ASTM accordo con la NASA per supportare la stampa 3D

L’organizzazione internazionale per gli standard ASTM International , che si dedica a soddisfare le esigenze sociali globali, ha annunciato nel 2017 che stava istituendo un Centro di eccellenza per la produzione additiva (AM CoE) e aveva bisogno di partner dell’industria, del governo e del mondo accademico per aiutare il lancio il centro. Uno dei primi membri fondatori di questa nuova partnership di collaborazione è stata la US National Aeronautics and Space Administration, meglio conosciuta come NASA, insieme a Auburn University e EWI. All’epoca, John Vickers, Principal Technologist della NASA in Additive Manufacturing, commentò la sua “relazione decennale” con ASTM nello sviluppo di standard aerospaziali e aeronautici a vantaggio dell’intero settore, e in particolare della missione della NASA.

Ora, l’AM CoE ha annunciato di aver stipulato un accordo di cooperazione con il suo partner NASA al fine di, come afferma un comunicato stampa internazionale ASTM, “sostenere attività di interesse comune”.

“Siamo entusiasti dell’opportunità di rafforzare ed espandere il nostro rapporto con la NASA. Questo accordo di partnership creerà un ambiente collaborativo per far avanzare i progetti di produzione additiva fondamentali per i futuri successi della NASA “, ha affermato Mohsen Seifi, Ph.D., direttore dei programmi globali di produzione additiva di ASTM International.

Lo scopo dell’AM CoE è condurre attività di ricerca e sviluppo strategiche al fine di accelerare lo sviluppo e l’adozione di tecnologie innovative, come la produzione additiva, nonché standard avanzati per le tecnologie AM. Il nuovo contratto triennale, che vale fino a $ 750.000, formalizzerà e darà impulso alla crescita della partnership tra la NASA e l’AM CoE.

Doug Wells, ingegnere senior presso il Marshall Space Flight Center della NASA, ha dichiarato: “Siamo stati di supporto all’AM CoE sin dall’inizio e sappiamo che questa partnership continua produrrà benefici quantificabili per supportare i continui investimenti della NASA nelle tecnologie AM”.

Come uno dei primi membri dell’AM CoE, la NASA ha ruoli specifici nei progetti di supporto che verranno sviluppati nel nuovo accordo di cooperazione con l’AM CoE. Il primo di questi sarà incentrato sulle procedure di qualificazione per i processi AM di fusione a letto di polvere con raggio laser (LB-PBF), che è uno dei principali ostacoli all’adozione dell’AM in molte applicazioni. ASTM e il suo AM CoE si sono concentrati su LB-PFB per un po ‘di tempo, proponendo nuove linee guida per il processo AM fin dal 2014 e attualmente lavorano per sviluppare un metodo comune e aperto per raccogliere, elaborare e organizzare vari dati AM tipi raccolti da dispositivi di misurazione che monitorano il processo LB-PBF e ispezionano le parti finali.

Inoltre, l’AM CoE ha ristrutturato non molto tempo fa i suoi consorzi di settore, stanziando risorse aggiuntive e migliorando le definizioni di ruoli importanti, allo scopo di sviluppare processi per la generazione di dati AM e creare database di materiali. I Consorzi collaboreranno con i comitati tecnici di ASTM, incluso F42 , per trasformare le migliori pratiche e le lezioni apprese in standard AM attuabili.

Infine, Richard Huff, che in precedenza ha ricoperto i ruoli di Direttore delle applicazioni – Binder Jet AM per GE Additive e Responsabile del team tecnico di ingegneria presso Caterpillar Inc., è stato scelto come nuovo AM Business Development Manager di ASTM. Gestirà ed espanderà le partnership, così come i consorzi industriali, per l’AM CoE.

Be the first to comment on "ASTM accordo con la NASA per supportare la stampa 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi