Per la prima volta in Austria: stampa 3D con calcestruzzo nell’uso pratico
 
La stampa 3D con calcestruzzo è una tecnologia innovativa con un enorme potenziale per il settore delle costruzioni. Concrete 3D di Vorarlberg è la prima azienda in Austria a portare sul mercato componenti in calcestruzzo dalla stampante 3D . L’azienda offre ora elementi per facciate, nicchie prefabbricate, semilavorati e mobili. Concrete 3D sta attualmente consegnando ritagli nel Vorarlberg e in Tirolo, altri progetti sono in corso di realizzazione in tutta la regione di lingua tedesca.

L’azienda del Vorarlberg Concrete 3D ha testato intensamente la nuova tecnologia negli ultimi mesi, l’ha testata nella pratica e l’ha sviluppata per renderla commerciabile. Secondo la propria valutazione, l’azienda è una delle prime aziende in Europa e un pioniere in Austria. Per cominciare, Concrete 3D offre elementi di facciata personalizzabili, nicchie prefabbricate (“a forma di C”), nonché parti semilavorate e mobili. L’azienda ha attualmente tre dipendenti.

Concrete 3D GmbH è stata fondata alla fine dello scorso anno da Tomaselli Gabriel Bau a Nüziders e Josef Loacker GmbH (“JOLO prefabbricato in calcestruzzo”) a Götzis. Ognuno di loro ha una quota del 50 percento. I due amministratori delegati Philipp Tomaselli e Markus Loacker hanno esplorato il mercato per due anni e ne hanno osservato gli sviluppi. Alla fine dello scorso anno hanno investito circa 300.000 euro nella prima stampante 3D. Da allora, i componenti stampati in 3D sono stati utilizzati sia da Tomaselli Gabriel Bau che da JOLO.

Enorme potenziale per il settore
“La stampa 3D consente forme libere e costruzioni ottimizzate in cemento”, spiega l’amministratore delegato Philipp Tomaselli. “L’aumento della produttività, la digitalizzazione e l’industrializzazione sono i grandi temi del futuro nell’edilizia. La stampa 3D combina tutte e tre le aree.”

Le parti vengono stampate direttamente da un modello CAD . In questo modo si possono creare forme completamente nuove che non sarebbero possibili con la tecnologia di cassaforma convenzionale o solo con grande sforzo. L’uso di materiali è notevolmente ridotto grazie al design sottile rispetto alle parti stampate e fuse. Ciò riduce anche l’impronta di CO2. I ritagli stampati in 3D consentono inoltre significativi risparmi sui costi e guadagni di produttività.

Durante lo sviluppo, la partnership tra l’impresa di costruzioni Tomaselli Gabriel Bau e il produttore di prefabbricati JOLO calcestruzzo prefabbricato è stata un grande vantaggio, spiega Philipp Tomaselli: “Abbiamo potuto testare ogni fase dello sviluppo, sia nella produzione di elementi prefabbricati che direttamente nel campo. In questo modo, siamo stati in grado di elaborare soluzioni ottimali insieme agli appaltatori in loco. “

Le rientranze consentono di risparmiare
Ciò ha dato i suoi frutti nello sviluppo dei ritagli stampati in 3D, che ora sono disponibili con il marchio “C-Form” nel Vorarlberg e in Tirolo. Finora, gli incavi nei soffitti o nelle pareti in calcestruzzo sono stati laboriosamente realizzati con casseforme in legno, ad esempio per finestre, porte o canaline di impianti.

Concrete 3D li stampa esattamente secondo le specifiche dell’ordine e li consegna direttamente al cantiere entro tre giorni lavorativi. Concrete 3D è riuscito a conquistare il grossista SCHMIDT’S come partner logistico. Attualmente si cerca un partner per le vendite nella Svizzera orientale e nel Liechtenstein. Nel Vorarlberg, i primi clienti stanno già utilizzando i ritagli nei loro cantieri.

“Il nostro sistema ‘C-Form’ consente di risparmiare materiale, tempo e denaro. Gli incavi sono costruiti direttamente nei soffitti e nelle pareti, non ci sono più rifiuti dalle casseforme in legno “, sottolinea Michael Gabriel, responsabile di Concrete 3D.

Singoli elementi di facciata
Gli elementi stampati in 3D verranno utilizzati anche nella costruzione di facciate in futuro. In progetti pilota, Concrete 3D ha sviluppato soluzioni per l’assemblaggio e il rinforzo degli elementi. L’azienda è stata anche in grado di testare gli effetti della temperatura e delle condizioni atmosferiche sul materiale negli ultimi mesi.

La prima innovativa facciata in cemento della stampante 3D può essere vista nell’ex sede di Tomaselli Gabriel Bau in Bahnhofstrasse 26 a Nenzing. Per l’edificio progettato dall’architetto Hermann Kaufmann, Concrete 3D ha prodotto un totale di 50 elementi di facciata con una dimensione fino a un metro quadrato e mezzo. 22 elementi sul lato est mostrano le diverse opzioni di design con motivi, loghi e forme libere in tre dimensioni.

“La facciata della mostra mostra agli interessati all’architettura e alla costruzione ciò che è strutturalmente possibile come forma libera senza cassaforma”, spiega il responsabile della divisione Michael Gabriel. “Finora la creatività era limitata dagli alti costi legati a geometrie complesse. È qui che la stampa 3D apre nuove dimensioni. Invitiamo gli architetti a realizzare insieme a noi le loro visioni”.

Mobili e semilavorati
Oltre ai singoli elementi della facciata e alle rientranze prefabbricate in cemento, Concrete 3D offrirà in futuro parti semilavorate come colonne, sculture, pozzetti o rivestimenti. Più di recente, ad esempio, i tumuli rivestiti in gomma per un parco giochi sono stati realizzati in modo economico utilizzando la stampa 3D dal cemento. Concrete 3D offre già anche arredi per interni ed esterni. Anche qui è in corso la ricerca di partner di vendita.

“I componenti stampati in 3D ora funzionano anche nella pratica nella costruzione e nella qualità di serie”, afferma felicemente Michael Gabriel. Negli ultimi sei mesi ha scandagliato i limiti geometrici delle costruzioni, testato fattori esterni come le influenze ambientali e ottimizzato l’assemblaggio delle parti. Il responsabile della divisione Concrete 3D ha successivamente ottimizzato il processo di produzione del robot industriale a 6 assi: “Stiamo creando componenti precisi con un alto livello di ripetibilità”.

Espansione nell’area di lingua tedesca
Markus Loacker, amministratore delegato di JOLO calcestruzzo prefabbricato, vede un enorme potenziale nella giovane tecnologia. I ritagli 3D in calcestruzzo sono inizialmente disponibili nel Vorarlberg e nel Tirolo, seguiti dalla Svizzera orientale e dal Liechtenstein nei prossimi mesi. L’azienda propone progetti speciali a livello internazionale: “Siamo aperti a nuove collaborazioni con imprese edili, architetti e ingegneri di tutta l’area germanofona. Vogliamo esplorare nuove aree di applicazione per la stampa 3D con il cemento e aprire la strada come pionieri “, formula Loacker.

Loacker è convinta che in futuro anche altri settori trarranno vantaggio dall’ampia gamma di opzioni di design. Cita come esempio la costruzione di stand per fiere . Markus Loacker è convinto che la stampa 3D diventerà una realtà nei grandi cantieri nei prossimi due o tre anni. “Con la nostra azienda, siamo tra i pionieri dello sviluppo in tutta Europa. Ciò che è ancora impensabile oggi potrebbe forse venire dalla stampante 3D domani”.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi