Winston e WFIRM vincono il Vascular Tissue Challenge della Nasa creando tessuto epatico umano vivente

La sfida del tessuto vascolare della NASA:Ricercatori statunitensi creano tessuto epatico umano vivente utilizzando la stampa 3D
 
Nell’ambito della Vascular Tissue Challenge, la NASA ha assegnato il primo e il secondo posto a due team di scienziati del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine. L’obiettivo del concorso era accelerare l’ingegneria dei tessuti, o “cultura tissutale” in inglese. I team vincitori hanno sfruttato la stampa 3D per creare le loro varianti di tessuto vivente. Tale coltivazione di tessuti non solo renderebbe le missioni future più facili per gli esploratori spaziali, ma sarebbe anche utile per le persone sulla Terra.
 
I team hanno utilizzato approcci diversi: la cosiddetta ingegneria dei tessuti si riferisce alla coltivazione di nuovi tessuti ed è un termine generico per la produzione artificiale di tessuto biologico vivente attraverso la coltivazione diretta di cellule. Questo ha lo scopo di sostituire il tessuto malato in un paziente o di incoraggiare la rigenerazione. Tale crescita dei tessuti non solo renderebbe le missioni future più facili per gli esploratori spaziali, ma sarebbe anche utile alle persone sulla Terra.

I team in competizione “Winston” e “WFIRM” hanno utilizzato approcci diversi per creare tessuto epatico umano cresciuto in laboratorio abbastanza forte da sopravvivere e funzionare in modo simile al tessuto del corpo umano. Ogni team ha utilizzato una diversa tecnica di stampa 3D per costruire un tessuto a forma di cubo di circa un pollice di spessore da testare in laboratorio per 30 giorni.

Il Team Winston è stato il primo a completare l’esame secondo le Challenge Rules per $ 300.000, riferisce la NASA . Inoltre, il team vincitore avrà anche l’opportunità di portare avanti la propria ricerca a bordo della ISS. Il team WFIRM ha vinto il secondo posto e ha ricevuto $ 100.000 in premi in denaro. Altre due squadre legate ad altre organizzazioni continuano a competere per il terzo posto e un altro premio di 100.000 dollari.

Realizzare tessuti viventi utilizzando le tecnologie di stampa 3D
La ricerca svolta dai team è progettata per consentire la crescita e la sopravvivenza a lungo termine del tessuto tridimensionale spesso per applicazioni di ricerca e terapeutiche. In definitiva, la NASA spera di usarlo per sviluppare associazioni di organi e sostituzioni di organi.


Questa immagine è stata scattata durante un test di perfusione di tessuti umani coltivati ​​dal Team Winston in laboratorio. Il liquido è passato attraverso il tessuto senza perdite (immagine © Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (WFIRM)).

Il risultato del Team “Winston”, vincitore del Vascular Tissue Challenge della NASA: il team di ricerca ha utilizzato una camera per contenere il tessuto stampato e testare un processo chiamato perfusione (immagine © Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (WFIRM)).
A breve termine, la tecnologia inventata dai team potrebbe accelerare i test farmaceutici e la modellizzazione delle malattie. Tuttavia, la NASA ammette che sono necessarie ulteriori ricerche e progressi prima che gli organi artificiali diventino una realtà. Tuttavia, i risultati mostrano il potenziale per lo sviluppo di futuri organi artificiali dalle cellule del paziente.

I team vincitori hanno utilizzato tecnologie di stampa 3D per creare forme o impalcature simili a gel con una rete di canali che mantengono livelli sufficienti di ossigeno e sostanze nutritive per mantenere in vita il tessuto ingegnerizzato durante la prova di 30 giorni. I due team vincitori hanno utilizzato diversi design stampati in 3D e materiali diversi per creare ciascuno le proprie varianti del tessuto vivente

Be the first to comment on "Winston e WFIRM vincono il Vascular Tissue Challenge della Nasa creando tessuto epatico umano vivente"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi