Accordo Renishaw – Additive Automations per automatizzare la fase di post-elaborazione per la stampa 3D in metallo

Rimozione automatica delle strutture di supporto per le parti stampate in 3D utilizzando il deep learning

Renishaw collabora con Additive Automations al progetto di post-elaborazione della stampa 3D
“Un processo di produzione automatizzato potrebbe rendere l’adozione dell’AM più attraente per i produttori che gestiscono linee di produzione di grandi volumi”.

Renishaw ha annunciato una collaborazione con la start-up Additive Automations diSheffield per automatizzare la fase di post-elaborazione per la stampa 3D in metallo e fornire una soluzione più conveniente per linee di produzione di grandi volumi.

Il progetto, denominato Separation of Additive-Layer Supports by Automation (o SALSA), mira a ridurre il costo per parte del 25% attraverso l’uso di robot collaborativi (cobot) e tecnologia digital twin. Il processo funziona utilizzando i sensori di forza integrati del cobot che raccolgono dati per determinare la geometria del pezzo. Questi dati vengono poi analizzati dal software per determinare la posizione delle strutture di supporto che vengono poi rimosse utilizzando uno strumento end-effector.

“L’automazione della rimozione e della finitura del supporto in AM cambia completamente l’economia durante l’ampliamento dell’AM e per la prima volta rende possibile per i produttori di tutto il mondo adottare questa tecnologia nella produzione rapida”, ha spiegato Robert Bush, fondatore e CEO di Additive Automations. “La digitalizzazione dell’AM comporta anche un aumento della qualità, tracciabilità e ripetibilità. Dato che in media quasi due terzi dei costi di post-elaborazione derivano dalla finitura e dalla rimozione della struttura di supporto, riteniamo che l’automazione possa ridurre i costi in media del 25% per pezzo. “

Dalla sua fondazione, Additive Automations ha ottenuto finanziamenti da Innovate UK e dal National Research Council Canada e ha collaborato sia con Renishaw che con l’Advanced Manufacturing Research Center (AMRC) dell’Università di Sheffield. Renishaw afferma di aver iniziato a collaborare con l’azienda lo scorso anno e di aver fornito quattro esempi di parti in titanio in applicazioni mediche, petrolifere, automobilistiche e di ingegneria meccanica per dimostrare il processo di rimozione della struttura di supporto.

“I miglioramenti nella post-elaborazione potrebbero portare l’AM in prima linea nelle nuove applicazioni in applicazioni mediche e aerospaziali”, ha spiegato Bryan Austin, direttore delle vendite AM di Renishaw. “Un processo di produzione automatizzato potrebbe rendere l’adozione dell’AM più attraente per i produttori che gestiscono linee di produzione di grandi volumi”.

Be the first to comment on "Accordo Renishaw – Additive Automations per automatizzare la fase di post-elaborazione per la stampa 3D in metallo"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi