Passerella in cemento stampato in 3D a Venezia
 
Utilizzando la stampa 3D, è possibile costruire strutture portanti in calcestruzzo che se la cavano con meno materiale e senza rinforzare acciaio e malta. Gli architetti e gli ingegneri dell’ETH del Block Research Group insieme a Zaha Hadid Architects e ai partner dell’industria lo hanno dimostrato con un ponte pedonale a Venezia.

Milioni di nuovi edifici in tutto il mondo vengono costruiti con cemento armato, anche se questo metodo di costruzione provoca emissioni di CO2 molto elevate. L’acciaio per l’armatura e il cemento sono particolarmente gravi. I ricercatori dell’ETH stanno ora mostrando una strada nuova e innovativa.

In un parco di Venezia, il Block Research Group, insieme al gruppo Computation and Design di Zaha Hadid Architects, ha realizzato un percorso pedonale ad arco di 12 x 16 metri che non necessita di rinforzi.

L’edificio, chiamato “Striatus”, è costituito da blocchi di cemento fabbricati additivamente, che, come i vecchi ponti in pietra, si completano a vicenda per formare archi. Di conseguenza, le forze agiscono in pura compressione esattamente sugli appoggi controventati nel terreno. Gli elementi costitutivi si stabilizzano attraverso la geometria della struttura. Gli
strati stampati in 3D seguono le forze di pressione

Il tipo di stampa 3D concreta che i ricercatori hanno sviluppato insieme a Incremental3D è completamente nuovo. Il calcestruzzo non viene applicato orizzontalmente come al solito, ma ad angoli specifici in modo che si trovino esattamente ad angolo retto rispetto alle forze di compressione. Ciò significa che anche gli strati stampati nei mattoni si stabilizzano. L’azienda Holcim ha sviluppato il calcestruzzo speciale per la stampante 3D appositamente per questo scopo.

IL PROFESSORE DELL’ETH PHILIPPE BLOCK AFFERMA: “CON QUESTA PRECISA FORMA DI STAMPA 3D IN CALCESTRUZZO, POSSIAMO COMBINARE I PRINCIPI DELLA TRADIZIONALE COSTRUZIONE DI VOLTE CON LA COSTRUZIONE DIGITALE IN CALCESTRUZZO E UTILIZZARE SOLO MATERIALE DOVE È STRUTTURALMENTE NECESSARIO”.
Poiché la struttura non richiede malta, i blocchi di costruzione possono essere separati l’uno dall’altro e il ponte può essere ricostruito in una posizione diversa. Quando ha fatto il suo tempo, i materiali possono essere semplicemente separati l’uno dall’altro e riciclati.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi