PrintParts nomina CPO per guidare la nuova piattaforma di tracciabilità della produzione additiva 

Il fornitore di servizi di stampa 3D PrintParts ha nominato Ashley Kerth Chief Product Officer per guidare lo sviluppo di una nuova soluzione di tracciabilità della produzione additiva.

SmartParts è stato sviluppato da PrintParts come piattaforma di autenticazione e tracciabilità dei materiali a livello di settore.

Dopo aver inviato con successo uno “SmartPart connesso digitalmente” alla sfida Hack the Machine della Marina degli Stati Uniti e aver vinto il Design Inspiration Award all’inizio di quest’anno, PrintParts ha poi accettato la sua domanda nel programma Microsoft for Startups. Qui, l’azienda è in grado di sfruttare il team di consulenza interno di Microsoft e i finanziamenti per supportare lo sviluppo di SmartParts.

Oltre a queste risorse, PrintParts ha anche cercato di assumere Kerth, che ha una vasta esperienza nella gestione dei prodotti. Più di recente, Kerth è stato in Hexagon, dove era responsabile della gestione dei prodotti e della strategia delle soluzioni Smart Factory dell’azienda. Kerth ha anche ricoperto ruoli di gestione del prodotto e strategia e HP, Oqton e Autodesk, mentre in precedenza gestiva anche la propria officina meccanica e l’attività di consulenza ingegneristica di produzione come parte dell’ecosistema del canale Siemens PLM Software.

“Ashley apporta al team un patrimonio di conoscenze nella produzione avanzata, nelle iniziative dell’industria 4.0 e nello sviluppo dei prodotti”, ha commentato Robert Haleluk, CEO di Print Parts. “Siamo entusiasti che Ashley guidi lo sviluppo del prodotto SmartParts e aiuti a portare una soluzione di tracciabilità integrata nel settore della produzione additiva”.

“La tracciabilità e la serializzazione delle parti sono una sfida che deve ancora essere risolta per la produzione additiva”, ha aggiunto Kerth. “Lavorare a un progetto tecnologico innovativo come SmartParts è un’opportunità unica per riunire 29 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni di produzione e digitali con una rete globale di relazioni per colmare questa lacuna; consentendo alla produzione additiva di scalare veramente alla produzione e sbloccare l’era della “produzione additiva 2.0”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi