40 anni di automazione hanno abbassato i salari degli Stati Uniti più della de-sindacalizzazione o delocalizzazione


Un nuovo documento di lavoro del National Bureau of Economic Research (NBER) degli Stati Uniti utilizza l’apprendimento automatico per studiare le ragioni dell’aumento della disparità tra salari e guadagni negli ultimi 40-50 anni negli Stati Uniti e conclude che l’automazione ha avuto un grande un ruolo maggiore da svolgere nelle perdite di guadagno rispetto alla de-sindacalizzazione, all’offshoring e ad altre teorie più politicamente incendiarie che hanno messo radici nella mente pubblica dal crollo finanziario del 2008.

Il rapporto conclude che tra il 50-70% dei cambiamenti nella struttura salariale negli Stati Uniti tra il 1980 e il 2016 è dovuto a cali salariali nei settori dei lavoratori per le industrie in cui si è verificato lo “spostamento dei compiti” attraverso nuove tecnologie di automazione, compresa l’automazione robotica cooptazione di attività precedentemente manuali tramite software.

Cambiamento irreprensibile
Le conclusioni dei ricercatori sono una sfida statistica alla crescente concezione popolare secondo cui la disuguaglianza dei guadagni è stata sistematicamente esacerbata dall’ascesa dell’economia politica neoliberista dalla fine degli anni ’70 in poi.

Piuttosto, caratterizzano la crescente iniquità finanziaria come una funzione organica dello sviluppo tecnologico, piuttosto che l’effetto netto di politiche che potrebbero essere state inizialmente ideate per azzoppare il potere ascendente dei sindacati in quel decennio e per invertire il più equo equilibrio dei rapporti tra lavoratori e industria che seguì la seconda guerra mondiale.

Gli anni del dopoguerra (foto a destra) mostrano un modello di spostamento dei compiti molto più stabile rispetto al periodo dal 1980 in poi.


In effetti, lo studio dipinge 40 anni di governo in gran parte neoliberista come opportunista (rispetto all’emergere di nuovi sviluppi tecnologici), piuttosto che come previdenti architetti di sistemi di politiche sociali ed economiche che hanno portato all’uguaglianza finanziaria e alla controversa crescita del precariato .

Tuttavia, il rapporto non affronta l’aumento del costo delle abitazioni negli ultimi 15-20 anni, probabilmente il fattore critico nell’aggravare e politicizzare gli effetti nel mondo reale della stagnazione e del declino dei salari a lungo termine, un fenomeno che attualmente sta generando critiche popolari nei confronti di inazione federale di fronte a guerre di offerte su vasta scala da parte di grandi investitori aziendali.

Lo studio NBER mostra una polarizzazione delle tendenze dei guadagni, con un reddito relativo maggiore per le persone più istruite e stagnazione o declino salariale per ruoli o settori in cui l’automazione si è dimostrata possibile.

Divergenza dell’andamento degli utili secondo il NBER. Fonte: https://www.nber.org/system/files/working_papers/w28920/w28920.pdf


La ricerca afferma inoltre che il calo della parità salariale, il che significa che gli uomini senza un diploma di scuola superiore ora guadagnano il 15% in meno in termini reali rispetto al 1980, è associato solo a “modesti guadagni di produttività” a lungo termine.

Sfidare la teoria del cambiamento tecnologico basato sull’abilità (SBTC)
Il documento rileva che le teorie precedenti hanno attribuito questi cambiamenti nella retribuzione al cambiamento tecnologico basato sulle competenze (SBTC), che dipinge un quadro più favorevole dell'”upscaling” dei lavoratori meno qualificati verso ruoli più qualificati facilitati dalle nuove tecnologie.

L’idea di STBC che i posti di lavoro si “trasformino” piuttosto che scomparire è attualmente un rimedio popolare ai timori della società sul fatto che l’IA prenda i posti di lavoro delle persone e il documento NBER cita la crescita della domanda di competenze negli anni ’90 come una delle difese più citate di questa teoria.

La relazione tra calo dei salari reali e vari gruppi demografici nelle industrie che hanno una quota di lavoro in calo. I punti indicano 500 gruppi demografici, con variazioni dimensionali un indicatore delle ore lavorate totali.

Azioni di lavoro in calo come proxy per l’automazione


In assenza di statistiche empiriche coerenti sull’automazione nell’industria, i ricercatori del NBER hanno utilizzato il calo delle quote di lavoro come “un segno rivelatore di automazione”. I ricercatori sostengono:

“[Una] gran parte dei cambiamenti nella struttura salariale degli Stati Uniti durante gli ultimi quattro decenni è dovuta al relativo calo salariale dei lavoratori specializzati in compiti di routine in industrie che hanno subito un calo della quota di lavoro”.

Il rapporto afferma inoltre che i lavoratori specializzati in compiti suscettibili di automazione “sopranno il peso di questi cambiamenti e subiranno cali salariali relativi e potenzialmente assoluti”.

Il rapporto NBER lavora con molte delle stesse cifre utilizzate dai rapporti precedenti, ma arriva alla conclusione che la forza lavoro non si sta solo trasformando internamente all’interno di queste industrie, ma piuttosto che i lavoratori vengono eliminati sotto nuovi regimi di automazione. Poiché è statisticamente difficile tracciare il destino dei lavoratori scartati oltre i limiti dei dati, altri studi dovranno raccogliere il quadro.

Posti di lavoro persi, non trasformati
Le stime del rapporto mostrano che lo spostamento dei compiti (lo spostamento dei compiti verso l’automazione o altri mezzi) rappresenta il 50-70% dei cambiamenti osservati nella struttura salariale tra il 1980 e il 2016, mentre i tradizionali movimenti SBTC (un risultato migliore per i lavoratori) rappresentano meno 10% di tali modifiche.

I ricercatori hanno scoperto che il loro modello centrale regge anche quando si considerano fattori come la concorrenza nelle importazioni, il declino dei sindacati, l’offshoring, la variazione regionale, l’aumento della popolazione e i ricarichi.

Il rapporto ammette che lo spostamento basato su compiti in un nucleo di industrie suscettibili di automazione può modificare la composizione dell’economia statunitense, che può potenzialmente creare un aumento della domanda in altri settori, ma nota anche l'”effetto a catena” dei lavoratori sfollati che competono per una contrazione numero di ruoli non automatizzati, che porta alla riduzione dei salari e alla soppressione dei livelli salariali.

Be the first to comment on "40 anni di automazione hanno abbassato i salari degli Stati Uniti più della de-sindacalizzazione o delocalizzazione"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi