3DQue lancia il nuovo kit di loop di stampa 3D automatizzato per Ender 3

3DQue Systems, startup con sede a Vancouver, British Columbia, lavora per automatizzare le reti di stampanti 3D FFF e FDM allo scopo di garantire la produzione di massa. La tecnologia che offre è davvero interessante, fornendo soluzioni ai problemi comuni nel ridimensionamento della tecnologia, come il costo unitario, la rimozione autonoma delle parti e la produzione automatizzata. Il QPod, la sua unità di produzione di massa di stampa 3D in plastica ad alto volume, è alimentato dal suo software di automazione QSuite e presenta una piattaforma di costruzione verticale.

Ora, 3DQue offre la sua tecnologia proprietaria ai singoli operatori di stampanti 3D in modo che possano stampare autonomamente più lavori 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questa settimana, la startup rilascerà il suo 3DQue Looping Kit per Ender 3, un kit di aggiornamento che promette una stampa più efficiente e conveniente e include tutto l’hardware e il software necessari per l’avvio remoto della stampante, il ripristino e il rilascio automatico delle parti.

“In 3DQue, non abbiamo bisogno di fare da babysitter alle nostre stampanti tutto il giorno e la notte”, ha dichiarato in un comunicato stampa Mateo Pekic, co-fondatore di 3DQue e CIO. “Non vogliamo che tu lavori per la tua stampante, vogliamo che la tua stampante funzioni per te.”

Da maggio, 3DQue ha spinto al massimo la sua tecnologia di automazione continua, stampando visiere per aiutare durante la continua pandemia di COVID-19. Ma anche questo ha avuto un duplice scopo. Durante il recente Livestream dell’azienda, in cui è stato annunciato il Looping Kit per Ender 3, i membri del team hanno spiegato che questo ha dato loro l’opportunità di completare uno stress test della loro tecnologia di stampa 3D remota.

LR: il co-fondatore di 3DQue Mateo Pekic e lo stagista Kevin durante il webinar in live streaming. L’Ender 3 qui raffigurato ha un angolo di 30 °, che è una pendenza più dolce rispetto al tipico angolo di 90 °

In soli cinque giorni, nel corso di 1.000 ore di stampa su sole nove stampanti, 3DQue è stata in grado di stampare un totale di 897 visiere per la visiera. Di quelle 1.000 ore, meno di tre sono state spese da veri operatori umani per controllare gli ugelli e ricaricare il filamento di plastica. Questo è solo lo 0,3% del tempo di stampa totale, che è molto inferiore alla quantità di tempo tipica impiegata (oltre 100 ore) durante i lavori di produzione di massa caricando file, riapplicando adesivo, controllando le stampanti e rimuovendo parti completate.

“Nella stampa 3D, il periodo di tempo di riferimento include le ore macchina, ma di solito non tiene conto del tempo dell’operatore. Né il fastidio di trovarsi vicino alla macchina all’inizio e alla fine del processo di stampa “, ha spiegato 3DQue nel comunicato.

La scorsa settimana ho avuto il piacere di partecipare a un webinar interattivo in live streaming 3DQue, opportunamente intitolato “Come la nostra stampante ha prodotto 897 schermi per il viso in soli 5 giorni senza di noi”, ospitato da Pekic e Kevin, uno stagista dell’azienda. Utilizzando il videogiocatore e la piattaforma Twitch della community, i due hanno risposto alle domande, hanno parlato dell’azienda in generale e hanno discusso di come 3DQue sia stato in grado di utilizzare la nuova tecnologia di loop di stampa automatizzata disponibile per completare 1.000 ore di stampa continua in cinque giorni, con nove stampanti che funzionano ininterrottamente per realizzare quasi 900 visiere con visiera. Fatto divertente, hanno utilizzato un totale di 20 rotoli di filamento per il progetto!

Pekic ha spiegato che con l’uso del Looping Kit di 3DQue per Ender 3, che include un piano di stampa a rilascio automatico e un software di accesso remoto, chiunque può stampare qualsiasi cosa, da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento.

“Il cuore della nostra tecnologia è il rilascio automatico delle parti”, ha spiegato Pekic. “Le stampanti si puliscono da sole.”

Ha iniziato a stampare in 3D piccole quantità di parti quando era solo un adolescente ed era frustrato dal dover essere collegato a una rete di stampanti 3D tutto il giorno ogni giorno. Ciò ha portato alla sua grande invenzione: il sistema di rilascio delle parti automatizzato controllato dal software, che consente agli operatori di stampanti 3D di concentrarsi maggiormente sul design e meno sull’attesa di una stampante gratuita, raschiare le parti completate dal piano di stampa e rimettere l’adesivo su di esso. .

“Questo è stato davvero uno stress test”, ha detto Kevin riguardo alle 1.000 ore di stampa di 3DQue. “È possibile stampare in modo autonomo per così tanto tempo? La stampa 3D è davvero così affidabile per la produzione di massa? E io direi che lo è. Non devi fare da babysitter alla stampante. “

Pekic ha affermato che il team ha recentemente istituito un impianto di produzione a Vancouver con un totale di 36 stampanti 3D con gli insoliti letti di stampa verticali, e ne ha sezionati nove per “vedere quale sarebbe il nostro tempo di inattività se li eseguissimo per 1.000 ore.”

“Parte di ciò che è fondamentale per l’automazione, e in cui la stampa 3D tende a mancare, è l’incoerenza tra le stampe, perché la maggior parte dei sistemi è progettata per essere utilizzata da un operatore, allineandola, calibrando e restando lì per guardarla stampare all’inizio, “Disse Pekic. “Allora come possiamo assicurarci che tutto rimanga coerente?”

“Devi assicurarti che il file che stai per ripetere un sacco di volte sia un buon file, che sia tagliato correttamente”, ha detto Pekic. “Se mandi una pallina di spaghetti alla stampante, stamperà quella pallina di spaghetti 100 volte di seguito. Quindi è necessaria una certa quantità di messa a punto. “

È necessaria una buona adesione di stampa per mantenere la stampa verticale a un livello elevato di qualità e consistenza. Pekic ha affermato che il loro processo non utilizza materiali di consumo, come colla o nastro blu, che possono abbassare il livello di consistenza.

“Se vuoi automatizzare, non puoi occupartene”, ha detto Pekic. “Inoltre, l’operatore può risparmiare tutto questo tempo invece di preoccuparsi della miscela di colla da utilizzare.”

“Il nucleo di questo è la coerenza e, per mantenerla, non vuoi che nessuna parte mobile sia coinvolta con il tuo piano di stampa, e il materiale che abbiamo sviluppato per il letto non si usura allo stesso modo degli altri, come BuildTak. “

Kevin ha spiegato che tutte e 36 le stampanti nella struttura di Vancouver sono collegate allo stesso server e ha riconosciuto che la maggior parte delle volte, questo tipo di impostazione della microfabbrica sarebbe piuttosto difficile da ottenere a casa con il tuo laptop. Pekic ha continuato dicendo che la società ha personalizzato il suo software interno al fine di “ritagliarsi alcune di quelle funzionalità per uso hobbistico, come il controllo di una singola stampante, cose che sono più stabili, cancellando le parti correttamente, soprattutto perché questo è un super offerta iniziale qui. “

“Riteniamo che gli hobbisti e coloro che lavorano nelle startup o nelle aziende di stampa, potrebbero trarne vantaggio”, ha detto Kevin riguardo alla tecnologia di automazione di 3DQue. “Ti fa risparmiare tempo, ti fa risparmiare denaro e un sacco di problemi.”

A partire dalle 14:00 EST del 20 ottobre, un numero limitato dei nuovi kit 3DQue Looping per Ender 3 sarà disponibile per la prevendita, in modo che tutti gli utenti di Ender 3 possano godere della capacità di produzione e dell’efficienza dell’azienda.

“Stiamo facendo fondamentalmente una versione limitata, per promuovere una comunità di early adopter e coinvolgerli davvero nel feedback”, ha spiegato Kevin, notando che le sessioni live di 3DQue continueranno ogni settimana fino a quando i kit non verranno inviati, si spera a gennaio. “Potresti risparmiare centinaia di ore solo con la stampa automatizzata per appena $ 80”.

Per i primi trenta kit, il prezzo sarà di soli $ 79, che include un abbonamento software QSuite gratuito di sei mesi, e una volta che questa speciale vendita anticipata termina dopo quattro settimane, il prezzo di prevendita salirà $ 97, con tre mesi gratuiti di software. Per fare un confronto, il prezzo normale del kit sarà di $ 160, quindi se partecipi alla prevendita, godrai di un risparmio del 55%.

Uno dei partecipanti al webinar ha chiesto se i kit fossero disponibili solo per Ender 3, e Pekic ha detto che è l’unico che viene lanciato ora, ma che il mese prossimo 3dQue inizierà a sviluppare kit per “le prossime stampanti più comuni”, come Ultimaker e Sistemi Prusa. Lui e Kevin hanno spiegato che gran parte del lavoro richiesto dalla creazione dei kit consiste nel capire il firmware, “capire come comunicare con quelle stampanti”. Un altro partecipante ha chiesto in che modo il nuovo 3DQue Looping Kit per Ender 3 si confronta con altre soluzioni automatizzate e Pekic ha affermato che è migliore di altri.

Be the first to comment on "3DQue lancia il nuovo kit di loop di stampa 3D automatizzato per Ender 3"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi