AMESOS e Polymaker annunciano una partnership per creare soluzioni di stampa 3D FFF per applicazioni di produzione in serie 

Polymaker e AMESOS , entrambi con sede a Shanghai, hanno annunciato la loro partnership per lo sviluppo congiunto di soluzioni di stampa 3D basate su Fused Filament Fabrication (FFF).

Polymaker sviluppa e produce un’ampia varietà di materiali per la stampa 3D basata sull’estrusione di materiali e i loro prodotti sono ampiamente utilizzati da un ampio spettro di utenti professionali e industriali.

AMESOS è stata recentemente costituita come spin-off di Akribis Systems, leader mondiale nei motori a trasmissione diretta e nelle tecnologie di controllo del movimento costituita nel 2004, e nonostante sia una nuova società, i team di AMESOS e Akribis hanno lavorato in passato sulla stampa 3D cinque anni, con le profonde capacità tecniche di Akribis che consentono loro di progettare sistemi di stampa 3D in nuovi modi.

La partnership aiuterà ad affrontare la complessità che solitamente causa la stampa 3D basata su FFF. La velocità di stampa FFF può spesso essere considerata lenta, il che può causare grossi ostacoli quando si utilizza la tecnologia, specialmente nelle applicazioni di produzione in serie, e nonostante l’accelerazione del settore, i progressi nel miglioramento della velocità di stampa sono stati limitati.

Tommy Huang, il co-fondatore di AMESOS, ha dichiarato: “Abbiamo iniziato cercando di risolvere il problema da soli, ma molto presto ci siamo resi conto che siamo solo una parte della soluzione e abbiamo un disperato bisogno di molte altre aree di competenza”.

Il dottor Xiaofan Luo, presidente di Polymaker, ha aggiunto: “La complessità del processo della stampa 3D FFF è di ordini di grandezza superiore rispetto alle tradizionali tecnologie di lavorazione dei polimeri, e quindi per affrontare davvero questo problema abbiamo bisogno di un importante cambio di paradigma nel processo di ricerca e sviluppo”.

Il motivo principale della mancanza di progressi nel miglioramento della tecnologia è che richiede la collaborazione di più domini di competenza tecnica, ma con la partnership di AMESOS e Polymaker, le aziende ritengono che il problema potrebbe presto avere una soluzione chiamata “FFF 2.0”.

Il dottor Xiaofan ha aggiunto: “Adotteremo un approccio incentrato sul processo e dal basso verso l’alto, e inizieremo con lo studio e la definizione del processo, che poi guida la progettazione della stampante e lo sviluppo dei materiali, non viceversa, e questo è molto diverso dal modo in cui la ricerca e lo sviluppo viene svolta oggi in molte aziende di stampa e materiali”.

Per aiutare ad affrontare la complessità dei processi, Polymaker introdurrà anche Helio Additive, una società startup che Polymaker ha aiutato a fondare, che sta sviluppando una soluzione software unica che combina simulazione basata sulla fisica e scienza dei dati per guidare lo sviluppo e l’ottimizzazione dei processi di stampa . Questo strumento software sarà fondamentale per il successo della partnership.

AMESOS introdurrà sul mercato anche un nuovo sistema di stampa 3D chiamato sistema Blade 1 che, secondo quanto affermato, ha mostrato una riduzione di oltre il 60% dei tempi di stampa rispetto alle stampanti FFF esistenti finora senza alcun compromesso nella qualità di stampa complessiva. Accoppiando questo con il materiale sviluppato su misura da Polymaker, si dice che le proprietà meccaniche siano alla pari o migliori rispetto alla stampa ad alta velocità.

Tommy ha aggiunto: “Abbiamo già visto alcuni risultati preliminari promettenti che hanno dimostrato la fattibilità e l’efficacia del nostro modello di partnership e ciò che vogliamo è ottenere una stampa ad alta velocità costante senza sacrificare la qualità o le proprietà delle parti”.

Il dottor Xiaofan ha dichiarato: “AMESOS e Polymaker hanno una visione condivisa sul futuro di FFF nella produzione in serie e siamo ancora all’inizio. C’è un enorme potenziale non sfruttato da esplorare”.

AMESOS e Polymaker stanno attualmente lavorando a una tabella di marcia tecnica pluriennale e il loro obiettivo finale è rendere la stampa 3D basata su FFF una “tecnologia di produzione competitiva e ampiamente adottata”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi