Mattone n. 1: metallurgia a microgravità

Qual è il prossimo passo nello spazio? Una fabbrica fuori dal mondo

L’imminente apertura del prossimo sito di produzione di Airbus non sarà in Europa o negli Stati Uniti… Sarà davvero fuori dal mondo, nello spazio!

Finora questa era pura fantascienza. Ma già dal prossimo anno diventerà realtà, almeno in una certa misura. E Airbus lo sta realizzando. Perché è allora che gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) porteranno a bordo il loro pratico compagno: Metal3D, la prima stampante 3D in metallo nello spazio.


Mattone n. 1: metallurgia a microgravità
Metal3D, sviluppato da Airbus per l’Agenzia spaziale europea (ESA), è un vero punto di svolta. Utilizza il metallo come materiale di partenza e lo stampa a 1.200 gradi Celsius per produrre nuove parti come schermi per radiazioni, utensili o apparecchiature direttamente in orbita. Le versioni future della stampante 3D potrebbero anche utilizzare materiali come la regolite (polvere di luna) o parti riciclate da satelliti dismessi. Già alla fine di questo decennio, le stampanti 3D potrebbero essere utilizzate anche sulla Luna, consentendo una presenza umana sostenibile lì stampando strutture per rover lunari o habitat.

La stampa 3D nello spazio o sulla Luna è solo l’inizio. Airbus non sarebbe Airbus se non portasse la produzione spaziale a un livello superiore. Non appena nei prossimi tre o quattro anni, produrrà e assemblerà interi satelliti nello spazio. Quindi la sua prossima fabbrica di satelliti non sarà in Europa o negli Stati Uniti, ma nello spazio, centinaia di chilometri sopra di noi!

Tutto questo è chiaramente ambizioso, ma attingendo al suo vero spirito pionieristico, farà volare anche quello. Nei suoi laboratori in tutta Europa e basandosi su ciò che ha imparato dal ripensare la progettazione dei satelliti per i satelliti della costellazione OneWeb, i suoi team stanno lavorando duramente per trasformare in realtà la catena di montaggio spaziale. Hanno già sviluppato un manipolatore robotico in grado di eseguire operazioni accurate e complesse per l’assemblaggio e la produzione di satelliti. Può anche essere utilizzato per ricaricare e riparare veicoli spaziali. Inoltre, i suoi esperti hanno creato algoritmi in modo che i bracci robotici possano lavorare insieme e persino costruirsi a vicenda.

Mattone n. 2: robotica autonoma per test di assemblaggio interazione spaziale


Mattone n. 2: robotica autonoma per test di assemblaggio_interazione spaziale
Poiché c’è abbastanza spazio nello spazio, sarà possibile costruire strutture più grandi come enormi riflettori, consentendo ai satelliti di telecomunicazione di coprire l’intero pianeta. La soluzione di Airbus consiste nel lanciare parti di kit che verranno assemblate nello spazio dai bracci robotici della nostra fabbrica spaziale.

kit di montaggio per grandi riflettori


Brick# 3: kit di montaggio per grandi riflettori
La produzione di satelliti e strutture più grandi direttamente in orbita rivoluzionerà la produzione tradizionale dei sistemi spaziali: non solo la produzione sulla Terra non sarà più necessaria; i vincoli di peso e dimensioni associati al portare i satelliti nella loro orbita saranno un ricordo del passato.



Per non parlare del fatto che la produzione nello spazio è sostenibile: sono necessari meno lanci di razzi e il materiale per la produzione può provenire dai detriti spaziali che galleggiano intorno. Quindi, con la fabbrica spaziale, Airbus sta anche aiutando a ripulire lo spazio e garantire un futuro sostenibile per l’industria.

Lab Demetra

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi