Il CEO di Nano Dimension mira all’acquisizione della società e dei suoi 1,2 miliardi di dollari in contanti
Yoav Stern, CEO e presidente di Nano Dimension, vuole rivalutare le sue opzioni in modo che vadano immediatamente in the money e lo vedano rivendicare il 10% della società, attualmente scambiata per un valore di soli $ 633 milioni nonostante abbia $ 1,2 miliardi in contanti
 
Yoav Stern, presidente e amministratore delegato di Nano Dimension, sta cercando di rilevare de facto la società israeliana, quotata a Wall Street a un valore di 633 milioni di dollari, nonostante abbia un fondo di cassa di 1,2 miliardi di dollari? Stern, che è stato nominato CEO di Nano Dimension alla fine del 2019, e nel corso del 2021 è stato anche eletto presidente della società, ha chiesto che le sue opzioni vengano rivalutate alla prossima assemblea degli azionisti che si terrà il 13 dicembre.
Questa non è una lieve correzione dovuta alle condizioni di mercato, ma piuttosto una brutale riduzione del prezzo di esercizio da $ 6,16 per azione a soli $ 2,46. Sorprendentemente, la nuova cifra è esattamente il prezzo al quale le azioni della società sono attualmente scambiate. Stern chiede di poter esercitare le sue opzioni in più rate entro un anno dal momento dell’approvazione. Se concesso, renderebbe Stern il maggiore azionista della società con circa il 10%, con Nano Dimension che ha molti piccoli azionisti che detengono meno del 5% ciascuno.
 
Definire Nano Dimension una “società” è un’ampia estensione del termine, poiché si tratta principalmente di un fondo di cassa da 1,2 miliardi di dollari scambiato in borsa. Fino a maggio 2020, Nano Dimension era una società marginale che veniva scambiata alla borsa di Tel Aviv con un valore di decine di milioni di shekel, questo dopo essere entrata nel trading attraverso una fusione nel 2014. Per diversi anni è stata scambiata sia in Israele che New York, ma dopo che Stern si è insediato ha annunciato che i costi del trading a Tel Aviv erano troppo alti ed è stato cancellato dalla quotazione.
Nano Dimension, sotto la guida di Stern, ha approfittato della marea del periodo di pandemia per un’abbuffata di raccolta fondi che le ha portato il suo attuale mucchio di soldi. D’altra parte, e nonostante gli annunci secondo cui la raccolta fondi avrebbe dovuto finanziare un enorme acquisto strategico nel campo della stampa 3D, questo non è ancora avvenuto. Stern ha condotto una serie di acquisizioni nell’ultimo anno, ma tutte piuttosto minori, di società non grandi e sconosciute, e inoltre non sono riuscite ad aumentare i ricavi di Nano Dimension, ma solo le sue perdite. Pertanto, ha chiuso la prima metà del 2022 con un fatturato di $ 21 milioni e una perdita di $ 73 milioni. Sono numeri deludenti visto che la società ha già investito più di 80 milioni di dollari in quattro acquisizioni. Inoltre,

Nano Dimension non ha ancora chiarito cosa intende fare con le azioni di Stratasys, e nel frattempo sta bruciando principalmente gli ingenti fondi raccolti, che hanno raggiunto 1,5 miliardi di dollari. La maggior parte di questi soldi proveniva da piccoli investitori che negli anni della pandemia hanno inseguito tutto ciò che puzzava di tecnologia. Il campo delle stampanti 3D, da tempo un settore di grandi promesse che non è stato realmente realizzato a livello commerciale, ha ricevuto una spinta con l’idea che un danno alle catene di fornitura avrebbe portato a un aumento della domanda di stampa di pezzi di ricambio e piccoli prodotti.
Ma l’hype è svanito e con esso anche il titolo Nano Dimension, tornato sui livelli di inizio 2020, dopo aver già toccato il record di 13 dollari nel 2021. Ora, oltre alla sconcertante richiesta di riprezzare le opzioni, l’azienda vuole anche di approvare un insolito aumento di capitale sociale, da 500 milioni di azioni a 800 milioni di azioni. Si tratta ovviamente di un numero insolito di azioni per un’azienda di queste dimensioni, anche se sta ancora pianificando ingenti acquisti in futuro utilizzando le sue azioni. Sembra che l’aumento di capitale sociale sia più probabilmente legato ad un possibile tentativo di difendersi da un’eventuale scalata, cosa che sembra certamente possibile visto che viene scambiato per un valore pari alla metà del contante nelle sue casse.
Articoli Correlati:
La società di stampa 3D Nano Dimension acquisisce il 12% di Stratasys, aumentando le prospettive di un’acquisizione ostile
Incontra l’azienda israeliana che ha raggiunto una valutazione di $ 1,4 miliardi nonostante le vendite di dimensioni nanometriche
L’azienda di stampanti 3D di elettronica Nano Dimension licenzia il 20% dei dipendenti


Cosa intende fare Stern con i soldi? È una buona domanda che sicuramente sorge tra coloro che hanno acquistato azioni di Nano Dimension nell’IPO a un prezzo medio di $ 12,5. In una lettera agli investitori, che ha accompagnato le relazioni del secondo trimestre, ha scritto quanto segue: “I nostri risultati e progressi nello sviluppo di nuovi prodotti sono molto più importanti che mostrare una crescita su base trimestrale. I trader e gli investitori a breve termine potrebbero essere delusi dal fatto che il le spese non diminuiscono, ma la misura “finanziaria” del nostro successo è esattamente l’opposto: è la nostra capacità di individuare e reclutare i talenti scientifici, e quindi le spese sono i nostri investimenti importanti che sono definiti solo a causa delle regole contabili come “spese “. La direzione di Nano Dimension può pensare, pianificare ed eseguire piani aziendali a lungo termine,
Naturalmente, l’altruismo di Stern a spese degli investitori è unilaterale. Al di là del riprezzamento delle opzioni, che si aggiungono allo stipendio e ai bonus, quando Stern è entrato in azienda, ha inserito una clausola che gli consente di ricevere un paracadute d’oro non solo in caso di licenziamento, ma in ogni caso di aggiunta di un nuovo direttore senza il suo consenso. Ora, convocando l’assemblea, vuole ripagare il consiglio di amministrazione che è stato generoso nei suoi confronti aumentando il tetto delle indennità per gli amministratori. Pertanto, allo stesso tempo, l’insolito accordo è apparentemente legato al background di Stern, che, sebbene non sia stato dettagliato dal consiglio di amministrazione al momento della sua nomina ad amministratore delegato, è importante alla luce dei recenti sviluppi.

La rapida rimozione da Magal
Nel 2009, Stern è stato CEO di Magal Security Systems, una società di difesa quotata alla Borsa di Tel Aviv ea Wall Street, simile a Nano Dimension, ma è stata licenziata dopo pochi mesi nella posizione. Dopo essere stato rimosso, giustificato dall’allora presidente, Yaakov Perry, con l’affermazione che il suo carattere e il suo modo di comportarsi non gli consentivano di ricoprire la carica di amministratore delegato, Stern iniziò una lotta di potere per il controllo contro il consiglio di amministrazione, mentre organizzare un gruppo di investitori nel tentativo di rilevare Magal.
La lotta è continuata per molti mesi fino al 2010. In una lettera agli azionisti inviata agli Stati Uniti. SEC, Magal ha scritto quanto segue su Stern: “Durante il suo tempo, Stern ha licenziato o causato il licenziamento di molti dipendenti anziani e ha causato danni quasi irreversibili al morale degli altri dipendenti. Durante la sua permanenza in azienda, i dipendenti sono stati tenuti in un atmosfera ostile a causa del suo stile di gestione. Quando Stern è entrato a far parte di Magal, ha chiarito ad alcuni dipendenti che la sua intenzione era quella di guidare un’acquisizione della società attraverso l’acquisto di azioni a basso prezzo da parte dei dirigenti.” Alla fine Perry ha vinto ed è rimasto al suo posto, ma lo shock causato dalla lotta contro Stern è stato probabilmente troppo dannoso, e poco dopo Magel è stato venduto alla FIMI Opportunity Funds.
Yoav Stern e Nano Dimension non hanno risposto a una richiesta di commento.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi