Xerox entra nella stampa 3D con una tecnologia potente ?

 

Xerox era da tempo incerta sulla stampa 3D. Per anni molti hanno anticipato la loro espansione dalle stampanti 2D a quelle 3D. Nel 2020, Xerox ha fatto il salto di qualità nella stampa 3D.

Quando un’azienda entra in ritardo in un settore già in via di sviluppo, per posizionarsi, deve mostrare alcuni risultati reali (tecnologia all’avanguardia, ecc.). Ci vorrà molto sforzo per scavalcare i partecipanti radicati attualmente nel settore della stampa 3D.

Stampa 3D nella produzione di massa?
Le stampanti 3D si sono rivelate molto utili per la plastica e hanno fatto grandi progressi con i metalli. È stato anche scoperto che è meno costoso. Allora perché un’attrezzatura standard non è già in produzione di massa? Xerox è pronta a rispondere a questa domanda.

Andare oltre diverse tecniche di produzione additiva (AM) che vanno dalla stampa 3D laser all’utilizzo di gas pressurizzato per espellere il metallo in polvere a velocità supersoniche, quindi integrare l’AM nelle procedure operative standard non è privo di sfide. Anche con metodi identici di stampa 3D, le parti prodotte possono essere diverse. In effetti, le parti prodotte dalla stessa macchina possono variare in base alla posizione del vassoio, al materiale utilizzato e ad altre considerazioni.



C’è anche il problema delle procedure e dei processi operativi che possono variare quando si utilizzano stampanti 3D rispetto alle tradizionali apparecchiature di produzione. Nella produzione tradizionale, una macchina specifica produce ripetutamente una parte molto specifica. Ciò consente agli addetti ai lavori e ai capi impianto di monitorare e mitigare le variazioni nelle parti. Con le stampanti 3D e la produzione additiva, una singola macchina può produrre un’ampia varietà di parti con geometrie diverse, rendendo difficile stabilire uno standard calibrato e migliorare la consistenza delle parti. Il motivo: diverse applicazioni pongono diverse esigenze GD&T sui design.

Poi c’è il problema della velocità. La produzione additiva è relativamente lenta rispetto alla lavorazione CNC o allo stampaggio a iniezione. Ma con i recenti progressi tecnologici nella stampa 3D, il settore sta recuperando velocità, rapidamente.

Le risorse che Xerox può portare a qualsiasi mercato sono evidenziate dalla tabella sottostante, che evidenzia più di 500 milioni di dollari di spesa in ricerca e sviluppo negli ultimi tre anni.

 
Forse sono state le massicce interruzioni della catena di approvvigionamento indotte dalla pandemia nel 2020, ma Xerox ha fatto un atto di fede dalla sua comoda eredità di stampa 2D per entrare ora sul ring nella creazione di una stampa 3D. Xerox crede che le stampanti 3D utilizzate nella produzione di massa non siano più fantascienza. Xerox ha avanzato un’esclusiva tecnologia di stampa 3D a metallo liquido che è quasi pronta per essere commercializzata. All’inizio, Xerox ha scoperto che le parti di ricambio per la stampa 3D per le sue apparecchiature di produzione erano più veloci ed economiche rispetto all’ordinazione da fornitori esterni. Anche le parti erano di alta qualità.

Quindi, Xerox ha attinto a decenni di esperienza di stampa per tentare di interrompere la produzione tradizionale attraverso la sua tecnologia 3D a metallo liquido acquisita (in combinazione con un software di progettazione basato sull’intelligenza artificiale) per progettare e produrre parti che sono producibili in scala.

Dopo aver acquisito Vader Technologies e aver incluso la stampa 3D nel suo piano triennale, Xerox sembrava ben avviata su un nuovo percorso per concentrarsi sull’innovazione . Ciò si è verificato poiché all’inizio di quest’anno la società ha introdotto la stampante 3D ElemX e la sua prima installazione presso la Naval Postgraduate School . Xerox è ora molto pubblicamente coinvolta nella scena della stampa 3D industriale.

 
Indipendentemente dal fatto che venga utilizzata per creare e testare prototipi o per la produzione finale, la stampa 3D è un ottimo indicatore del fatto che si stanno svolgendo attività idonee per il credito di ricerca e sviluppo. Le aziende che implementano questa tecnologia in qualsiasi momento dovrebbero prendere in considerazione l’opportunità di usufruire dei crediti d’imposta per ricerca e sviluppo.

 

“Una copia Xerox, per favore…”
L’iconica azienda di stampanti per fotocopie è ora pronta per entrare a far parte della storia, questa volta come azienda di stampa 3D (anziché 2D). Per molti, l’utilizzo delle stampanti 3D come attrezzatura standard per la produzione di massa è ancora molto lontano. Con l’ingresso di Xerox nel gioco della stampante 3D, anche se in ritardo, potrebbe dimostrare a quegli oppositori che si sbagliano e dare ai produttori statunitensi la spinta di cui hanno bisogno.

Be the first to comment on "Xerox entra nella stampa 3D con una tecnologia potente ?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi