I ricercatori della IAAC nell’architettura di stampa 3D costruiscono TOVA:  il primo prototipo di alloggiamento stampato in 3D in Spagna utilizzando la terra
TOVA è la prima costruzione architettonica in Spagna situata nelle strutture di Valldaura Labs, Barcellona, ​​costruita con una gru WASP, in collaborazione con WASP. La costruzione può essere completata in poche settimane utilizzando il 100% di materiali locali e manodopera locale, zero rifiuti e un’impronta di carbonio quasi pari a zero. Questo sistema di produzione può essere utilizzato ovunque nel mondo e può aiutare per le emergenze abitative. Il progetto è stato sviluppato dal team di studenti e ricercatori del programma post-laurea 3D Printing Architecture (3DPA) dell’Istituto di Architettura Avanzata della Catalogna (IAAC).

Progetto 3D Print House presso IAAC, Valldaura Labs © Gregori Civera
L’ Istituto di Architettura Avanzata della Catalogna (IAAC) presenta il primo edificio realizzato con terra e stampante 3D in Spagna, un progetto nato dalla ricerca in corso condotta da IAAC per trovare nuovi modi di affrontare le sfide sociali e ambientali del futuro attraverso la sua vari programmi di istruzione e ricerca.

La costruzione è stata eseguita presso le strutture di Valldaura Labs, alla periferia di Barcellona. Si tratta di un prototipo che rappresenta il ponte tra il passato – l’architettura vernacolare in terra battuta – e il futuro – la tecnologia di stampa 3D su larga scala – che non solo servirà a cambiare l’architettura del futuro, ma sarà anche molto utile di fronte al clima attuale e crisi abitativa in tutto il mondo.


Dettagli 3D Print House presso IAAC, Valldaura Labs © Gregori Civera
Il progetto è stato sviluppato dal programma di ricerca post-laurea 3DPA presso l’IAAC. L’obiettivo di questo corso è formare giovani architetti e accademici per il futuro dell’edilizia ed esplorare le possibilità della stampa 3D in questo settore.

‘TOVA’ è uno dei progetti in collaborazione con WASP, leader nelle macchine per la stampa 3D di materiali naturali. Insieme i team esplorano il futuro delle soluzioni abitative.

Progetto 3D Print House di IAAC e WASP
Costruzione veloce, senza sprechi e adattabile
È il primo edificio di questo tipo in Spagna e si distingue per essere una delle forme costruttive più sostenibili ed ecologiche che possono essere applicate oggi. La costruzione ha richiesto 7 settimane di tempo per essere completata, una gru WASP e materiali a km zero.

Durante l’intero processo di costruzione, non vengono generati rifiuti , poiché i materiali sono stati acquistati entro un raggio di 50 metri. La struttura è realizzata con terra locale , miscelata con additivi ed enzimi , per garantire l’integrità strutturale e l’elasticità del materiale necessarie per la stampa 3d ottimizzata della casa. La fondazione è in geopolimero e il tetto in legno.

Per garantire la longevità del materiale nella resistenza agli agenti atmosferici, viene aggiunto un rivestimento impermeabile utilizzando materie prime estratte come aloe e albume d’uovo .
 
 
 
 
Il progetto dell’edificio tiene conto delle condizioni climatiche del Mediterraneo: il volume è compatto per proteggere dal freddo invernale, ma espandibile durante le altre tre stagioni dell’anno, consentendo la fruizione dell’immediato ambiente esterno. Le pareti sono costituite da una rete di cavità che contengono il flusso d’aria e consentono un ottimo isolamento per evitare dispersioni di calore in inverno e proteggere dai raggi solari in estate .

Si tratta di un progetto a emissioni prossime allo zero : il suo involucro e l’utilizzo di un materiale interamente locale consentono la riduzione dei rifiuti, rendendolo un esempio pionieristico di edilizia low carbon, dato che gli attuali metodi di costruzione sono responsabili del 36% delle emissioni di CO 2 .

Le possibili applicazioni di questo modello costruttivo sono infinite; dalle case, agli spazi pubblici, interni ed esterni. In combinazione con altri sistemi costruttivi, può ospitare edifici complessi e innovativi che ridurrebbero l’impatto ambientale che la costruzione attualmente comporta .

Progetto 3D Print House di IAAC e WASP
Case per affrontare la crisi dell’emergenza abitativa di oggi e del futuro
Il progetto è stato concepito come un prototipo di edilizia sostenibile che potrebbe essere costruita in qualsiasi parte del mondo. Questa promettente tecnica apre le porte a risolvere rapidamente i problemi di accesso agli alloggi in aree vulnerabili o insediamenti temporanei, offrendo nuove soluzioni per la creazione di spazi più sostenibili e convenienti.

La stampa 3D (o produzione additiva) è un ottimo esempio di costruzione a km zero, poiché i lavori di costruzione possono essere eseguiti al 100% con materiali e manodopera locali. Inoltre, il sistema di stampa consente case altamente personalizzabili per diversi casi d’uso; come comunità di case e servizi che possono essere rapidamente create utilizzando questa tecnologia ovunque.

IAAC risponde con questo e altri progetti alle sempre più gravi emergenze climatiche e migratorie, fornendo nuove soluzioni che contribuiscono positivamente al problema dell’emergenza abitativa globale che dovrà essere affrontata in futuro a causa di grandi migrazioni o disastri naturali . Il caso d’uso di questo metodo di costruzione rapida può essere una soluzione per aumentare gli spazi che richiedono una risposta di emergenza per soluzioni abitative di masse come le comunità per richiedenti asilo .


Applicazioni e usi del formato costruttivo con stampante 3D e terra. ©IAAC
Crediti di progetto

Squadra IAAC

Edouard Cabay, Alexandre Dubor, Lili Tayefi, Vincent Huyghe, Ashkan Foroughi, Eduardo Chamorro Martin, Elisabetta Carnevale, Guillem Baraut, Gloria Font basté, Nikol Kirova, Francesco Polvi, Bruno Ganem Coutinho, Marielena Papandreou e David Skaroupka.

Partner di progetto

Colette , WASP , UN-Habitat , BAC Engineering , LaSalle , SmartCitizen , Scuares e Living Prototypes Ricerca Innovazione 

Ricercatori

Adel Alatassi, Aslinur Taskin, Charles Musyoki, Deena El-Mahdy, Eugene Marais, Hendrik Benz, Juliana Rodriguez Torres, Leonardo Bin, Mariam Arwa, Al-Hachami, Marwa Abdelrahim, Mehdi Harrak, Michelle Bezik, Michelle Antonietta Isoldi Campinho, Mouad Laalou , Nareh, Khaloian Sarnaghi, Nawaal Saksouk, Orestis Pavlidis e Seni Boni Dara.

Ringraziamenti

Areti Markopoulou, Mathilde Marengo, Ricardo Mayor, Shyam Zonca, Pilar Xiquez, Ariannet Arias, Gabriel Frederick, Nicolas Rodriguez, Daniela Figueroa Claros, Laura Ruggeri, Xavier Molons, Jorge Ramirez, Jordi Guizán Bedoya, Massimo Visiona, Lapo Naldoni, Massimo Moretti e Francesca Moretti.

3DPA partecipa al progetto collaborativo Living Prototypes ed è supportato dall’Istituto federale di ricerca per l’edilizia, gli affari urbani e lo sviluppo territoriale del Ministero dell’interno, delle costruzioni e delle comunità con il finanziamento del programma di innovazione della ricerca Zukunft Bau.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi