di Belinda Carr, YouTuber
La stampa 3D di case con il cemento e la produzione additiva stanno vivendo un boom. Non solo molte aziende si occupano di questo campo, ma stanno comparendo anche sempre più reportage sui media sull’argomento. Tuttavia, spesso i rapporti sulle case di stampa 3D sono fuorvianti.

È paragonabile agli inizi della stampa 3D in casa. Anche allora, sono state sollevate false aspettative sulla stampa 3D. Ciò ha assicurato che alcune persone fossero inizialmente deluse dall’effettivo sviluppo. La stessa cosa a volte accade con i report sulle case stampate in 3D.

Belinda Carr, YouTuber e specialista della stampa 3D, ha pubblicato un video che racconta le bugie comuni sulle case stampate in 3D.

Mito 1: le case stampate in 3D costano meno di $ 4.000
Secondo Carr, ci sono stati numerosi resoconti dei media secondo cui la produzione di massa di case stampate in 3D potrebbe portare i prezzi al di sotto dei $ 4.000. Questa rappresentazione è fuorviante. Le case stampate in 3D possono essere più economiche, ma dipende sempre dalle circostanze esterne. Ad esempio, sono necessari altri specialisti per la stampa 3D, vengono sostenuti costi elevati di elettricità e costi di acquisizione per la stampante. D’altra parte, l’automazione e la riduzione della manodopera possono ridurre nuovamente i costi.

Come si svilupperà il prezzo della stampa 3D per le case sarà chiaro solo nei prossimi anni.

Mito 2: le case stampate in 3D possono essere costruite in 24 ore
Quando si stampano in 3D le case, vengono principalmente create le pareti della casa. Questo può essere fatto entro 24 ore, ma non è necessario costruire una casa completa con esso. Ogni casa ha finestre, impianti elettrici, arredi interni, ecc. Questo lavoro non è incluso nelle 24 ore.

Inoltre, la stampante 3D deve essere prima consegnata al sito e calibrata.

Mito 3: le case stampate in 3D rendono obsoleto il lavoro umano
Sebbene ci sia meno lavoro manuale coinvolto nella stampa della casa stessa, non influisce su nient’altro. Il settore delle costruzioni ha molti lavoratori qualificati in un’ampia varietà di nicchie che non perdono il lavoro con le case stampate in 3D.

Mito 4: le case stampate in 3D possono porre fine alla carenza di alloggi e ai senzatetto
Ci sono alcuni progetti che costruiscono case stampate in 3D per i senzatetto o aziende che vogliono usarle per alleviare la carenza di alloggi in alcuni paesi, ma ciò sarebbe possibile anche con altre costruzioni.

Nei paesi del sud del mondo ci sono anche altre difficoltà. Ad esempio, quando si stampa in 3D, ci deve essere un normale alimentatore. In alcune aree remote questo è difficile da ottenere. Anche il trasporto della stampante 3D in cemento può essere problematico.

Mito 5: le case stampate in 3D sono sostenibili
Le case di stampa 3D possono ridurre gli sprechi durante la stampa, ma il cemento e il cemento non sono di per sé materiali ecocompatibili . L’industria del cemento emette nell’aria quattro volte più CO2 di tutto il traffico aereo mondiale.

Per questo motivo, i materiali da costruzione alternativi sono generalmente più sostenibili. In futuro, i materiali di stampa 3D possono anche diventare più rispettosi dell’ambiente.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi