Aluminium Materials Technologies con l’ Università di Birmingham per approfondire la comprensione della sua lega di alluminio A20X per la stampa 3d

Aluminium Materials Technologies e l’Università di Birmingham per esaminare più a fondo la lega di alluminio A20X per AM

Attraverso questa partnership, le organizzazioni esamineranno ulteriormente le proprietà caratteristiche della lega prodotta tramite la fusione a letto di polvere e le tecnologie di stampa 3D a deposizione diretta di energia.

A20X è stato sviluppato per la prima volta negli anni ’90 dalla fonderia Aeromet International nel tentativo di superare le sfide – come la lacerazione a caldo e la porosità da ritiro quando gettato in forme complesse – dell’A201. La lega A20X è considerata tra le leghe di alluminio per la produzione additiva più resistenti disponibili in commercio, con una particolare idoneità per l’applicazione nell’industria aerospaziale e del motorsport. Si dice che sia disponibile per l’uso in “ tutti i principali marchi di apparecchiature AM ”, la lega vanta eccellenti proprietà alle alte temperature, resistenza alla corrosione da stress e migliori proprietà di fatica rispetto alle leghe di produzione additiva basate su AI-Si, secondo Aluminium Material Technologies.

L’Università di Birmingham ha già realizzato con successo progetti che hanno portato alla stampa di parti campione con la lega per la produzione additiva e ora ha collaborato con Aluminium Materials Technologies per approfondire la loro comprensione della metallurgia. In tal modo, studieranno gli effetti sui cambiamenti nella composizione, nei trattamenti termici e nei parametri del processo AM sulle proprietà dei componenti prodotti in modo additivo e sono pronti a riferire i loro risultati in una data successiva.

“A20X è stato adottato con successo in componenti aerospaziali completamente qualificati tramite la produzione additiva”, Martin McMahon, Direttore dello sviluppo aziendale presso Aluminium Materials Technologies. “L’affidabilità della lega A205 si è dimostrata più che adeguata in applicazioni ad alta resistenza, alta duttilità e alte temperature di esercizio, quindi stiamo ora basandoci sui nostri vasti programmi di sviluppo, per creare una comprensione ancora maggiore della metallurgia fondamentale del Lega AM. Non vediamo l’ora di fare ulteriori annunci sui risultati di questa collaborazione con un gruppo di ricerca così prestigioso “.

“L’esperienza dell’Università con questa lega risale ai primi giorni della sua introduzione come polvere metallica per la produzione additiva, e abbiamo portato a termine molti progetti di successo che caratterizzano le proprietà fisiche delle parti candidate”, Moataz Attallah, Professore di Advanced Materials Processing e Direttore di AMPLab presso la School of Metallurgy & Materials dell’Università. “Quindi ora stiamo lavorando a stretto contatto con AMT per scavare più a fondo in ciò che rende questa lega così unica e, attraverso la nostra selezione di strumenti AM e una vasta gamma di tecniche di caratterizzazione dei materiali, siamo in un’ottima posizione per farlo accadere”.

Be the first to comment on "Aluminium Materials Technologies con l’ Università di Birmingham per approfondire la comprensione della sua lega di alluminio A20X per la stampa 3d"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi