Additive Manufacturing Technologies (AMT) i quattro pilastri della sostenibilità nessuno spreco, chimica migliore, meno energia, meno lavoro e materiali di consumo

I QUATTRO PILASTRI DELLA SOSTENIBILITÀ DI ADDITIVE MANUFACTURING TECHNOLOGIES

Lo specialista in post-elaborazione Additive Manufacturing Technologies (AMT) con sede nel Regno Unito sta promuovendo la sicurezza e la sostenibilità nella stampa 3D attraverso quattro pilastri; nessuno spreco, chimica migliore, meno energia, meno lavoro e materiali di consumo.

Secondo Joseph Crabtree, CEO di AMT, “È importante quando si considera l’uso di AM come tecnologia di produzione per analizzare tutti i passaggi coinvolti dalla progettazione del prodotto al prodotto o componente finale.”

“È anche vitale quando si cerca di promuovere sistemi industriali ambientali sostenibili per prendere anche questa visione olistica, e qui in AMT, abbiamo un’ovvia e distinta attenzione sulla fase di post-elaborazione per AM.”

Fondata nel 2015, AMT ha sviluppato la tecnologia PostPro3D in attesa di brevetto per oggetti stampati in 3D industriali creati da Multi Jet Fusion (MJF), Laser Sintered (LS), High Speed ​​Sintering (HSS) e FFF / FDM. Utilizza i processi di depolverazione e levigatura, che altrimenti sono ad alta intensità di manodopera e costosi per i produttori, per la finitura dei componenti.

I sistemi dell’azienda sono basati sui quattro pilastri di n . Rifiuti, chimica migliore, meno energia e meno lavoro e materiali di consumo. In primo luogo, nessun effluente di acque reflue si riferisce a sostanze chimiche trattate in un sistema a zero rifiuti a circuito chiuso che elimina qualsiasi flusso in eccesso che gli operatori possono smaltire.

Il secondo, chimica migliore, affronta l’evitamento di materiali cancerogeni, mutageni, reprotossici (CMR) nonché di sostanze chimiche infiammabili o esplosive. Tutte le sostanze chimiche utilizzate da AMT sono costituite da una miscela appropriata di solventi organici e sono regolate dall’agenzia REACH dell’UE (registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche).

Meno energia è affermata attraverso le funzionalità di spegnimento del sistema PostPro3D che minimizzano la potenza erogata. Infine, il ritorno sull’investimento (ROI) si ottiene dopo 2 mesi dall’acquisto di un sistema PostPro3D che affronta il pilastro della sostenibilità in termini di manodopera e materiali di consumo.

All’inizio di quest’anno, la società di soluzioni per la stampa 3D industriale Farsoon Technologies ha stretto una collaborazione con AMT per sviluppare soluzioni di post-elaborazione efficaci per le stampanti 3D esistenti di Farsoon e per i sistemi CAMS (Continuous Additive Manufacturing Solution).

Successivamente, l’azienda ha introdotto PostPro3DColor e PostPro3DMini . Il primo sistema offre le stesse funzioni di PostPro3D aggiungendo colore alle parti stampate in 3D in un unico passaggio senza l’uso di acqua, mentre il secondo offre i vantaggi della macchina PostPro3D in un’unità più piccola.

Be the first to comment on "Additive Manufacturing Technologies (AMT) i quattro pilastri della sostenibilità nessuno spreco, chimica migliore, meno energia, meno lavoro e materiali di consumo"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi