Xerox e la tecnologia Vader che usa l’elettromagnetismo per stamparein 3d il metallo fuso

Kevin Lewis di Xerox sulla loro tecnologia di stampa su metallo

L’ingresso sul mercato di Xerox nella stampa 3D non è stato lineare. Una menzione durante una conferenza con gli investitori ci ha portato a renderci conto che la società aveva acquistato Vader Systems, una startup che stampava metal . Quindi Xerox non avrebbe funzionato con le testine a getto di inchiostro o con qualcosa come Evolve Additive con testine termiche, laser o toner, non avrebbe usato i polimeri ma invece avrebbe puntato sul metallo. Ma invece avrebbe affrontato la stampa 3d metal con qualcosa di nuovo. Non qualcosa che Xerox stessa aveva sviluppato, ma qualcosa che avevano comprato. Sembrava tutto un po ‘frettoloso. Neanche la mia incursione iniziale nell’esplorazione delle loro parti metalliche era promettente, gli oggetti alti mezzo centimetro sembravano più adatti per gliHackaday di Formnext.

Il vantaggio della tecnologia Vader è che avendo una tecnologia che utilizza la forza elettromagnetica per gocciolare il metallo fuso, hanno il proprio stack tecnologico. Solo loro usano una bobina di filo che si scioglie in un crogiolo di ceramica dove le gocce vengono quindi forzate fuori dalla forza elettromagnetica su una piastra di costruzione mobile. Da un lato, significa che Xerox dovrà fare tutto il lavoro pesante con il piccolo aiuto di università, clienti e altri fornitori che effettuano ricerche nello spazio (come sta accadendo con DED, DMLS, EBM). D’altra parte, possono sviluppare una tecnologia di stampa 3D completamente unica. Usando il filo dello scaffale e inoltre, essendo in grado di utilizzare una vasta gamma di materie prime a basso costo, potrebbero avere una tecnologia versatile che potrebbe riempire nicchie che altri non hanno preso in considerazione. Se potessero serializzare questa tecnologia e far cadere molte teste molte goccioline o fare cose come leghe rare o materiali che altri non potrebbero usare, allora questo potrebbe essere molto eccitante. Attualmente possono utilizzare diversi acciai (316, 718) e alluminio.

Kevin Lewis di Xerox, che attualmente guida il proprio lavoro di stampa 3D, è già entusiasta delle prospettive della tecnologia dei metalli di Xerox. Egli dice che “ quello che ci ha fatto vedere le cose è che il tempo di mercato è stato right..and guardando il portafoglio di brevetti ci ha tenuti in corso .” La ditta ha una lunga esperienza “ vendere testine di stampa ” per la stampa 3D settore, ma era “ sistemi di Vader tecnologia..e che si tratta di un processo relativamente sicuro..con un buon tempo di ciclo. ” che li ha interessati alla tecnologia. È da notare che l’impresa ha pensato alla produzione sin dall’inizio. Inoltre, a Xerox piaceva il fatto che Vader stesse “ utilizzando un materiale a basso costo, l’alluminio… e non aveva una fase di sinterizzazione separata“, La materia prima economica per filo è significativamente più economica delle polveri altamente specifiche necessarie per DMLS, ad esempio. La sinterizzazione è stata un passo notoriamente difficile da realizzare per tutte le startup di getti leganti perché il restringimento della parte non è uniforme, impossibile da prevedere bene ed è diverso a seconda della geometria, dello spessore della parete e delle dimensioni della parte, nonché del profilo di riscaldamento e del processo utilizzato . Xerox elimina questa complessità e riduce anche i costi poiché i lotti di parti non devono passare alla debinding e quindi alla sinterizzazione. Tutti questi elementi li hanno spinti a premere il grilletto e successivamente ” continuano a investire “. Xerox è la compagnia giusta per sviluppare ulteriormente questa tecnologia perché, ” conosciamo la fisica del getto … e possiamo garantire un posizionamento affidabile e preciso del materiale”. Pensano che un altro elemento chiave sia il loro software basato sull’intelligenza artificiale in cui le” tecniche di intelligenza artificiale “abbinate alla” modellazione basata sulla fisica “li aiuteranno a migliorare i risultati e” renderanno più semplice la progettazione per la produzione “. Data la loro tecnologia unica, non possono usa ” un’affettatrice pronta all’uso ” per riempire il loro volume di costruzione di 30 per 30 per 30 cm con alluminio. Quindi stanno lavorando allo sviluppo di tutto il software necessario parallelamente allo sviluppo della tecnologia. Al momento stanno anche lavorando con ” RIT Rochester su tracce di rame … migliorando la” qualità dell’immagine “… rendendo il processo più veloce … aggiungendo più ugelli o materiali”E puntano a un cliente di lancio nel 2020. Al momento stanno esaminando molti verticali, applicazioni e materiali per” applicazioni commerciali ” e sono molto interessati ai” clienti nel settore automobilistico e aerospaziale “specificamente per” parti in alluminio leggere “.

È molto interessante per tutti noi avere un altro gioco gigante a getto d’inchiostro nella stampa 3D. La tecnologia Vader è nuova e non riesco ancora a pensarci completamente. Sarei molto interessato se riescono a farne al volo parti metalliche sfumate, stampare parti con altri metalli mescolati per conducibilità o stampare materiali di nicchia che altri non potrebbero. Se riescono a mettere le goccioline tutte in ordine e a trovare una nicchia, Xerox avrà trovato il suo percorso unico nel mercato della stampa 3D.

Be the first to comment on "Xerox e la tecnologia Vader che usa l’elettromagnetismo per stamparein 3d il metallo fuso"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi