Al MIT stanno sviluppando processi di stampa 3D per stampare meglio la lucentezza degli oggetti da riprodurre

L’arte come possibile ambito di applicazione:
I ricercatori statunitensi del MIT stanno sviluppando processi di stampa 3D per stampare meglio la lucentezza degli oggetti da riprodurre

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno sviluppato un nuovo tipo di processo di stampa 3D che rende le repliche stampate in 3D ancora più realistiche. Con il sistema è possibile riprodurre, oltre alla forma e al colore, la proprietà “gloss”, che spesso non è stata presa in considerazione fino ad ora. Le opere d’arte in particolare – ma anche ogni altro prodotto immaginabile – possono così essere duplicate più vicino all’oggetto reale.

Quasi tutti gli oggetti possono essere riprodotti in modo impressionante con le stampanti 3D . Funziona bene con la forma e il colore, ma replicare correttamente il gloss è difficile o impossibile, almeno finora. L’American Massachusetts Institute of Technology ( MIT ) ha presentato una soluzione di stampa 3D con la quale, secondo un comunicato stampa del MIT , la lucentezza degli oggetti da copiare può essere riprodotta in modo più realistico. I ricercatori presenteranno la loro soluzione alla conferenza SIGGRAPH Asia . Qualche tempo fa, Polymaker e Kuraray hanno lanciato il filamento PVB “PolySmooth” per superfici lisce e lucide .

Brilla sulle superfici con le vernici disponibili in commercio
L’hardware di stampa 3D non è progettato per le diverse viscosità (viscosità) delle vernici, che sono responsabili delle superfici lucide o opache. Il team guidato dal ricercatore del MIT Michael Foshey ha affrontato il problema e ha sviluppato un sistema di stampa 3D hardware e software combinato che utilizza vernici disponibili in commercio per creare modelli di lucentezza realistici e spazialmente variabili per gli oggetti, secondo il comunicato stampa.

Secondo Foshey, la tecnologia sarebbe adatta per la riproduzione fedele di belle arti. Protesi mediche più realistiche rappresenterebbero una seconda area di applicazione.

Viscosità e stampa 3D
Le superfici lucide si riflettono come specchi. Le vernici che forniscono una finitura lucida sono meno viscose e troppo secche per una superficie liscia. Le vernici per una finitura opaca sono più viscose, più vicine al miele. Questo contiene grandi polimeri che fuoriescono casualmente dalla superficie dopo l’essiccazione e assorbono la luce.

Gli ugelli e i sottili canali del liquido della stampante 3D non sono progettati per tali materiali “simili al miele”, poiché si intasano facilmente. La riproduzione di una superficie con una lucentezza spazialmente diversa è laboriosa. L’utente non può indicare alla stampante 3D di rifinire un’area opaca e una lucida.

Soluzione di stampa 3D con vernice
I ricercatori del MIT hanno sviluppato una stampante 3D con grandi ugelli e la capacità di depositare goccioline di vernice di dimensioni diverse. La vernice è conservata nel recipiente a pressione della stampante. Una valvola a spillo si apre e si chiude per rilasciare goccioline di vernice sulla superficie di stampa. Fattori come la pressione del serbatoio e la velocità di movimento della valvola a spillo creano una varietà di dimensioni delle goccioline da ottenere. Più vernice viene rilasciata, più grande è la goccia. Maggiore è la velocità di rilascio della goccia, più si diffonde non appena colpisce la superficie.

Stampante 3D dei ricercatori del MIT

La stampante 3D raggiunge una lucentezza che varia spazialmente attraverso i mezzitoni. Le goccioline di vernice discrete sono disposte in motivi che sembrano una superficie continua da lontano. Gli occhi dello spettatore si mescolano, spiega Foshey. La stampante utilizza tre tipi di vernice. Una finitura opaca, una lucida e una in mezzo. Le lacche sono incorporate nel motivo a mezzitoni preprogrammato e la stampante può ottenere sfumature di lucentezza continue e spazialmente variabili sulla superficie di stampa.

Una pipeline software controlla l’output di stampa. L’utente specifica il modello di lucentezza desiderato sulla superficie pianificata. La stampante 3D esegue una calibrazione, prova diversi modelli di mezzitoni con le lacche e determina il modello di mezzitoni corretto in base alla riflettività dei modelli di calibrazione per la migliore riproduzione possibile. Ora l’hardware deve essere ulteriormente sviluppato.

Be the first to comment on "Al MIT stanno sviluppando processi di stampa 3D per stampare meglio la lucentezza degli oggetti da riprodurre"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi