Le soluzioni Adobe aprono la strada all’innovazione 3D 

Charles Goulding e Andressa Bonafe esaminano le innovazioni di Adobe nel mondo della stampa 3D.

La multinazionale americana Adobe Inc. è stata in prima linea nell’innovazione del software per la creazione, l’editing e l’editoria di contenuti audiovisivi. Con prodotti di punta di fama mondiale che includono Adobe Photoshop, Adobe Illustrator e Adobe Acrobat, l’azienda fornisce strumenti per vari tipi di contenuti, dalla grafica, alla fotografia e all’illustrazione, all’animazione, ai contenuti multimediali/video e alle immagini in movimento.

 
Fondata nel 1982, Adobe ha attualmente più di 26.000 dipendenti in tutto il mondo e operazioni che spammano tre segmenti: Digital Media, Digital Experience ed Publishing. Le tecnologie innovative dell’azienda hanno contribuito ad aprire la strada a nuove esperienze digitali, democratizzando la creatività e ispirando intere categorie di business.

Strumenti per l’innovazione di Adobe
Offrendo una gamma di soluzioni basate su cloud, Adobe aiuta le aziende a creare contenuti, migliorare le capacità di analisi e, in definitiva, aumentare la produttività. La piattaforma Adobe Experience , lanciata di recente , ad esempio, utilizza i dati provenienti da più origini per creare solidi profili dei clienti che si aggiornano in tempo reale. Con approfondimenti basati sull’intelligenza artificiale, la piattaforma ottimizza la fornitura di esperienze personalizzate su vari canali. 

 
Un altro esempio interessante è Substance 3D , un ecosistema per la progettazione 3D all’avanguardia. L’innovativa suite di strumenti e servizi consente la creazione di scene 3D fotorealistiche, insieme a una varietà di risorse 3D, inclusi materiali e modelli, filtri immagine, luci ambientali e modelli 3D. Aiuta ulteriormente a collegare il mondo fisico e quello digitale, facilitando la progettazione di esperienze di realtà aumentata e creando un laboratorio di scultura 3D disponibile sia su desktop che in VR.

 
Adobe ha dimostrato un crescente interesse per il mondo delle criptovalute e dei token non fungibili (NFT). Nel 2021 la Società ha lanciato Content Credentials , un sistema per fornire e valutare la provenienza e l’attribuzione dei contenuti digitali. Lo strumento è integrato in Photoshop e raccoglie dettagli su modifiche, attività e informazioni sull’attribuzione . Una volta esportate, le informazioni vengono acquisite come attribuzione a prova di manomissione e dati storici, che possono essere allegati al contenuto, aiutando i venditori di NFT a dimostrarne l’autenticità.

 
Sempre nel 2021, il social network di Adobe Behance, la piattaforma online leader per mostrare e scoprire il lavoro creativo, ha introdotto un nuovo modo per mostrare l’arte NFT coniata su Ethereum. Da allora questa capacità è stata ampliata per supportare le opere d’arte coniate su Solana e Polygon , che secondo quanto riferito sono blockchain più efficienti dal punto di vista ambientale. 

Adobe è anche molto impegnata nel futuro delle esperienze immersive, in particolare nel metaverso . L’azienda sta sviluppando nuovi strumenti per la progettazione, la creazione e la distribuzione di esperienze virtuali fotorealistiche. Le attuali aree di interesse includono la creazione di contenuti 3D e altri contenuti immersivi, esperienze di commercio virtuale e portabilità di identità e beni virtuali. 

Nel marzo 2022, Adobe ha annunciato una serie di collaborazioni incentrate sul metaverso . Queste partnership includono marchi leader e pionieri nel campo, come NVIDIA, Epic Games, The Coca-Cola Company e NASCAR.

 Adobe e la stampa 3D
 
Adobe è anche impegnata in partnership per far progredire la stampa 3D. Una collaborazione con Stratasys Ltd. ha consentito agli utenti di Adobe Substance 3D Painter di trasformare facilmente rendering 3D digitali in modelli stampati in 3D utilizzando la tecnologia di stampa 3D PolyJet di Stratasys. Eliminando la necessità di software aggiuntivo o processi esterni, il flusso di lavoro ottimizzato aumenta considerevolmente l’efficienza preservando la capacità di stampare a colori, materiale e finitura.

Articoli stampati su stampanti Stratasys PolyJet direttamente da Adobe Substance 3D Painter 

Le aziende di molti settori si sono affidate agli strumenti di Adobe per portare avanti i loro sforzi innovativi. Che si tratti di creare esperienze immersive o di dare vita a complessi modelli 3D, queste attività possono probabilmente ricevere crediti d’imposta per la ricerca e lo sviluppo, come descritto di seguito.


Indipendentemente dal fatto che venga utilizzata per creare e testare prototipi o per la produzione finale, la stampa 3D è un ottimo indicatore del fatto che sono in corso attività idonee al credito di ricerca e sviluppo. Le aziende che implementano questa tecnologia in qualsiasi momento dovrebbero considerare di sfruttare i crediti d’imposta per la ricerca e lo sviluppo.

Conclusione
Per decenni, Adobe è rimasta all’avanguardia nell’innovazione e i suoi strumenti hanno consentito la creatività in molti settori. Il design coinvolgente e le soluzioni di stampa 3D semplificate sono tra gli ultimi sviluppi destinati a beneficiare aziende e creatori di vari settori.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi