornate alla normalità nel secondo trimestre, con quest’ultimo che ha beneficiato della ripresa della domanda. 

Durante il secondo trimestre del 2022, il segmento Systems di voxeljet, che include il reddito derivato dallo sviluppo, dalla produzione e dalle vendite di stampanti 3D, ha portato a 3,6 milioni di euro, il 35,0% in più rispetto ai 2,7 milioni di euro generati nel secondo trimestre del 2021. La crescita del business è stata trainata principalmente da vendite di unità più elevate, con la vendita di due stampanti 3D nuove e una usata/ricondizionata nel secondo trimestre del 2022, rispetto a quella nuova e una usata venduta un anno prima. 

Nei servizi, anche i ricavi di voxeljet sono aumentati del 35,8% nel secondo trimestre del 2022, dai 2,3 milioni di euro registrati nel secondo trimestre del 2021 a 3,1 milioni di euro. Secondo la società, questa crescita è dovuta a “contributi alle entrate significativamente più elevati” dal suo centro di assistenza tedesco e dalla controllata voxeljet America, che riflette “l’aumento della domanda di mercato” in entrambe le nazioni. Allo stesso modo, l’azienda afferma che i contributi alle entrate derivanti dalla sua attività voxeljet in Cina sono leggermente aumentati, a causa della “crescente penetrazione del mercato nell’Asia del Pacifico”.

Entrate (€) 
2° trimestre 2021
2° trimestre 2022 
Variazione (€) 
Varianza (%) 
2° trimestre 2019
2° trimestre 2022 
Variazione (€) 
Varianza (%) 
Sistemi
2,7 m
3,6 m
+0,9 milioni
+35,0
2,1 m
3,6 m
+1,5 m
+71.4
Servizi
2,3 m
3,1 m
+0,8 m
+35.8
2,9 m
3,1 m
+0,2 m
+6.9
Totale 
4,9 m
6,7 m
+1,8 m
+35.4
5,1 m
6,7 m
+1,6 m
+31.4
Utile/perdita netta
-2,5 m
-1,8 m
+0,7 m
+28,0
-3,9 milioni
-1,8 m
+2,1 m
+53,8
Costruire un arretrato fiorente 

In vista della sua chiamata sugli utili del secondo trimestre 2022, voxeljet non ha rivelato l’identità di coloro che hanno piazzato i “grandi ordini” che hanno aumentato le sue entrate nell’ultimo trimestre, ma alla fine dell’anno scorso ha svelato iniziative che hanno gettato le basi per il suo successo nelle vendite. 

Nell’ottobre 2021, la società ha rivelato che il fornitore automobilistico multinazionale Brose era diventato uno dei primi partecipanti al suo programma HSS Early-Access Beta. Da allora, le aziende hanno collaborato per sviluppare ulteriormente la stampante 3D voxeljet VX1000 da utilizzare nella produzione in serie di componenti automobilistici in polimero.

Più recentemente, voxeljet ha collaborato con Fraunhofer IPA e l’ Università di Bayreuth per creare una rete di materiali per la stampa 3D HSS, progettata per accelerare la qualificazione di nuovi polimeri per la tecnologia. L’azienda ha anche iniziato a collaborare con Covestro , un’azienda con una consolidata esperienza nella ricerca e sviluppo di polimeri stampabili in 3D, per sviluppare una soluzione di processo dei materiali senza soluzione di continuità per la produzione in serie. 

Senza dubbio, insieme, questi progressi tecnologici continuano a rendere l’offerta di sistemi di voxeljet più attraente per gli ambienti di produzione e hanno contribuito al suo backlog del secondo trimestre 2022, che si è attestato a 8,3 milioni di euro. Sebbene il tasso di conversione degli ordini della società tenda a essere di 3-9 mesi, questa cifra, che è più del doppio del portafoglio ordini del secondo trimestre 2021 di 3,9 milioni di euro, la posiziona bene per il resto del 2022.

 

Entrando nel terzo trimestre, voxeljet ha riaffermato la sua guida per l’anno fiscale 2022 da 25 milioni di euro a 30 milioni di euro, che, se realizzata, potrebbe costituire una crescita annua compresa tra lo 0,8% e il 21%. L’azienda prevede inoltre che il suo margine di profitto sia superiore al 32,5%, in aumento rispetto al 31,3% registrato nel secondo trimestre del 2022, e che il suo EBITDA rettificato sia “da neutro a positivo”, con le sue prospettive di fatturato per il terzo trimestre fissate tra € 5,5 milioni e € 6 milioni , con una crescita fino al 22,4%. 

Come molte aziende di stampa 3D lo scorso trimestre, anche voxeljet ha riscontrato problemi di fornitura che influiscono sui tempi di consegna e sui costi dei materiali dietro le sue macchine, ma Ederer afferma che rimane concentrata sulla collaborazione con i fornitori per convertire il proprio arretrato entro la fine del 2022. 

“Simile a molte altre aziende, continuiamo a vedere alcuni ritardi con i nostri fornitori e costi in aumento, soprattutto per i componenti elettrici”, ha aggiunto Ederer. “Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri fornitori e il supporto che riceviamo è eccellente. Siamo molto entusiasti di come è posizionata l’azienda e delle nostre opportunità future”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi